Economia e dintorni/Enrico Letta si lascia sfuggire 2 ammissioni fondamentali sull'eu...

Enrico Letta si lascia sfuggire 2 ammissioni fondamentali sull'euro

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Interessante Tweet di Enrico Letta (che ricordo è un ex PdC italiano) dove si dicono due cose importantissime anche se lui non se n'è accorto:


 

1) Dall'Euro si può uscire. Gli europoidi come Letta stesso sostengono che sia impossibile uscire anche solo dal punto di vista tecnico. Qui si autosmentisce, dicendo pubblicamente quello già molti sapevano, il Venerabile Herr Wolfgang Schauble era disposto a far uscire la Grecia dall'Euro per consentirgli di svalutare e dunque di non andare incontro alla tremenda crisi economica che ha dovuto subire a causa dei folli piani di aggiustamento strutturale imposti dalla Trojka.


 

2) Come si può notare le classi dirigenti di Francia, Spagna e Italia non vollero, ovviamente per non creare un precedente. Apparentemente è stranissimo: a dire di no all'uscita dall'Euro sono le classi dirigenti di quei paesi che hanno solo da guadagnare dall'uscita dalla moneta unica. Come si spiega? Semplice: sono le stesse classi dirigenti che ci hanno ingannato per farci acconsentire ad entrare nell'Euro. Semplicemente se si uscisse per molti di loro sarebbero a rischio di... E lo sanno benissimo. Bene, sappiatelo anche voi: quando vi dicono che dall'euro non si può uscire e che comunque non ci conviene non lo dicono perchè è vero; lo dicono per non rendere conto di un errore di giudizio politico di livello enorme e che fino ad ora hanno coperto solo con la menzogna e la propaganda dei loro giornalai prezzolati.
 

PS Letta dovrebbe stare più attento a fare i tweet, dice cose molto pericolose.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa