Crimini di guerra ucraini: fatti contro “omissioni”

Crimini di guerra ucraini: fatti contro “omissioni”

FOTO: "Strage di civili a Donetsk (22 settembre 2022)" di Eliseo Bertolasi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Andrej Torin - Interaffairs.ru

 

A Mosca si è tenuta la presentazione del libro “Crimini ucraini contro l’umanità (2022-2023)”. Coautori: Maksim Grigorev, membro della Camera Civica  russa, e Dmitrij Sablin, primo vicepresidente dell’organizzazione pubblica russa dei veterani “Fratellanza di combattimento” e deputato della Duma di Stato dell’Assemblea Federale della Russia. Questa pubblicazione è stata preparata con il sostegno della Camera Civica della Russia, del Commissario per i diritti umani della Federazione Russa e del Fondo per il sostegno e la protezione dei diritti dei connazionali all’estero.





Prima di ogni capitolo del libro, gli autori citano le disposizioni delle Convenzioni di Ginevra, che stabiliscono gli standard del diritto internazionale umanitario. Il lavoro riporta i resoconti di testimoni oculari: sulle uccisioni deliberate e dei bombardamenti sui civili, sull’impiego di “scudi umani”, incluso la detenzione di ostaggi, l’impedimento all’evacuazione di donne e bambini e l’istallazione di postazioni militari in aree abitate. La parte ucraina pratica la cattura e la detenzione di ostaggi, la tortura di civili e prigionieri di guerra, bombardamenti e attacchi a cliniche e ospedali, la distruzione di abitazioni civili, il posizionamento massivo di mine su città e paesi, rapine e saccheggi. Il libro è attualmente disponibile per la libera consultazione su Internet.




Grigorev ha sottolineato che questo nuovo lavoro rappresenta i risultati intermedi dell’attività del Tribunale civico internazionale sui crimini dei neonazisti ucraini e dei loro complici. Ricordiamo che questa struttura è stata istituita dalla Camera Civica, nel 2022. Il suo lavoro coinvolge personaggi pubblici, attivisti per i diritti umani e giornalisti di 26 paesi che si recano regolarmente nelle zone di guerra e nelle aree liberate, parlano dei crimini di guerra ucraini con le vittime e i testimoni oculari.

“Ad oggi, abbiamo registrato più di 600 reati. Le persone che hanno sofferto direttamente per mano dei militari ucraini parlano apertamente di questi crimini, senza nascondere i propri nomi e cognomi”, ha osservato M. Grigorev.

Il membro della Camera Civica ha sottolineato che tutti questi dati vengono trasferiti al Comitato Investigativo della Russia per indagare su tali crimini. Come ha notato M. Grigorev, ogni giorno ci sono sempre più fatti nuovi che testimoniano la violazione delle norme del diritto umanitario da parte delle Forze Armate Ucraine. “Nel prossimo futuro verrà pubblicato un rapporto della Camera Civica russa su questo argomento”, ha affermato.


Aleksej Karyakin
, presidente della Camera Civica della Repubblica Popolare di Lugansk, ha osservato che il libro presta particolare attenzione ai metodi usati per disumanizzare la popolazione del Donbass. Ad esempio, a Severodonetsk, Mariupol e Artyomovsk, le pattuglie delle Forze Armate Ucraine sparavano a chiunque potesse almeno destare i loro sospetti.

“Gli autori hanno mostrato chiaramente nel loro libro l’evoluzione del regime politico in Ucraina, dalla russofobia standard alla nuova norma, secondo la quale chiunque abbia sostenuto l’autodeterminazione del Donbass e non abbia accettato il nuovo governo è un “subumano”. È stato ripetutamente registrato che, lasciando le città, le truppe ucraine hanno continuato a bombardarle, cancellandole dalla faccia della terra insieme alla popolazione. È difficile definire ciò che sta accadendo ora sul territorio del Donbass controllato dalle Forze Armate Ucraine come qualcosa di diverso dal genocidio. In queste condizioni, l’indagine sui crimini di guerra è uno dei mattoni che costruiscono la difesa contro le menzogne e l’assalto fascista che oggi cerca di allargarsi su tutta la terra. Più libri di questo tipo ci saranno, più sarà facile dimostrare la nostra verità”, ha detto A. Karyakin.

Il presidente della Commissione della Camera Civica russa sulle questioni della sovranità Vladimir Rogov ha osservato che questa pubblicazione è importante anche in termini d’influenza su quei militari ucraini che non hanno ancora “oltrepassato il limite” della loro crudeltà, e che potrebbero arretrare temendo una possibile punizione. “Più iniziative di questo tipo ci saranno, più si dimostrerà l’inevitabilità della punizione per i criminali di guerra, maggiori saranno le possibilità che ce la faremo a salvare molte migliaia di vite”, ha sottolineato V. Rogov.

Sergej Futo, vice capo dello staff di lavoro del Commissario per i diritti umani in Russia, ha sottolineato che questa nuova pubblicazione è, di fatto, la base del futuro tribunale contro il regime politico di Kiev: “Purtroppo, il numero di richieste ricevute dal Commissario indica che questo non sarà l’ultimo libro. Abbiamo un lavoro molto lungo davanti a noi. È particolarmente importante tradurre questo lavoro in lingue straniere in modo che tutti possano ottenere fatti esaustivi e prove di crimini contro la popolazione civile”.

Il noto attivista per i diritti umani, membro del Consiglio Presidenziale russo per lo Sviluppo della Società Civile e dei Diritti Umani Aleksandr Brod ha ricordato che lo studio dei crimini contro l’umanità ha una lunga storia in Russia. Ad esempio, ha nominato opere come “Il Libro nero” di Vasilij Grossman e Ilya Erenburg, “Il libro del blocco” (in riferimento al blocco di Leningrado ndr.) di Ales Adamovich e Daniil Granin.

“La forza del documento, le testimonianze dei testimoni oculari sono particolarmente importanti oggi, nelle condizioni di una guerra di informazione e propaganda senza precedenti contro la Russia. Dal 2014, sui crimini di guerra commessi dall’Ucraina e sulle violazioni dei diritti dei cittadini, praticamente non se ne parla da nessuna parte. Ci sono dichiarazioni separate di rappresentanti delle Nazioni Unite, ma hanno registrato solo violazioni dei diritti dalla parte delle Forze Armate Ucraine. Per quanto ne so, il Comitato Investigativo della Russia ha già avviato diverse migliaia di procedimenti penali contro i mandanti e gli autori di questi crimini. Arriverà il momento di un Tribunale internazionale. Penso che siano giuste le parole secondo cui tali crimini non avranno un termine di prescrizione e che i colpevoli non sfuggiranno alle loro responsabilità”, ha affermato Aleksandr Brod.

Armen Gasparyan, membro della Camera Civica della Russia, commentando l’uscita del nuovo libro, ha osservato che spesso molte persone associano il tema dei crimini contro l’umanità esclusivamente agli eventi della Grande Guerra Patriottica: il genocidio dei cittadini sovietici nei territori occupati - con quanto esposto al Tribunale di Norimberga. “Ma tutto questo sta accadendo ora, in tempo reale! La gente del Donbass osserva crimini contro l’umanità da molti anni. Gli autori hanno svolto un lavoro estremamente importante paragonabile ai materiali dei processi di Krasnodar o Kharkov all’epoca della Grande Guerra Patriottica. Spero che il nuovo libro trovi rapidamente lettori di massa e che il lettore capisca per quale motivo è stata lanciata l’Operazione Militare Speciale”, ha concluso.

 

Fonte

Tradotto da Eliseo Bertolasi

 

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti