/ Ex Ambasciatore francese in Iran sui rischi europei nello stretto...

Ex Ambasciatore francese in Iran sui rischi europei nello stretto di Hormuz

 

L'iniziativa di una coalizione europea nello Stretto di Hormuz proposta da Londra non solo rende nervosa Teheran, ma anche l'Europa. Parigi, Berlino e Bruxelles possono trovare un'alternativa diplomatica al piano più aggressivo del Regno Unito e degli Stati Uniti?

"Per gli europei sarà un po' delicato. I francesi non vogliono dissociarsi dagli inglesi, ma crediamo che gli inglesi stiano entrando in un nido d'ape". Lo afferma Francois Nicollaud, ex ambasciatore della Francia in Iran, in un'intervista rilasciata a Sputnik.

 
La Francia può trovare l'equilibrio necessario? Deve tener conto della volontà del presidente francese, Emmanuel Macron, di stabilire canali di comunicazione con Teheran e la sua politica estera per migliorare la sua popolarità dopo sei mesi di crisi con i "Gilet gialli".
 
Sputnik ha anche parlato con Emmanuel Dupuy - presidente dell'Institute for European Prospects and Security (IPSE) - e con Thierry Coville, esperto di Iran e professore al Center for International and Strategic Studies Research in France (IRIS). "L'Iran prenderà lo schieramento delle forze europee nel Golfo Persico come cooperazione con gli Stati Uniti per respingerlo. Ciò non andrà a beneficio della diplomazia europea, che sta compiendo sforzi per mantenere l'Iran nell'accordo sul programma nucleare", ha spiegato Coville.

 

La Francia cerca di ristabilire la pace
 
Qual è la posizione della Francia? Emmanuel Macron sta cercando di stabilire una linea diretta con il presidente iraniano per placare gli spiriti, ma il piccolo effetto positivo delle soluzioni al conflitto che sono state messe sul tavolo - compreso il sistema di pagamento Instex non convince Teheran. Dupuy sottolinea che la Francia si trova in una situazione complicata. "Sembra che la Francia sembri un equilibrista", ha aggiunto.
 
Da un lato, il presidente Macron ha ripetutamente ribadito la sua intenzione di agire come mediatore. E per sostenere le sue intenzioni, ha inviato Teheran il suo nuovo consigliere diplomatico, Emmanuel Bonne, due volte. Recentemente ha ricevuto il Vice Ministro degli Esteri iraniano, Abbas Araghchi, all'Eliseo. "Sembra che la Francia voglia agire da sola e senza i suoi partner europei", afferma. Quindi la proposta di mediazione europea è arrivata troppo presto o troppo tardi e in un momento in cui gli americani attirano gli inglesi.
 
Apparentemente, la situazione nello stretto di Hormuz dipenderà dall'equilibrio interno del potere negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Francia, il paese sta emergendo da una crisi di sei mesi con le manifestazioni dei "Gilet gialli".
 
Fonte: Sputnik
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa