World Affairs/Covid-19. Oltre 1000 casi tra le truppe USA, ma il Pentagono ordi...

Covid-19. Oltre 1000 casi tra le truppe USA, ma il Pentagono ordina di censurare tutto

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Il Dipartimento della Difesa ha ordinato ai comandanti di tutte le sue installazioni in tutto il mondo di smettere di annunciare pubblicamente nuovi casi di coronavirus tra il loro personale, mentre 1.000 persone legate ai militari statunitensi sono state già colpite dal coronavirus.


Quando si dice la trasparenza. Un altro caso sulla controversa gestione da parte degli Stati Uniti della pandemia da Covid-19.
 
Secondo quanto riferisce il quotidiano statunitense 'Stars and Stripes', "l'ordine emesso venerdì dal segretario alla Difesa Mark Esper ha lo scopo di proteggere la sicurezza operativa delle installazioni globali del Dipartimento della Difesa. Lo ha dichiarato lunedì Jonathan Hoffman, il portavoce capo del Pentagono."

Secondo i comandanti del Dipartimento della Difesa si teme che gli avversari degli Stati Uniti possano sfruttare tali informazioni, soprattutto se i dati mostrano che la diffusione possa aver ha avuto un impatto sulle forze nucleari statunitensi o su altre unità critiche. "I dati sulle principali forze militari sono informazioni classificate come un rischio per la sicurezza operativa e potrebbero compromettere le operazioni e / o la deterrenza", ha affermato Hoffman nella. "Se un comandante ritiene che [il coronavirus] potrebbe influire sulla prontezza dei nostri deterrenti strategici o delle nostre forze di risposta strategica, comprensibilmente proteggiamo tali informazioni dalla diffusione pubblica e cadiamo nelle mani dei nostri avversari, poiché prevediamo che farebbero lo stesso ”.
 
Hoffman ha promesso che il Pentagono continuerà a rilasciare aggiornamenti quasi quotidiani di casi totali tra truppe, lavoratori civili del DOD, dipendenti militari e appaltatori della difesa, come i funzionari dell'ufficio per gli affari pubblici di Esper hanno fatto per quasi tre settimane. Questi numeri sono cresciuti costantemente ad ogni uscita, omettendo i 1.000 casi di covid-19 nella conferenza di ieri.
 
A partire da ieri mattina, il Pentagono ha riferito che 633 membri del servizio erano tra 1.087 casi totali all'interno della comunità del Dipartimento della Difesa. Gli ultimi dati mostrano un drammatico aumento dei casi tra le truppe da venerdì scorso, quando il Pentagono ha segnalato 343 casi tra i membri del servizio.
 
I singoli servizi militari rimangono autorizzati a denunciare al pubblico casi di coronavirus all'interno dei loro ranghi, ha affermato Hoffman. "Sebbene i servizi non rilasceranno il numero di casi in ciascuna base, continueremo a lavorare a stretto contatto con le comunità locali per garantire la salute e il benessere di tutti", ha precisato. "I singoli impianti [e] i comandi continueranno a funzionare a stretto contatto con le agenzie sanitarie delle rispettive comunità in merito alla segnalazione, in quanto le nostre basi fanno parte di una più ampia comunità civile ".
 
Il sindaco di San Antonio, in Texas, Ron Nirenberg, ha criticato la decisione di Esper.
 
"Penso che questa sia una pandemia globale e che la gente abbia il diritto di saperlo", ha dichiarato lunedì in un'intervista con il San Antonio Express-News.
 
"La mancanza di informazioni sta complicando una risposta coordinata alla pandemia a livello statale e federale", ha affermato il sindaco, la cui città ha quattro importanti installazioni militari nell'area.
 
Ha aggiunto che "una delle più grandi battaglie che abbiamo di fronte è aiutare le persone a capire la gravità della situazione".
 
Il cambio di politica è avvenuto dopo che Esper la settimana scorsa, durante un'intervista all'agenzia di stampa Reuters, ha accennato che avrebbe presto iniziato a trattenere "numeri disaggregati" legati al virus. Ma il segretario alla Difesa non ha specificato quali informazioni sarebbero state trattenute, ha riferito Reuters.
 
Come precisa il quotidiano statunitense, domenica scorsa, funzionari dell'esercito statunitense a Stoccarda, in Germania, hanno annunciato di non poter più fornire al pubblico informazioni aggiornate sui casi nella loro area locale.  Stoccarda, che ospita U.S. European Command and U.S. Africa Command, aveva riportato almeno 80 infezioni tra il suo personale.
 
Nel frattempo, i funzionari di Camp Humphreys nella Corea del Sud hanno confermato ieri un quinto caso di virus tra il personale assegnato a quella base, la più grande base americana in quel paese. Non è stato immediatamente chiaro il motivo per cui tali informazioni sono state rese pubbliche per la nuova politica.
 
I funzionari della difesa di diverse comandi militari negli Stati Uniti hanno confermato ieri di essere stati emessi l'ordine di smettere di fornire dati sui loro casi. Molti di questi funzionari hanno espresso preoccupazione per il fatto che il nuovo divieto di dati locali potrebbe danneggiare la loro capacità di informare le proprie forze e mettere a dura prova la loro capacità di lavorare con i funzionari delle comunità civili circostanti in mezzo alla pandemia. I funzionari hanno parlato a condizione di anonimato.
 
"Dovremo risolverlo", ha spiegato uno dei funzionari. “Le persone non saranno felici. Non credo che lo capiranno. "
 
Le singole installazioni hanno fornito il numero di casi tramite comunicati stampa ufficiali, dichiarazioni sui loro siti Web e in gran parte attraverso i social media, in cui i principali comandanti hanno fornito aggiornamenti sulle condizioni delle loro basi e risposto alle domande del pubblico.
 
Hoffman ha affermato che il Dipartimento della Difesa non nasconderà informazioni sulle morti legate al coronavirus nelle sue installazioni e lavorerà per tenere al corrente i funzionari locali di qualsiasi "minaccia alla salute" proveniente dalle basi militari.
 
"Apprezziamo la comprensione dei nostri cittadini mentre proteggiamo la sicurezza operativa e la prontezza della nostra nazione", ha concluso.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa