Filippo Dellepiane: "Ci si riempie tanto la bocca di fascismo e qui i rischi per la democrazia mi sembrano evidenti”

Filippo Dellepiane: "Ci si riempie tanto la bocca di fascismo e qui i rischi per la democrazia mi sembrano evidenti”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Il mondo studentesco, le lotte contro la gestione pandemica del governo Draghi e il rapporto con i lavoratori. Abbiamo intervistato Filippo Dellepiane, uno dei leader del movimento formatosi nelle università contro il cosiddetto “Green Pass”.

“Utilizzano vecchie categorie “si vax” “no vax”. “fascisti” e “antifascisti” per creare divisioni funzionari al potere”, dichiara a l'AntiDiplomatico Dellepiane che ricorda le varie iniziative di successo degli studenti e dei professori che hanno firmato l'appello contro il Green Pass.

Sulle manifestazioni bollate come piene di violenti e negazionisti, Dellepiane dichiara: “Io l’unica realtà che ho riscontrato è l’infiltrazione coatta quella di forze che rappresentano il potere. Dai vecchi compagni delle battaglie degli anni ’70 e anni ‘80 c’è la conferma che sono dinamiche che esistono da sempre. Dobbiamo essere vigili perché la demonizzazione dei movimenti è sempre dietro l’angolo ed è sempre una realtà con cui ci dobbiamo confrontare. Quello cui noi crediamo con forza è di essere democratici, per la giustizia sociale, per la libertà e con uno spirito rivoluzionario”.

Sui lavoratori portuali e su un possibile coordinamento in generale con le lotte che emergono dal lavoro, molto interessanti le sue riflessioni. “E’ uscito un articolo incredibile che parlava dei No Vax a Trieste che pubblicava un nostro striscione. Questo per dire che  c’eravamo a Trieste, alcuni dei nostri studenti hanno preso i lacrimogeni. Siamo stati in supporto anche a Ravenna e Ancona, due realtà portuali in lotta insieme a Genova e Trieste. Siamo dalla parte dei portuali, dei lavoratori tutti. C’eravamo nelle piazze, ai cortei, perché crediamo che questa è una battaglia non settoriale ma di studenti, lavoratori tutti, della società civile. È assolutamente importante ripensare a quella grande unione a cui si anelava un tempo di lavoratori e studenti”.

Sull’escalation di repressione da ultimo con il Daspo di un anno inflitto a Stefano Puzzer e i divieti di manifestazione a Trieste il commento è senza molto giri di parole: “Stiamo andando in una brutta direzione. C’è la lesione chiara del diritto di manifestare. Uno stato di emergenza che va avanti da due anni ed è ogni giorno più palese di come si utilizzi in modo strumentale il virus per attuare una situazione pre-dittatoriale con strumenti bio-politici. Siamo alla vigilia di una battaglia epocale e dobbiamo ergersi per la democrazia. Ci si riempie tanto la bocca di fascismo e antifascismo e qui i rischi mi sembrano evidenti”

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti