Dottrina Nucleare, Ucraina e Gruppo Wagner: tutti i punti salienti del discorso di Vladimir Putin al Valdai

Dottrina Nucleare,  Ucraina e Gruppo Wagner: tutti i punti salienti del discorso di Vladimir Putin al Valdai

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



TASS


La Russia sta lavorando per ricostruire la propria economia, continuando nel contempo l'operazione speciale in Ucraina e difendendo le proprie tradizioni, la propria cultura e il proprio popolo", ha dichiarato il Presidente Vladimir Putin rispondendo alle domande di Fyodor Lukyanov, moderatore di una sessione plenaria del Valdai Discussion Club, e dei partecipanti all'incontro. La TASS ha raccolto le principali osservazioni di Putin.


Sull'economia russa


"Finora l'abbiamo gestita bene e ho motivo di credere che continueremo così anche in futuro". "È iniziata una ricostruzione naturale dell'economia", come era avvenuto in seguito all'embargo alimentare del 2014.

A differenza dell'Europa, il reddito reale disponibile dei russi sta crescendo nonostante l'aumento delle spese per la difesa e la sicurezza. La Russia sta abbandonando "l'evanescente mercato europeo", aumentando "la sua presenza sui mercati in crescita di altre parti del mondo, compresa l'Asia".


SuI Nord Stream e le forniture di gas


Gli Stati Uniti erano la parte più interessata a far saltare i gasdotti Nord Stream, "e non importa per mano di chi". Tuttavia, i responsabili saranno individuati.

La Germania può ancora ricevere gas attraverso il ramo rimanente del gasdotto, ma Washington non è disposta a permetterlo. Gli anglosassoni stanno minacciando anche il gasdotto TurkStream, sostenendo i piani dell'Ucraina per danneggiarlo.

La Russia rimane impegnata nei contratti con l'Europa e continua a far transitare il gas attraverso l'Ucraina, mentre Kiev "è felice" di essere pagata per questo.

Sulla dottrina nucleare

Non c'è bisogno di cambiare la dottrina nucleare nazionale, perché l'attacco di ritorsione della Russia in seguito a un attacco nucleare da parte di un potenziale aggressore lascerà il nemico senza possibilità di sopravvivenza. "Nessuno sano di mente e con la memoria lucida penserebbe di usare le armi nucleari contro la Russia".

La Russia ha avuto successo in termini di deterrenza nucleare: ha infatti completato i lavori sul missile Sarmat e presto ne avvierà la produzione di massa per metterlo in servizio in combattimento insieme al missile Burevestnik.

Non è necessario effettuare test nucleari, ma in teoria la Russia potrebbe adottare un approccio "tit-for-tat", dato che gli Stati Uniti non hanno ratificato il Trattato sulla messa al bando totale degli esperimenti nucleari. "Tuttavia, la decisione spetta ai membri della Duma di Stato (la camera bassa del Parlamento - TASS)".

Sul Nagorno-Karabakh

La Russia ha suggerito dei modi per risolvere la questione del Nagorno-Karabakh prima che le tensioni si riaccendano nella regione. "Tuttavia, i nostri amici del Karabakh hanno continuato a dirci: <...> 'Combatteremo'".

Dopo che Erevan ha riconosciuto lo status della regione, "il Karabakh è entrato ufficialmente a far parte dell'Azerbaigian; questa era la posizione dell'attuale governo armeno". Ha cambiato immediatamente lo status delle forze di pace russe, perché Baku è emersa come l'unica parte con cui discutere della loro presenza. Tuttavia, hanno fatto tutto il possibile "per affrontare i problemi umanitari", mentre avevano solo il diritto di monitorare un cessate il fuoco. "Come sapete, i nostri peacekeepers sono stati uccisi lì, mentre proteggevano gli armeni del Karabakh".

Tuttavia, "non ci sono armeni lì; tutti se ne sono andati". "Forse sono rimaste circa 1.000-1.500 persone". La Russia è pronta ad aiutare i rifugiati e "l'Armenia rimane un nostro alleato".

Sull'operazione speciale in Ucraina

"Stiamo proteggendo le nostre tradizioni, la nostra cultura e il nostro popolo". "Ci stiamo muovendo costantemente per raggiungere i nostri obiettivi".

Alla domanda su dove la Russia dovrebbe interrompere le operazioni speciali in Ucraina, Putin ha risposto che "non si tratta di territori, ma di garanzie di sicurezza per il popolo russo" e "per le persone che considerano la Russia la loro Madrepatria".

La Russia ha aumentato in modo significativo la produzione di equipaggiamento militare. Quasi 350.000 soldati a contratto si sono uniti all'esercito nell'ultimo anno.

"Le forze russe si sentono sicure"; ieri sono avanzate "in 12 aree lungo l'intera linea di contatto".

Su Odessa

"Odessa è certamente una città russa, e un po' ebrea, questo è quello che diciamo ora: solo un po'".

Sulle prospettive del sostegno occidentale all'Ucraina

Gli Stati Uniti stanno affrontando un "ritardo tecnico nel sostegno all'Ucraina", ma Washington "troverà" altri soldi. Gli americani stamperanno denaro come hanno fatto durante la pandemia di coronavirus. "Mentre vediamo l'economia statunitense in crescita", il settore della produzione reale europea "è in una situazione molto difficile". "L'onere per la popolazione sta crescendo" a causa dell'assistenza all'Ucraina.

Tuttavia, l'Ucraina non durerà senza aiuti stranieri. L'Ucraina "si fermerà" se non continuerà a ricevere 4-5 miliardi di dollari al mese e, senza le forniture di armi occidentali, Kiev "durerà solo una settimana".

La Russia si è sempre opposta all'adesione dell'Ucraina alla NATO, ma non si è mai opposta all'adesione del Paese all'UE. Tuttavia, l'economia ucraina è disfunzionale e la popolazione è scesa da 41 milioni a 19,5 milioni. Se Bruxelles è disposta a occuparsene, "allora si accomodi".

Sulla riabilitazione del nazismo
"Assicurare la denazificazione" dell'Ucraina è un obiettivo comune a tutto il mondo e quello che è successo nel parlamento canadese dimostra che è rilevante.

L'ex speaker del parlamento canadese ha messo sullo stesso piano "i collaboratori di Hitler, le truppe delle SS e le attuali forze armate ucraine", mentre il presidente ucraino Vladimir Zelensky, che è ebreo, ha applaudito un veterano nazista.

Sulle finanze globali

Il sistema finanziario globale "non è perfetto o equilibrato o in linea con gli interessi della maggioranza globale". In particolare, le nazioni africane sono gravate da prestiti per oltre mille miliardi di dollari. "Non saranno mai pagati". La Russia, invece, ha ridotto in modo significativo il suo debito.

Non è necessario che i BRICS creino una moneta unica, a giudicare dall'esperienza dell'euro. Il gruppo ha bisogno di un sistema comune di pagamenti basato sulle valute nazionali.

Sulla nuova cortina di ferro

La Russia e l'Europa condividono lo stesso "codice di civiltà" basato sul cristianesimo. Tuttavia, l'Europa sta creando "una nuova cortina di ferro", mentre la Russia tiene la porta aperta.

L'Europa è stata costretta a smettere di commerciare con la Russia e a seguire gli Stati Uniti, anche se il suo benessere si basava sulle forniture di energia a basso costo dalla Russia e sull'accesso al mercato cinese. Di conseguenza, "molti europei dicono che l'Europa ha perso la sua sovranità".

Non è chiaro perché alcuni occidentali abbiano fatto della Serbia il loro "bersaglio". Tuttavia, non sono i serbi a dover essere spezzati.

Sugli amici all'estero

"Ho degli amici là [in Germania] e, per quanto possa sembrare strano, il loro numero sta crescendo". L'ex cancelliere tedesco Gerhard Schroeder è uno di loro. "La Germania dovrebbe essere orgogliosa di queste persone".

La Russia ha molti "veri amici" anche in Francia, e il loro numero è in aumento.

Il presidente russo si è astenuto dal partecipare agli eventi del G20 e dei BRICS "per non creare problemi ai miei amici". Inoltre, "c'è molto da fare a casa".


Sul Gruppo Wagner

Il Gruppo Wagner non è mai stato legalmente "una compagnia militare privata", come l'hanno definito i giornalisti. Le autorità non hanno ancora deciso se la Russia ha bisogno di compagnie militari private, ma se verranno create, sarà fatto in base alla legge.

Il capo del Comitato Investigativo ha recentemente presentato un rapporto sull'indagine relativa a un incidente aereo che ha causato la morte di alti comandanti Wagner. "Nei loro corpi sono stati trovati frammenti di bombe a mano"; "l'aereo non ha subito un impatto esterno".


(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti