Esperto australiano: "I Brics potranno presto sostituire il G-20"

Esperto australiano: "I Brics potranno presto sostituire il G-20"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Russia, essendo uno dei paesi fondatori dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa), agisce come forza unificante nell'organizzazione e il suo ruolo sarà rafforzato in futuro, ha spiegato l'esperto australiano di affari internazionali Gregory Clark*.

Secondo Clark, i paesi BRICS hanno alcune divergenze di opinioni ma i forti legami con la Russia li uniscono. "I paesi si concentrano su ciò che li unisce piuttosto che su ciò che li divide, nel caso di Cina e India, è il loro rapporto con la Russia", ha ribadito, sottolineando che in futuro "il ruolo della Russia come focus dei BRICS diventerà più forte".

L'esperto è convinto che i BRICS possano diventare "una nuova Nazioni Unite. Se accettassero tutte le nazioni che formalmente aderiscono (23) e informalmente (circa lo stesso numero) vogliono aderirvi, ciò dovrebbe essere possibile".

Con "un forte segretariato", "potrebbe facilmente sostituire il Gruppo dei Sette e il Gruppo dei 20. Il primo si scredita per il suo ruolo apertamente politico pro-USA. Il secondo è disorganizzato e impotente", ha sottolineato Clark, ricordando che le capacità diplomatiche del Il presidente russo Vladimir Putin e il ministro degli Esteri Sergey Lavrov consentono lo sviluppo dei BRICS in quella direzione.

L’analista ha anche osservato che ora è il momento per i paesi BRICS di “pensare in grande”. Infatti, ritiene che il desiderio di 23 paesi di aderire all'unione "è qualcosa che dovrebbe essere considerato seriamente. È il fattore più importante che decide il futuro dei BRICS". Clark vede anche il ruolo della New Development Bank come “cruciale per evitare l’effetto soffocante delle sanzioni statunitensi”. "Se potesse accelerare il passaggio ad una valuta basata sull'oro o sulle risorse, avrebbe molto successo" secondo l’analista.

Il vertice annuale del gruppo BRICS è iniziato, ieri, a Johannesburg e terminerà i lavori domani. Secondo il ministro sudafricano delle Relazioni internazionali e della cooperazione Naledi Pandor, al vertice i leader dei BRICS discuteranno la questione dell'espansione dell'organizzazione.

*Gregory Clark è un esperto nel campo della politica estera, diplomatico australiano che ha lavorato per molti anni nelle missioni diplomatiche di Canberra a Mosca e Hong Kong. Attualmente risiede a Tokyo e ricopre il ruolo di presidente onorario della Tama University e vicepresidente dell'Akita International University.

 

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti