Francesco Erspamer - Il neoliberismo sta vincendo la battaglia più importante

Francesco Erspamer - Il neoliberismo sta vincendo la battaglia più importante

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Chi non conosce la storia è destinato a ripeterla, è stato detto più di duecento anni fa; ma a prendere sul serio quell’aforisma sono stati i neoliberisti, che per avverarlo si sono impegnati (da tempo in America, più recentemente in Europa) in una guerra culturale volta alla delegittimazione della storia e alla sua eliminazione dalle scuole e dalle menti: in modo che ai giovani sembri inutile e noiosa, come qualsiasi cosa che richieda un minimo di attenzione non immediatamente ricompensata (vuoi mettere con un corso su come imparare a usare un tablet, benché un anno dopo quelle informazioni sono già diventate obsolete a causa dell’introduzione di nuovi sistemi, programmi e dispositivi).

E la stanno vincendo alla grande, questa guerra. Appiattiti sull’attualità, giovani e meno giovani ignorano che un secolo fa il primo conflitto mondiale (quando ne parlo i rampanti italiani invariabilmente sorridono e rispondono: e allora le guerre puniche?) rappresentò il suicidio dell’Europa a vantaggio degli Stati Uniti; se non ne divenne già allora una colonia fu perché gli americani avevano ancora enormi regioni del loro continente da depredare ma soprattutto perché l’impero zarista invece di frantumarsi diede origine all’Unione Sovietica, unico Stato che per settant’anni fu in grado di tenere testa al cosiddetto Occidente (termine appropriato, peraltro, in quanto riconosce che il centro dell’impero sono gli Stati Uniti, la nazione più a Ovest della terra quando si consideri il Pacifico come lo spartiacque planetario) e di condizionarlo.

Lavoro a Boston e ci vivo per più di metà dell’anno; non sono più innamorato degli Stati Uniti ma li rispetto: sanno quello che vogliono e cercano di ottenerlo a qualsiasi costo. Non è il mio stile, non sono i miei valori, ma sono fatti loro e comunque c’è una logica. Come rispettare gli italiani e gli europei che invece di fare i propri interessi fanno quelli degli americani? Non parlo solo di Meloni, dimostratasi (come avevo previsto, ma era facile) più atlantista di Draghi, Renzi, Grillo e forse addirittura del Pd, succursale locale del partito di Biden e di Amazon (e che infatti ha appena deciso di farsi guidare da un’americana). Parlo dei milioni di miei connazionali che non sanno più dire «luogo» e «chiamata» perché gli sembrano più fichi «location» e «call», che senza il loro iPhone d’ordinanza si sentirebbero nudi, che il caffè lo bevono preferibilmente da Starbucks anche se costa tre volte di più, che al risotto o alla pizza preferiscono l’hamburger, meglio se fatto con farina di insetti e per questo «cibo del futuro», dunque non criticabile se non rischiando di venire lapidati dai profeti del nuovo fine a sé stesso («influencer», celebrity, giornalisti) con l’accusa di essere nostalgici, reazionari, luddisti (un po’ meno perché pochi sanno cosa significhi), rimbambiti e, l’insulto peggiore di tutti, inattuali.

A me invece pare resistenza.

PS A evitare fraintendimenti e inutili commenti, preciso che considero l’egoismo, ossia il fare i propri interessi personali, la radice di tutti i mali; ma che invece ritengo il bene comune (ossia gli interessi anche materiali di un popolo nel suo insieme) un degno obiettivo politico e un atteggiamento profondamente morale, non solo per quella specifica collettività ma per il mondo in generale, in quanto garantisce la diversità culturale e sociale che sola può arginare i monopoli e il colonialismo, comunque travestito (in particolare da aiuti umanitari e diritti civili), e in prospettiva la possibilità di affrontare futuri, inattesi accidenti con molteplici strategie invece che con una sola, magari efficace in una contingenza ma del tutto inadatta in altre. A patto che gli interessi del popolo siano autentici, di lunga durata e verificati intergenerazionalmente, non imposti istantaneamente dalla pubblicità o dalla propaganda; né devono essere imperialisti, ossia a danno di altri popoli. Quanto al fare gli interessi «universali» o, peggio, «umani», si tratta della retorica usata per fare gli interessi egoistici di pochi miliardari e multinazionali o gli interessi imperialistici di un unico popolo, quello che da trent’anni domina incontrastato il pianeta, in maniera sempre più arrogante proprio a causa di tale strapotere.

Francesco Erspamer

Francesco Erspamer

 

Professore di studi italiani e romanzi a Harvard; in precedenza ha insegnato alla II Università di Roma e alla New York University, e come visiting professor alla Arizona State University, alla University of Toronto, a UCLA, a Johns Hopkins e a McGill

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti