Da tre giorni le forze di Haftar impediscono ai giudici di esaminare ricorso di Saif Gheddafi

Da tre giorni le forze di Haftar impediscono ai giudici di esaminare ricorso di Saif Gheddafi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Proseguono i sabotaggi contro la candidatura di Saif Gheddafi alle presidenziali libiche che dovrebbero tenersi il 24 dicembre, il condizionali mai come in questo caso è davvero d'obbligo.

Come informa The Libya Observer, "per il terzo giorno consecutivo, la corte d'appello di Sabha ha sospeso la seduta per esaminare la mozione proposta da Saif Al-Islam Gheddafi contro il rigetto della sua candidatura da parte dell'Alta Commissione elettorale nazionale (HNEC) a causa delle minacce ai giudici da parte delle forze di Khalifa Haftar che stanno isolando il tribunale da due giorni".

Le forze di Haftar si sono ritirate ieri mattina dalle vicinanze del tribunale di Sabha dopo essere state lì negli ultimi due giorni a bloccare il processo di appello di Saif Al-Islam Gheddafi. Il ritiro è arrivato dopo che molti persone che sostengono Gheddafi sono scesi in strada rifiutando l'interferenza delle forze di Haftar.

L'avvocato di Gheddafi è arrivato al tribunale di Sabha in seguito e la sessione avrebbe dovuto essere convocata, ma in seguito se ne è andato perché i giudici non si sono presentati.

Nel frattempo, il capo della sicurezza di Sabha, Mohammed Behser, ha accusato Haftar e suo figlio Saddam di aver ordinato alle loro forze di rovinare il processo elettorale, aggiungendo a Libya Alahrar TV che il battaglione 115 al comando di Mohammed El-Jarih all'interno della zona militare meridionale è la forza che ha bloccato le strade per il tribunale di Sabha negli ultimi giorni.

La confusione è totale in Libia come da 11 anni ormai. Più passano giorni ed emergono i sabotaggi, sempre più chiara è la possibilità e la paura dei suoi avversari, che Saif Gheddafi possa vincere sul serio le elezioni.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti