/ Foto: La Russia mostra le prove del "banditismo" degli USA che ru...

Foto: La Russia mostra le prove del "banditismo" degli USA che rubano il petrolio siriano con il pretesto della lotta all'ISIS

 

Sotto la protezione militare degli Stati Uniti, camion cisterna carichi di petrolio lasciano la Siria in altri stati e i proventi di questo contrabbando raggiungono i conti bancari di società militari private e servizi segreti statunitensi, ha riferito il Ministero della Difesa russo


Dal Ministero della Difesa russo hanno assicurato che la recente decisione del Pentagono che una parte delle truppe statunitensi continuerà a essere schierato nella Siria orientale, vicino ai giacimenti petroliferi per presumibilmente "negare l'accesso a questi giacimenti petroliferi allo Stato islamico", ha come obiettivo mantenere a proprio vantaggio l'estrazione illegale di petrolio siriano e il suo contrabbando.
 
"Assolutamente tutti i depositi di idrocarburi e altri minerali situati nel territorio siriano non appartengono ai terroristi dell'ISIS, né tanto meno ai" difensori statunitensi dei terroristi dell'ISIS ", ma esclusivamente alla Repubblica araba siriana", ha ricordato il portavoce del ministero della difesa russo, Igor Konashénkov.
 
Il generale ha sottolineato che "né nel diritto internazionale né nel diritto degli Stati Uniti, in nessun luogo esiste e non può esserci un unico compito legittimo per le truppe statunitensi di giustificare la protezione e la difesa dei depositi di idrocarburi appartenenti alla Siria e al suo popolo ".
 
"Pertanto, ciò che Washington sta facendo ora - il sequestro e il controllo armato sui campi petroliferi nella Siria orientale - è, francamente, un banditismo internazionale", ha detto Konashénkov.
 
Secondo il portavoce del ministero della Difesa russo, "la vera ragione di questa illegale attività americana in Siria è lontana dagli ideali di libertà e slogan contro il terrorismo proclamati da Washington" e si concentra sull'estrazione illegale e il contrabbando di petrolio siriano.
 
Prove fotografiche
 
Secondo le immagini fornite dallo Space Intelligence del Ministero della Difesa russo, prima e dopo la sconfitta dei terroristi dell'ISIS in questa parte del paese arabo, il petrolio è stato attivamente estratto e spedito in massa in navi cisterna per essere trasportato all'esterno dalla Siria, tutto questo sotto il protettorato delle forze statunitensi.

I veicoli di transito petrolifero si radunano nella provincia di Deir ez-Zor, in Siria, 10 km a est di Al Mayadin

 
"Sotto la protezione del personale militare statunitense e dei dipendenti delle compagnie militari private statunitensi, le petroliere caricate nei giacimenti petroliferi della Siria orientale vengono introdotte clandestinamente in altri stati", ha affermato il generale Konashénkov, il quale ha sottolineato che "in caso di attacco ad un camion di questo tipo, è immediatamente protetto da forze speciali e dall'aviazione militare degli Stati Uniti".

I veicoli di transito petrolifero si radunano nella provincia di Deir ez-Zor, in Siria, 14 km a est di Al Mayadin
 
Dal Ministero della Difesa russo hanno attirato l'attenzione sul fatto che l'estrazione di petrolio viene effettuata con l'uso delle attrezzature fornite dalle principali società occidentali, nonostante tutte le sanzioni imposte dagli Stati Uniti.
 
Inoltre, il contratto di esportazione di petrolio controllato dagli Stati Uniti è esercitato dalla società Sadcub che è stato creato collegato alla cosiddetta "Amministrazione autonoma della Siria orientale", ha affermato il generale, aggiungendo che i ricavi di questo contrabbando, attraverso le società di intermediazione che interagiscono con detta società, raggiungono i conti bancari di Società militari private e servizi segreti statunitensi
 
"Dato che un barile di petrolio di contrabbando siriano costa $ 38, il reddito mensile di questa 'impresa privata' dei servizi pubblici statunitensi supera i $ 30 milioni", ha dichiarato Konashkov.
 
"Per [mantenere questo] flusso finanziario così continuo e privo di controllo e tasse dagli Stati Uniti, la leadership del Pentagono e 'Langley' [CIA] saranno disposti a difendere e proteggere i pozzi di petrolio in Siria dalle" immaginarie cellule nascoste " dell'ISIS 'per sempre ", ha concluso il maggiore generale.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa