Fabio Marcelli (Giuristi democratici), in Venezuela come osservatore internazionale: "Il terrorismo, la guerra economica, e la diffamazione mediatica non hanno piegato questo popolo"

Fabio Marcelli (Giuristi democratici), in Venezuela come osservatore internazionale: "Il terrorismo, la guerra economica, e la diffamazione mediatica non hanno piegato questo popolo"

"L'impressione è quella di una forza enorme, tranquilla, pacifica, organizzata e cosciente dei suoi obiettivi. Questa forza si chiama popolo venezolano. "

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Trionfo in Venezuela per i partiti che sostengono il presidente Maduro nelle elezioni comunali che si sono celebrati nella giornata di ieri. L'AntiDiplomatico ha raggiunto telefonicamente il giurista italiano Fabio Marcelli, dirigente di ricerca dell’Istituto di studi giuridici internazionali del CNR e dirigente dell’Associazione dei giuristi democratici. Marcelli è in Venezuela come uno degli osservatori internazionali del processo elettorale comunale svoltosi ieri nel paese dell’America Latina.
 

Come si è svolto ieri il voto? Ha visto anomalie?

Abbiamo visitato ieri, durante le operazioni di voto, vari seggi a Caracas e dintorni. Tutto si è svolto regolarmente. L'impressione è quella di una forza enorme, tranquilla, pacifica, organizzata e cosciente dei suoi obiettivi. Questa forza si chiama popolo venezolano. I suoi obiettivi sono la pace, la partecipazione democratica, l'uguaglianza e solidarietà sociale e il benessere economico. I suoi strumenti sono il partito PSUV che conquistando 300 sindaci su 335, tra i quali tutti quelli delle città più importanti e riconquistando lo Stato del Zulia, ha dimostrato di essere forza egemone che gode della fiducia e del sostegno della grande maggioranza dei Venezolani. E le istituzioni pubbliche, dalle Forze Armate alla Presidenza, dai Comitati locali al CNE, che si sono messi al servizio del popolo e della sua ansia di pace e democrazia.
 

Quale messaggio bisogna cogliere dalla terza vittoria dell'anno del chavismo in Venezuela?

Il messaggio è che l'America Latina e il mondo possono contare sul popolo venezolano e che non saranno tollerate intromissioni esterne di alcun genere.
Hanno provato a piegarlo con il terrorismo, la guerra economica, le sanzioni, la diffamazione sistematicamente portata avanti dai media asserviti alla finanza e al grande capitale. Il risultato delle elezioni di ieri dimostra che non ci sono riusciti e non ci riusciranno mai.

 

Quale il messaggio per l’Europa?

L'esempio del popolo venezolano è oggi di estrema attualità e utilità per tutti i popoli del mondo. Dal popolo honduregno defraudato della sua vittoria e assassinato a quello italiano che annega nella frustrazione e nell'impotenza, sempre meno rappresentato da una classe politica nel suo complesso inadeguata moralmente e culturalmente subalterna al potere economico. Il messaggio quindi è molto chiaro: Potere al popolo! Se non ora quando?

La Redazione 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti