World Affairs/Damasco contro Erdogan: "Gli attacchi del regime turco non raffor...

Damasco contro Erdogan: "Gli attacchi del regime turco non rafforzeranno i loro mercenari-terroristi e continueremo a combatterli"

 

Il presidente della Turchia Erdogan ha dichiarato oggi che la parte siriana "ha ricevuto ciò che meritava". In riferimento agli attacchi contro le postazioni siriane e in particolare all'abbattimento di un elicottero delle forze siriane nella provincia di Idlib in mano a jihadisti, Erdogan ha poi minacciato: "non è ancora abbastanza".

 
 
Il presidente turco Recep Tayyp Erdogan ha dichiarato martedì che il governo siriano pagherà un "prezzo molto alto" per attaccare le truppe turche nella regione siriana di Idlib, dove in poco più di una settimana sono morti 13 soldati di Ankara, secondo quanto riportato da Reuters.
 

"Abbiamo dato le risposte necessarie alla parte siriana ai massimi livelli. Soprattutto a Idlib, hanno ricevuto ciò che meritavano. Ma questo non è abbastanza, continuerà ancora" , ha aggiunto, sostenendo che mercoledì annuncerà un piano su come gestire la situazione attuale in questa provincia siriana.

 
Ore prima della dichiarazione di oggi di Erdogan, la catena di stato turca TRT Haber ha riferito che i jihadisti appoggiati dalla Turchia hanno abbattuto un elicottero che si ritiene appartenga al governo siriano nella città di Nayrab.
 
 
 
 
Le dichiarazioni di Erdogan arrivano il giorno dopo dell'attacco della Turchia contro 115 bersagli dell'esercito siriano in risposta al  bombardamento  di un posto militare turco nell'area di Taftanaz, nel nord-ovest di Idlib. Sono morti nell'attacco cinque soldati turchi.
 
Intanto, il Ministero degli Affari Esteri siriano ha denunciato che il regime turco continua la sua aggressione contro la sovranità e il territorio della Repubblica araba siriana schierando più forze nelle province di Idleb e Aleppo e attaccando aree popolate e alcuni punti militari in un tentano di salvare i loro mercenari terroristi che vengono sconfitti per mano dell'esercito arabo siriano.
 
"La Repubblica araba siriana ribadisce il rifiuto categorico di qualsiasi presenza turca nei suoi territori e garantisce che ciò costituisca una flagrante violazione del diritto internazionale e della sovranità siriana, e contraddice le dichiarazioni di Astana e Sochi relative alla Zona di Distensione ad Idleb ”, ha ribadito il Ministero degli Esteri siriano in una dichiarazione.
 
Ha aggiunto che questa presenza conferma la persistenza del regime di Erdogan di non rispettare i suoi impegni e di continuare ad agire al di fuori della legge.
 
"La Siria esorta la comunità internazionale ad assumere posizione a causa della riduzione del comportamento aggressivo del regime turco e del suo sostegno illimitato al terrorismo in Siria e in Libia, e ribadisce che questi attacchi non riporteranno in vita le organizzazioni terroristiche", ha ribadito la diplomazia siriana.
 
Concludendo, Damasco ribadisce che le forze dell'esercito arabo siriano continueranno la loro persecuzione contro le restanti organizzazioni terroristiche fino alla loro definitiva sradicazione e riprenderanno il controllo dell'intero territorio nazionale.
 
Intanto, per nulla turbato dalle minacce di Erdogan e dagli attacchi turchi, l'esercito siriano si appresta a prendere il controllo totale dell'autostrada Aleppo-Damasco-M5, per la prima volta dal 2012.


 
Nella provincia di Idlib, a Nayrab, le truppe di Damasco, dopo l'abbattimento di un elicottero governativo, hanno respinto un violento attacco dei mercenari turchi e di altre milizia jihadiste che tentavano riconquistare Saraqib.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa