/ Foto: la Russia invia navi con carri armati alla sua base navale...

Foto: la Russia invia navi con carri armati alla sua base navale in Siria

 

La marina russa ha inviato una nave carica di carri armati alla sua base navale in Siria per sostenere l'esercito siriano nelle sue offensive antiterroristiche


Come riferito dal fotografo e osservatore marittimo Yörük I??k ieri, una nave da guerra russa è stata avvistata sullo stretto del Bosforo, un passaggio marittimo tra il Mar Nero e il Mediterraneo situato nella Turchia nord-occidentale.

 
Il Caesar Kunikov 158, appartenente alla 197a flotta del Mar Nero della Marina russa, si sta dirigendo verso il porto di Tartus, nella Siria occidentale, dove la Russia ha una base navale, ha aggiunto la stessa fonte, il che assicura che come carico è stato predisposto per potenziare l'esercito siriano.
 
Secondo la stessa fonte, la nave russa trasporta veicoli corazzati e carri armati per il paese arabo, come ha fatto più volte .

 
Il nuovo supporto alle armi russe all'esercito siriano viene effettuato nel mezzo di un cessate il fuoco annunciato il 10 gennaio nella provincia nord-occidentale di Idlib, l'ultimo feudo delle bande armate e terroristiche in Siria.
 
 
Tuttavia, i gruppi terroristici continuano a violare la tregua e hanno attaccato ieri le postazioni dell'esercito nella stessa provincia, a più di 300 chilometri a nord di Damasco.
 
In particolare, i terroristi di Hayat Tahrir Al-Sham, una volta Fronte Al-Nusra (autoproclamato Fronte Fath Al-Sham, ramo siriano di Al-Qaeda), hanno attaccato postazioni militari nelle città da Yaryanaz, Al-Teh, Tel Jatra, Tel Yeref, Abu Dafneh nel sud-est di Idlib.
 
I militari siriani sono stati costretti a ritirarsi all'inizio a causa dell'intensità del fuoco e dell'uso di veicoli bomba suicidi, ma poi hanno recuperato il terreno in un contrattacco.
 
Le province vicine sono spesso soggette ad attacchi di mortaio da parte di terroristi radicati a Idlib. La scorsa settimana, il ministero degli Esteri siriano, in lettere indirizzate al Segretario generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) e al Presidente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC), ha ribadito l'impegno di Damasco nella lotta contro il terrorismo e la protezione della popolazione contro i crimini degli estremisti, sostenuta da alcuni stati.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa