Ecuador: a Guayaquil i corpi delle vittime di Covid-19 marciscono o vengono bruciati per strada

Ecuador: a Guayaquil i corpi delle vittime di Covid-19 marciscono o vengono bruciati per strada

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Ecuador affronta la peggiore emergenza sanitaria legata alla pandemia di coronavirus Covid-19 in America Latina, raggiungendo il numero di quasi 3.000 persone infette a livello nazionale.

 

Secondo dati ufficiali, 93 persone sono morte per Covid-19, ci sono 2.748 casi confermati di contagio e 3.423 casi sospetti. Tuttavia, le informazioni non ufficiali parlano di cifre molto più alte, di oltre 400 morti. Solo a Guayaquil - il cuore economico del paese - il consigliere Andrés Guschmer ha denunciato la morte di 400 persone.

 

Il collasso del sistema funerario a seguito della crisi  è così grande che il presidente dell'Ecuador, Lenín Moreno, ha dovuto formare una task force congiunta per seppellire tutti i defunti.

 

BBC Mundo ha comunicato con alcuni parenti e vicini delle vittime e le testimonianze coincidono con quelle due parole che Joseph Conrad ha evidenziato nel suo lavoro "Il cuore delle tenebre”: l’orrore, l’orrore. 

 

Secondo il quotidiano "El Comercio", tra il 23 e il 30 marzo, la polizia nazionale ha esaminato 308 corpi in diverse case e dicono che ce ne sono circa 400 da raccogliere. Tuttavia, data la mancanza di ambulanze e capacità negli obitori, molti di loro sono stati semplicemente scaricati nelle strade, come si può vedere in un video drammatico circolante sui social network, in cui un gruppo di agenti di polizia prendono un cadavere da un camioncino e lo lasciano in una strada. 

 

La mancanza di risposta da parte delle autorità ha costretto le famiglie a portare i loro morti in strada per evitare la contaminazione delle case. In altri casi, le famiglie hanno scelto di lasciare il defunto a casa e dormono per strada, come si vede in questo video:

 

Oltre alle morti nelle case, la città deve affrontare l'incubo dei morti nelle sue strade. Jésica Zambrano, giornalista del quotidiano El Telégrafo, ha raccontato alla BBC News Mundo la sua esperienza nel centro di Guayaquil.

 

«Il mio compagno è uscito per fare la spesa e una persona morta è stata trovata nelle strade di Pedro Carbo e Urdaneta. In precedenza ci hanno detto che un altro era morto a pochi metri di distanza. Qui siamo abituati a vedere mendicanti che dormono per strada, ma a causa di questa crisi gli sfrattati muoiono nel centro della città.



 

Un gran numero di pompe funebri ha abbassato le serrande per paura dell'infezione. 

 

Il comportamento delle pompe funebri durante la crisi è stato indagato dalla giornalista Susana Morán, del sito di notizie digitali Plan V, nell'articolo "Morire due volte a Guayaquil".

 

Morán ha intervistato la proprietaria di una pompa funebre che ha chiuso la sua attività per paura del contagio. "Sono già vecchia, per guadagnare qualche soldo non ho intenzione di mettere in pericolo la mia famiglia", ha detto questa signora alla giornalista.

 

Per l'ingegnere Wated, è un insieme di fattori che si combinano nello scenario peggiore.

 

«Le case funebri sono crollate, non hanno nemmeno il personale; i cimiteri non hanno la capacità di ricevere così tante persone a tale velocità; le persone non possono lasciare le loro case per eseguire le procedure per seppellire i loro defunti; il bilancio delle vittime cresce tra quelli a cui è stata diagnosticato il covid-19 e le persone sospettate di essere morte per covid che non sono state sottoposte a test: questo crea un collo di bottiglia». 

 

La situazione di Guayaquil è la peggiore perché il caldo accelera il livello di decomposizione dei cadaveri più che in altre parti del paese.

 

Il presidente Lenín Moreno ha annunciato sui social network che sono già partiti i lavori per creare un cimitero per seppellire i morti Guayaquil con dignità.

Molti ecuadoriani hanno criticato la risposta lenta e debole del regime di Moreno, che ha appena pagato quasi $ 320 milioni ai creditori internazionali per debito estero. Moreno ha assicurato di aver effettuato il pagamento "per accedere immediatamente a 2.000 milioni di dollari dalle fonti di finanziamento che abbiamo già gestito".

 

Il pacchetto economico di austerità attuato da Moreno nel 2019, ha ridotto la spesa pubblica per la salute e ha lasciato il paese in una situazione precaria per far fronte alla pandemia. 

 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti