"E' iniziata la guerra mondiale. E' ora di parlare". Su un articolo profetico di John Pilger del 2016

"E' iniziata la guerra mondiale. E' ora di parlare". Su un articolo profetico di John Pilger del 2016

Rileggere un articolo del 2016 del famoso giornalista ora, nel 2023, è come guardare qualcuno che posiziona bandiere accanto a semi piantati di recente che alla fine si trasformeranno negli enormi problemi che il nostro mondo deve affrontare ora.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Caitlin Johnstone – Consortium News

 

Nel marzo del 2016 il famoso giornalista e regista australiano John Pilger ha pubblicato un articolo intitolato “È iniziata una guerra mondiale. E' ora di parlare ” che metteva in guardia con urgenza dall'escalation aggressiva dell'impero americano contro Russia e Cina. Rileggerne alcune parti nel 2023 è come guardare qualcuno che posiziona bandiere accanto a semi piantati di recente che alla fine si trasformeranno negli enormi problemi che il nostro mondo si trova ad affrontare. 

È come ascoltare un viaggiatore del tempo che avverte le persone del passato di un grave errore che stanno per commettere. Pilger sottolinea le provocazioni statunitensi in Ucraina, il militarismo della NATO e l’accerchiamento della Cina e mette in guardia dal crescente rischio di una guerra nucleare, sottolineando che la spesa per le testate nucleari “è aumentata più sotto [Barack] Obama che sotto qualsiasi presidente americano”. 

“Negli ultimi 18 mesi, lungo la frontiera occidentale della Russia si sta verificando il più grande rafforzamento di forze militari dalla Seconda Guerra Mondiale – guidato dagli Stati Uniti –”, aveva scritto Pilger. “Da quando Hitler invase l’Unione Sovietica le truppe straniere non rappresentavano una minaccia così evidente per la Russia”.

“L’Ucraina – una volta parte dell’Unione Sovietica – è diventata un parco a tema della CIA”, scriveva Pilger. “Dopo aver orchestrato un colpo di stato a Kiev, Washington controlla di fatto un regime che è della porta accanto ed ostile alla Russia: un regime marcio di nazisti, letteralmente. Figure parlamentari di spicco in Ucraina sono i discendenti politici dei famigerati fascisti dell'OUN e dell'UPA. Lodano apertamente Hitler e chiedono la persecuzione e l’espulsione della minoranza di lingua russa”.

“In Lettonia, Lituania ed Estonia – vicini alla Russia – l’esercito americano sta schierando truppe da combattimento, carri armati e armi pesanti”, aveva aggiunto Pilger. “Questa provocazione estrema della seconda potenza nucleare del mondo incontra il silenzio in Occidente”.

“Ciò che rende la prospettiva di una guerra nucleare ancora più pericolosa è una campagna parallela contro la Cina”, aveva continuato Pilger. “Gli Stati Uniti stanno circondando la Cina con una rete di basi, con missili balistici, gruppi di battaglia, bombardieri con armi nucleari. Questo arco letale si estende dall’Australia alle isole del Pacifico, Marianne, Marshall e Guam, alle Filippine, Tailandia, Okinawa, Corea e attraverso l’Eurasia fino all’Afghanistan e all’India. L’America ha appeso un cappio al collo della Cina. Questa non è una novità. Silenzio da parte dei media; guerra mediatica”.

Pilger ha sottolineato il modo in cui il suo paese d'origine, l'Australia, è stato coinvolto nei preparativi di guerra di Washington contro la Cina, una tendenza che da allora è peggiorata man mano che i tamburi di guerra si facevano più forti.

“Nel 2015, in massima segretezza, gli Stati Uniti e l’Australia hanno organizzato la più grande esercitazione militare aeronavale della storia recente, nota come Talisman Saber”. “Il suo scopo era quello di provare un piano di battaglia aria-mare, bloccando le rotte marittime, come lo stretto di Malacca e lo stretto di Lombok, che tagliano l’accesso della Cina al petrolio, al gas e ad altre materie prime vitali dal Medio Oriente e dall’Africa”.

Pilger scrisse tutto questo mentre si preparava a far uscire il suo eccellente film The Coming War on China , che sarebbe uscito quell'anno. In esso, mostra come gli Stati Uniti abbiano circondato la Cina con macchinari da guerra in un modo che sarebbe considerato un atto di guerra se avvenisse vicino alle coste americane, e sottolineava la gravità della prospettiva di un conflitto nucleare.

Tutto ciò di cui Pilger aveva messo in guardia si è rivelato in quanto tale. Una guerra in Ucraina è scoppiata a seguito del colpo di stato sostenuto dagli Stati Uniti nel 2014 e del timore della Russia di una NATO sempre più espansionistica e militarista, mentre l’accerchiamento militare statunitense della Cina è andato rapidamente aumentando mentre le ostilità tra le due superpotenze accelerano verso un punto di rottura. , facilitato in non piccola parte dalla base militare delle dimensioni di un continente conosciuta come Australia . Quelle che nel 2016 erano solo storie di fondo, ora dominano i titoli dei giornali di oggi. 

Ne parlo perché penso che sia utile dimostrare che siamo da anni su questa strada verso il conflitto globale tra le maggiori potenze, e che si sta svolgendo in modi che alcuni vedevano arrivare da chilometri di distanza. Gran parte del lavoro di Pilger potrebbe essere definito profetico, ma Pilger non è un profeta: è solo un giornalista con un orecchio rivolto alla terra che ha analizzato criticamente il comportamento dell'impero per decenni. È stato in grado di tracciare con precisione la traiettoria che il nostro mondo ha seguito prima di molti altri e da allora ha continuato lungo quella stessa traiettoria con una velocità spaventosa.

Se riesci a vedere la traiettoria su cui si trova un oggetto, puoi determinare dove devi posizionarti per ostacolarne il percorso. Il fatto che in tutti questi anni siamo stati su una traiettoria lineare verso il conflitto globale tra stati dotati di armi nucleari dimostra che opporsi a quella traiettoria è di importanza esistenziale per ogni organismo vivente su questo pianeta. Eppure, i media vogliono ancora che ci concentriamo sui pettegolezzi sulle celebrità, sulla politica dei partiti e su Donald Trump.

La guerra mondiale è ancora alle porte. Dobbiamo ancora rompere il silenzio e opporci. I nostri governanti ci stanno guidando in questa direzione ormai da molto tempo, e non si allontaneranno finché non li faremo noi.

 

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti