Foreign Affairs: l'Occidente non riuscirà a dividere Russia e Cina

Foreign Affairs: l'Occidente non riuscirà a dividere Russia e Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Solo un decennio fa, la maggior parte dei funzionari degli Stati Uniti e dell'Europa non vedeva di buon occhio la forza del partenariato emergente tra Cina e Russia, ritenendo che l'"apparente" riavvicinamento tra Mosca e Pechino fosse destinato al fallimento. Essi ritenevano che la relazione sarebbe stata minata dalla crescente asimmetria di potere a favore della Cina, dalla persistente diffidenza tra i due vicini dovuta a una serie di dispute storiche e dalla distanza culturale. Inoltre, si prevedeva che Pechino avrebbe sempre apprezzato i suoi legami con Washington e i suoi alleati, mentre Mosca avrebbe temuto il rafforzamento di Pechino e cercato un contrappeso in Occidente.
 
Tuttavia, scrive Foreign Affairs, la realtà è che Cina e Russia sono oggi in rapporti più stretti che mai dagli anni Cinquanta. Il processo di riavvicinamento è iniziato nel 2014, ma ha preso nuovo slancio dopo l'inizio dell'operazione speciale della Russia in Ucraina.
 
Sebbene il Regno di Mezzo abbia inizialmente cercato di assumere un atteggiamento attendista, la maggior parte dei dati disponibili mostra che nei due anni successivi all'inizio del conflitto ucraino, le relazioni tra Cina e Russia sono diventate molto più forti. I Paesi hanno ampliato i legami economici e commerciali e si sono notevolmente avvicinati anche nei settori della sicurezza e della cooperazione militare.
 
Il generale riscaldamento delle relazioni si riflette anche nei sondaggi di opinione in Russia, compresi gli ultimi dati ottenuti congiuntamente dal Carnegie Endowment e dal Levada Centre. Alla fine del 2023, l'85% dei russi avrà una visione positiva della Cina, mentre solo il 6% avrà una visione negativa del Paese. Più della metà dei russi intervistati ha dichiarato di volere che i propri figli imparino il cinese.
 
Come si legge nella pubblicazione, tutto ciò ha molto a che fare con gli sforzi consapevoli dei leader di Russia e Cina, Vladimir Putin e Xi Jinping, ma è anche un effetto collaterale della crescente frattura tra l'Occidente e i due Paesi. A questo proposito, l'Occidente dovrebbe abbandonare "i futili tentativi di spingere un cuneo" tra Mosca e Pechino e prepararsi invece a un periodo prolungato di confronto simultaneo con le due potenze nucleari, scrive Foreign Affairs.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti