World Affairs/Ecco come il 'Caesar Act' degli USA tenta di soffocare 17 milion...

Ecco come il 'Caesar Act' degli USA tenta di soffocare 17 milioni di siriani

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Di Rick Sterling - Anti-War
 
 
Dal 2011, gli Stati Uniti e gli alleati hanno promosso, addestrato e fornito militanti nel tentativo di provocare un "cambio di regime" a Damasco. Avendo fallito in questo sforzo, hanno cercato di strangolare economicamente la Siria. L'obiettivo è sempre stato lo stesso: costringere la Siria a cambiare politicamente. Questo mese, giugno 2020, l'aggressione raggiunge un nuovo livello con sanzioni estreme note come Caesar Syria Civilian Protection Act .

 
La nuova legge è fraudolenta per due motivi. Si chiama "Caesar" in riferimento a un'acrobazia di propaganda del 2014 che coinvolge un siriano anonimo che sarebbe stato considerato un fotografo militare. Ha affermato di avere 55.000 foto che mostrano circa undicimila vittime della tortura del governo siriano. Come diceva allora Christian Science Monitor , il rapporto "Caesar" era "Un esercizio di propaganda tempestivo finanziato dal Qatar". Le 30 pagine di analisi hanno poi confermato che il rapporto “Caesar” era una frode con quasi la metà delle foto che mostrano il contrario di quanto affermato: infatti documentano soldati siriani morti e le vittime civili di bombe e auto attacchi dei “ribelli”.
 
Il Caesar Syrian Civilian Protection Act è anche fraudolento sostenendo di "proteggere i civili". In realtà, punisce e ferisce la stragrande maggioranza di 17 milioni di persone che vivono in Siria. Provocherà migliaia di civili che soffrono e muoiono inutilmente.
 
Sanzioni preesistenti
 
Gli Stati Uniti sono stati ostili alla Siria da molti decenni. A differenza di Anwar Sadat, allora presidente dell'Egitto, la Siria sotto Hafez al Assad ha rifiutato di fare un trattato di pace con Israele. La Siria è stata designata "sponsor statale del terrorismo" e sanzionata per la prima volta dagli Stati Uniti nel 1979.
 
Dopo l'invasione e l'occupazione dell'Iraq in Iraq nel 2003, la Siria ha accettato circa un milione di rifugiati iracheni e ha sostenuto la resistenza irachena in vari modi. Per rappresaglia, gli Stati Uniti hanno intensificato le sanzioni nel 2004.
 
Nel 2010, il segretario di stato americano Hillary Clinton ha fatto pressioni sulla Siria per cambiare la sua politica estera ed essere più amichevole con Israele. Il presidente siriano Bashar al Assad ha fortemente rifiutato . Dodici mesi dopo, quando nel 2011 sono iniziate le proteste e la violenza in Siria, le monarchie del Golfo(Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti), gli Stati Uniti, l'Europa  hanno rapidamente sostenuto l'opposizione e imposto ulteriori sanzioni.
 
Nel 2016, dopo cinque anni di crisi e guerre, è stato preparato un rapporto sull'impatto umanitario delle sanzioni in Siria per la Commissione economica e sociale delle Nazioni Unite per l'Asia occidentale. Ha osservato che "le sanzioni statunitensi e dell'UE alla Siria sono fra i regimi sanzionatori più complicati e di vasta portata mai imposti". Il rapporto di 30 pagine è stato documentato con studi di casi su come gli aiuti umanitari che si suppone siano autorizzati vengono effettivamente fermati. Le norme sanzionatorie, le licenze e le sanzioni rendono così difficile e rischioso che l'aiuto umanitario sia effettivamente prevenuto. La relazione si è conclusa con tredici raccomandazioni specifiche per consentire aiuti umanitari e allo sviluppo.
 
Ma non c'è stato rilassamento o cambiamenti nel labirinto di regole e sanzioni per consentire aiuti umanitari. Al contrario, mentre il governo siriano stava espellendo i terroristi da Aleppo Est, Damasco meridionale e Deir Ezzor, gli Stati Uniti e l'UE hanno bloccato tutti gli aiuti per la ricostruzione. Gli Stati Uniti e gli alleati erano intenzionati a NON consentire alla Siria di ricostruire.
 
Nel 2018, il relatore speciale delle Nazioni Unite, Idriss Jazairy, ha preparato una relazione sull'impatto negativo delle misure unilaterali coercitive sui diritti umani in Siria. Ha osservato che “Le misure unilaterali coercitive su input e output agricoli, medicine, su molti articoli a duplice uso relativi all'acqua e ai servizi igienico-sanitari, elettricità pubblica e trasporti, e infine sulla ricostruzione di scuole, ospedali e altri edifici e servizi pubblici, sono sempre più difficili da giustificare , se mai fossero giustificabili. "
 
Prima del 2011, il 90% delle esigenze farmaceutiche era coperto dalle fabbriche siriane. Le fabbriche che rimangono hanno difficoltà a reperire materie prime e non possono ottenere parti di ricambio per le attrezzature. Ad esempio, una costosa macchina per dialisi o una risonanza magnetica di Siemens o General Electric è resa inutile perché la Siria non può importare il pezzo di ricambio del software. Sulla carta, possono acquistare questo, ma in realtà non possono.
 
Oltre 500.000 civili sono tornati ad Aleppo dopo che i terroristi sono stati espulsi alla fine del 2016. Ma l'aiuto alla ricostruzione è vietato dalle sanzioni statunitensi e dalle regole delle Nazioni Unite. Possono ricevere "kit di ricovero" con plastica ma non è consentita la ricostruzione con pareti di vetro e cemento perché è vietata la "ricostruzione". Questo articolo descrive numerosi esempi di casi di Aleppo devastato dalla guerra.
 
L'autore ha avuto un'esperienza personale con l'impatto delle sanzioni. Un amico siriano non è riuscito a procurarsi batterie per apparecchi acustici per un giovane con problemi di udito. Le sanzioni gli hanno impedito di poter ordinare l'articolo perché le transazioni finanziarie e la consegna sono vietate senza una licenza speciale. Una scorta di batterie specializzate era facile da acquistare negli Stati Uniti, ma ci è voluto quasi un anno per arrivare a destinazione in Siria.
 
Bullismo economico e terrorismo negli Stati Uniti
 
Il Caesar Act estende le sanzioni applicabili ai cittadini e alle società statunitensi a qualsiasi individuo e società. Sostiene la prerogativa sovranazionale di applicare le leggi statunitensi a chiunque. Le "sanzioni nei confronti di persone straniere" comprendono il blocco e il sequestro di proprietà e beni di una persona o società che si ritiene abbiano violato la legge degli Stati Uniti. Ciò è aggravato da una sanzione fiscale che può essere enorme. Nel 2014, una delle maggiori banche internazionali, BNP Paribas, è stata multata per 9 miliardi di dollari per violazione delle sanzioni statunitensi contro Cuba, Iran e Sudan.
 
Il Caesar Act afferma che la Banca centrale siriana è un'istituzione di "riciclaggio di denaro primario" e quindi in una categoria speciale. Mira a rendere impossibile per le società siriane le esportazioni e le importazioni dal Libano. Renderebbe estremamente difficile o impossibile per i siriani all'estero trasferire denaro per sostenere i familiari in Siria.
 
Oltre a questi straordinari attacchi, gli Stati Uniti stanno minando e destabilizzando la valuta siriana. Nell'ottobre 2019, la valuta siriana era scambiata a circa 650 sterline siriane con un dollaro USA. Ora, solo 8 mesi dopo, il tasso è di 2600 dollari USA. Parte del motivo è a causa della minaccia del Caesar Act.
 
Un altro motivo è dovuto alla pressione degli Stati Uniti sul principale partner commerciale, il Libano. Tradizionalmente, il Libano è il partner principale sia per le importazioni che per le esportazioni. Nella primavera del 2019 il segretario di Stato americano, Mike Pompeo , ha minacciato il Libano se non avesse cambiato le sue politiche. Era palese interferenza negli affari interni libanesi. Nell'autunno del 2019 sono iniziate le proteste di strada e anche la crisi bancaria libanese e siriana è iniziata.
 
Con la svalutazione della loro valuta, i prezzi di molti articoli sono aumentati notevolmente. Le materie prime e i prodotti finiti agricoli, medici, industriali e di altro tipo sono quasi impossibili da acquisire.
 
La carenza di cibo è aggravata dal fatto che i campi di grano nel nord-est della Siria, il cestino del pane della Siria, sono stati intenzionalmente incendiati
La scorsa settimana, gruppi settari in Libano hanno bloccato i camion del Programma alimentare mondiale che trasportavano aiuti alimentari in Siria. Nel frattempo, nella Siria orientale, gli Stati Uniti e la loro milizia per procura controllano e traggono profitto dai giacimenti petroliferi mentre il governo siriano e i civili lottano con una grave carenza di petrolio e gas.
 
James Jeffrey e la politica degli Stati Uniti
 
Il 7 giugno, il rappresentante speciale per l'impegno in Siria, l'ambasciatore James Jeffrey, ha dichiarato sfacciatamente quale fosse la politica americana. Gli Stati Uniti cercano di impedire la ricostruzione della Siria. Dichiarando: "Abbiamo gettato tutto tranne il lavello della cucina ..."
 
L'eccezione alle sanzione Sono
1) la provincia di Idlib nel Nord Ovest, controllata dagli estremisti di Al Qaeda e dalle forze di invasione turche.
2) la Siria nord-orientale controllata dalle truppe statunitensi e dai separatisti per procura noti come "forze democratiche siriane". 
Gli Stati Uniti hanno stanziato $ 50 milioni per sostenere "aiuti umanitari" in queste aree. Altri alleati degli Stati Uniti pomperanno centinaia di milioni in più in aiuti e "investimenti". I dollari USA e la lira turca vengono pompati in queste aree in un'altra tattica per minare la valuta e la sovranità siriane.
 
Al contrario, la stragrande maggioranza dei siriani - circa 17 milioni - viene soffocata e ferita dalle sanzioni estreme.
 
Gli Stati Uniti hanno obiettivi multipli. Un obiettivo è impedire alla Siria di riprendersi. Un altro obiettivo è prolungare il conflitto e danneggiare quei paesi che hanno assistito la Siria. Con consumato cinismo e amoralità, l'inviato americano per la Siria James Jeffrey  ha descritto il suo compito: "Il mio compito è renderlo un pantano per i russi". Evidentemente non ci sono stati cambiamenti significativi nelle ipotesi e negli obiettivi di politica estera da quando gli Stati Uniti e l'Arabia Saudita hanno iniziato a interferire in Afghanistan nel 1979.
 
Nella sua dichiarazione "Fine della missione" del 2018 , il relatore speciale delle Nazioni Unite è stato chiaro sull'uso di sanzioni unilaterali coercitive contro la Siria: "l'uso di tali misure potrebbe essere contrario al diritto internazionale, al diritto internazionale umanitario, alla Carta delle Nazioni Unite e le norme e i principi che regolano le relazioni pacifiche tra gli Stati ".
 
Caesar Act e i democratici
 
Gli attacchi economici e altri alla Siria sono stati promossi da falchi della destra, in particolare ferventi sostenitori di Israele. Eliot Engel, presidente della commissione per gli affari esteri del Congresso, ha spinto per far approvare il Caesar Act da anni. Ciò è stato finalmente realizzato integrandolo nell'enorme legge nazionale sull'autorizzazione alla difesa del 2020 .
 
Nel segno speranzoso che i tempi possano cambiare, un candidato progressista di nome Jamaal Bowman potrebbe disfare Engel come candidato democratico alle prossime elezioni. Eliot Engel è supportato da Hillary Clinton e altri falchi di politica estera. Jamaal Bowman è supportato da Bernie Sanders.
 
Sebbene ciò possa offrire speranza per il futuro, la stragrande maggioranza dei siriani continua a essere vittima di delusioni, ipocrisia, cinismo e delle crudeltà statunitensi in politica estera.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa