Elezioni in Siria, ci sono ancora dubbi?

Elezioni in Siria, ci sono ancora dubbi?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La giornalista cubana Maria Victoria Valdes Rodda analizza le recenti elezioni presidenziali in Siria, dopo anni di guerra e sanzioni. L'occidente è ferma nel non voler riconoscere la Vittoria di Assad alle elezioni presidenziali, ragione per la quale la giornalista cubana pone una domanda: In Siria nulla è facile, ma la stragrande maggioranza confida nelle proprie capacità e in quelle del presidente, rieletto per la quarta volta consecutiva. Questo non significa niente?

di Maria Victoria Valdés Rodda - Bohemia

Ebbene sì, sarebbe la risposta al titolo di questo commento: c'è ancora chi mette in dubbio la validità e la trasparenza di questa seconda elezione presidenziale, svoltasi nel mezzo di una sanguinosa guerra. 

Bashar al Assad è stato appena rieletto presidente della Repubblica araba siriana, con il 95 per cento dei voti. Le ragioni di tale simpatia si vedono in un crescendo nonostante e in mezzo alle vite troncate, alla carenza quotidiana di beni di prima necessità, ai bambini mutilati e a migliaia di altre calamità. È che, a dieci anni di distanza da un terrorismo locale e straniero, travestito da opposizione democratica, il buon governo di Al Asad ha mostrato solidità, intelligenza e senso tattico. 

Quest'ultimo è stato evidenziato facendo affidamento sull'esperienza militare russa, che ha ribaltato la situazione.

Questo non significa che la pace regni ovunque o che la nazione sia stata completamente ristabilita, ma sta già cominciando a rialzare la testa. E che l'elettorato lo viva. 

Tuttavia, le prospettive incoraggianti restano lontane, proprio a causa della messa in discussione da parte dell'Occidente del reale processo democratico siriano. Sulla richiesta di Mosca per aiuti dall'Europa, il ministero degli Esteri tedesco ha dichiarato a Deutsche Welle che “non ci sarà alcuna ricostruzione o normalizzazione delle relazioni con il regime siriano finché non parteciperà a un processo politico credibile guidato dall'ONU. Finora non sembra essere così".

Ed è difficile per loro capire che le tendenze politiche verso Bashar al Assad non sono gratuite, ma perché lui, il suo esecutivo e il suo esercito hanno combattuto contro fenomeni di diverso genere e in tutto hanno superato la prova. Una brevissima rassegna di alcuni di quegli eventi: nel 2018 l'Osservatorio siriano per i diritti umani (OSDH) dell'opposizione ha dovuto ammettere che le violenze provocate da gruppi terroristici - che un tempo lodava - avevano provocato più di 240.000 morti e quasi 11 milioni di sfollati .

Si nasconde anche un bellicoso attore regionale. Così, il 21 aprile, l'agenzia SANA ha riferito che la difesa aerea ha respinto un attacco missilistico di Israele. L'attacco, effettuato dalle alture occupate del Golan, ha lasciato quattro soldati siriani feriti e notevoli danni materiali. Ma il paese arabo non solo sfida l'ostilità vicina; Allo stesso modo, dal Nord America gli arrivano disgrazie: il 6 maggio scorso, il presidente yankee Joe Biden ha prorogato di un anno lo stato di emergenza nazionale rispetto alle azioni del governo di Damasco, decretato nel 2004 da George W. Bush. Da allora hanno già cercato di sottomettere Al Assad: il provvedimento permette di bloccare le proprietà siriane e vieta l'ingresso di beni vitali dalla nazione mediorientale, in un terrorismo economico così noto qui a Cuba.

Ma le persone e il loro leader hanno paura? Il 95 per cento dei voti per il Partito socialista arabo Baath chiarisce ogni dubbio. Per chiudere, due notizie positive riportate da Prensa Latina : nel 2020 le esportazioni siriane hanno superato di 643.000 tonnellate l'anno precedente, per un valore di 114 milioni di dollari. Nel frattempo, il paese rimane sveglio per i suoi bambini malati di cancro. L'8 giugno è stato inaugurato un centro specializzato per il trapianto di cellule staminali ematopoietiche. 

In Siria nulla è facile, ma la stragrande maggioranza confida nelle proprie capacità e in quelle del presidente, rieletto per la quarta volta consecutiva. Questo non significa niente?

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso di Francesco Santoianni Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti