Fonti Usa: Russia e Iran si coordinano per espellere le truppe statunitensi dalla Siria

Fonti Usa: Russia e Iran si coordinano per espellere le truppe statunitensi dalla Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In un articolo pubblicato da Al-Monitor lo scorso fine settimana, un alto funzionario militare statunitense ha rivelato che le forze russe e iraniane in Siria si sono coordinate con l'obiettivo specifico di costringere le truppe di Washington a ritirarsi dal paese. 

Il funzionario ha spiegato che ha visto segnali secondo i quali “i comandanti militari russi in Siria si sono coordinati silenziosamente con il Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane (IRGC) su piani a lungo termine per fare pressione sugli Stati Uniti affinché ritirino le loro forze" dalla Siria. 

“C'è una confluenza di interessi tra questi tre gruppi, gli iraniani, i russi e i siriani. Vedo prove di una pianificazione a livello operativo tra la leadership di medio livello della Forza Quds che opera in Siria [e] le forze russe che operano in Siria ", ha rivelato il funzionario statunitense a condizione di anonimato al portale. 

Inoltre, ha precisato che il coordinamento russo-iraniano in Siria è incentrato su "pianificazione collaborativa, comprensione collaborativa e condivisione dell'intelligence... [al] livello medio-alto" degli eserciti di Mosca e di Teheran. 

“Francamente, [è] lo stesso tipo di cose che faremmo con i nostri partner di fronte a qualcosa che stavamo cercando di realizzare. Li vediamo farlo dalla loro parte, mentre cercano di pensare a come sincronizzare le diverse cose che stanno mettendo in atto per esercitare pressione su di noi”, ha aggiunto. 

Negli ultimi mesi, Washington ha continuato a rafforzare la sua presenza da occupante in Siria, in particolare nel nord-est del paese arabo, ricco di petrolio. Nella provincia di Hasakah occupata, la scorsa settimana fonti locali hanno riferito all'agenzia di stampa siriana SANA di grandi consegne di attrezzature logistiche e cemento statunitensi consegnate nella regione. 

Tali rinforzi sono in corso da mesi, in particolare all'indomani dell'ondata di attacchi legati all'Iran contro le basi statunitensi in Siria quest'anno. 

Secondo Al-Monitor, "i funzionari del Pentagono negano che le azioni delle loro forze in Siria abbiano avuto qualcosa a che fare con le provocazioni russe e iraniane", aggiungendo che gli Stati Uniti ritengono che le loro recenti risposte "abbiano arrestato il ciclo di escalation per ora". 

Negli ultimi due anni, gli attacchi alle basi statunitensi da parte di gruppi legati all'Iran in Siria sono diventati all'ordine del giorno. All'inizio del 2023, in particolare, i siti militari statunitensi in tutta la Siria hanno assistito a un aumento significativo dei livelli di attacchi con droni e missili. 

A marzo, uno di questi attacchi ha provocato l'uccisione di un contractor militare statunitense in una base di Hasakah. In risposta, le forze statunitensi hanno bombardato Deir Ezzor, uccidendone diversi, tra cui ufficiali militari siriani e, presumibilmente, iraniani. Poco dopo gli attacchi statunitensi, furono attaccate altre due basi di occupazione. 

Il generale dell'esercito americano Douglas Sims ha recentemente dichiarato ai giornalisti: "Non prevediamo un problema, né vediamo un livello di escalation di cui siamo preoccupati in Siria".

Tuttavia, Al-Monitor ritiene che le forze statunitensi in Siria rimangano “vulnerabili”. 

Il mese scorso, un documento del Pentagono trapelato ha rivelato che la Russia e l'Iran hanno concordato di istituire una sala operativa congiunta in Siria per coordinare una campagna di pressione contro l'esercito americano. 

Il 25 marzo scorso, il quotidiano libanese Al-Akhbar ha riferito che "c'è un coordinamento russo-iraniano non dichiarato per intensificare la presenza statunitense in Siria, per fare pressione sugli Stati Uniti e costringerli a decidere di ritirarsi dalle sue basi nel nord e nell'est del paese.”

 

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti