Ford, ex ambasciatore Gran Bretagna in Siria: "fingere di combatterel'ISIS", la nuova strategia degli USA per restare in Siria

Ford, ex ambasciatore Gran Bretagna in Siria:  "fingere di combatterel'ISIS", la nuova strategia degli USA per restare in Siria

Donald Trump aveva annunciato ad ottobre il ritiro di 1.000 truppe statunitensi dalla Siria nord-orientale, ma un mese dopo la forza lavoro americana è quasi la stessa. La situazione è stata commentata da Peter Ford, ex ambasciatore del Regno Unito in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Sebbene il presidente degli Stati Uniti abbia ripetutamente affermato che l'ISIS-Daesh è stato schiacciato, ha annunciato la ripresa delle operazioni in Siria per "prevenire la rinascita" dell'organizzazione terroristica. In vista del rinnovato sforzo di combattere le forze dell'ISIS  in Siria, alcuni osservatori rimangono perplessi dal fatto che il comandante in capo abbia dichiarato che queste stesse forze sono state eliminate nell'ultimo anno. Peter Ford, ex ambasciatore britannico a Damasco, espone la sua versione dei fatti a Sputnik.


 
ISIS "schiacciato" in Siria?
 
Ford sostiene che Donald Trump e il Pentagono inizialmente avevano due programmi diversi per la Siria, ma c'è una cosa su cui entrambe le parti possono concordare: il petrolio .
Inoltre, ricorda che il presidente degli Stati Uniti aveva dichiarato apertamente di voler ritirare i militari statunitensi dalla Siria e di aver persino tentato di ritirare le truppe statunitensi da paesi stranieri per porre fine a "guerre senza fine".
 
Tuttavia, secondo lui, il Pentagono ha usato "tattiche dilatorie" per ostacolare l'adempimento dei desideri di Donald Trump.
"Questo è esattamente ciò che sta accadendo ora. Il Pentagono finge di combattere di nuovo Daesh *. Loro [i militari, ndr] affermano di aver eliminato una dozzina dei suoi membri [durante l'operazione del 22 novembre, ndr]. Ma chissà se quelle persone che erano state uccise appartenevano al Daesh"
 
È al petrolio che è dovuta la permanenza militare degli Stati Uniti in Siria?
 
Donald Trump aveva assicurato che un "piccolo numero di soldati statunitensi" sarebbe rimasto in Siria, "nelle zone dove c'è petrolio". Ha anche annunciato l'invio di rinforzi militari per proteggere i giacimenti petroliferi della Siria orientale dopo il loro ritiro dalle aree di confine con la Turchia.
 
"Il vero obiettivo del sostegno militare USA in Siria non è combattere Daesh , ma impedire al presidente siriano Bashar al-Assad di rivendicare il territorio. È semplice ", afferma l'ex ambasciatore.
 
Come ha sintetizzato Peter Ford a Sputnik, la Siria nord-orientale contiene "due terzi delle riserve di petrolio e gas del Paese". Il Pentagono e Donald Trump hanno quindi deciso congiuntamente di mantenere una forza militare per garantire che gli Stati Uniti siano certi di "mantenere il petrolio".
 
 

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti