Domenica, si lavora e si muore sul lavoro. Operaio di 34 anni schiacciato da una pressa

Domenica, si lavora e si muore sul lavoro. Operaio di 34 anni schiacciato da una pressa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Domenica, giorno di riposo per la maggior parte dei lavoratori che non siano occupati in mansioni che richiedano un ciclo e presenza continua.

Per Francesco Martino, 34 anni, non era una domenica di risposo, anzi, era lì sul suo posto di lavoro in una ditta di mezzi pesanti, la Sater, situata Pomigliano d'Arco, in provincia di Napoli.

Durante il suo lavoro, un braccio meccanico si è staccato non lasciando scampo al giovane operaio.

La notizia è stata resa nota solo oggi. Appunto, ieri era domenica, qualcuno era troppo stanco per pubblicarla, per non rovinare la giornata di riposo a qualcuno.

Si resta addolorati, la rabbia si acculuma per i tanti, troppi omicidi sul lavoro ed anche la perplessità quando leggiamo le parole come quelle di Giovanni Passaro segretario generale della Fillea Cgil di Napoli: "Doveva essere un giorno festivo, ma oramai siamo alla barbarie, si muore anche di domenica. Certo è che gli omicidi nei luoghi di lavoro, perché di questo si tratta, non trovano adeguate risposte da parte degli organi preposti al controllo. Basta chiacchiere: bisogna introdurre il reato di omicidio colposo. Bisogna punire in modo esemplare chi nell'organizzazione del lavoro è imprudente e poco attento alla vita e alla salute dei lavoratori."

Parole certamente condivisibili, ma al sindacalista, qualora volesse risponderci, vogliamo chiedergli: Dove era il suo e gli altri sindacati confederali quando hanno stipulato contratti capestro e flessibili che inducono gli imprenditori a sottoporre i lavoratori ad ogni sorta di turno massacrante, senza rispettare magari anche le normali misure di sicurezza?

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti