/ Damasco condanna l'accordo di frontiera USA-Turchia nel nord dell...

Damasco condanna l'accordo di frontiera USA-Turchia nel nord della Siria

 

Damasco condanna fermamente qualsiasi accordo Turchia-USA per creare una "zona sicura" nel nord della Siria definendola una "violazione della sua sovranità".


"La Siria esprime la sua ferma condanna delle continue e distruttive interferenze degli Stati Uniti nei suoi affari (interni), poiché mira a prolungare e complicare la crisi", ha riferito una fonte del ministero degli Esteri siriano all'agenzia di stampa ufficiale SANA.
 
Il funzionario, citato in forma anonima, ha riaffermato il rifiuto categorico di qualsiasi patto siglato tra Ankara e Washington per creare una zona cuscinetto nel nord della Siria, un fatto che rappresenta una "sfacciata aggressione contro l'integrità territoriale e l'unità nazionale della Siria ".


 
L'accordo è in effetti "una flagrante violazione dei principi del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite (Organizzazione delle Nazioni Unite)", ha sottolineato.
 
La reazione siriana arriva dopo che la Turchia ha continuato a discutere della creazione di una zona di smilitarizzazione lungo il confine turco-siriano dopo aver minacciato di lanciare un'altra offensiva transfrontaliera contro le milizie curde-siriane, elencate come "terroristi" da Ankara.
 
La stessa fonte diplomatica siriana aggiunge che il pretesto della lotta antiterroristica sollevata da Ankara contraddice le manovre politiche della Turchia, che è stata un "fondamentale" supporto al terrorismo dallo scoppio del conflitto siriano nel 2011.
 
"La Siria, che ha affrontato tutte le forme di terrorismo per otto anni, continuerà i suoi sforzi per perseguire i resti del terrorismo fino a quando non sarà completamente sradicato da tutto il suo territorio", ha avvertito.
 
Fonte: SANA
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa