/ Francia, gilet gialli: Portavoce ATTAC 06 gravemente ferita dalla...

Francia, gilet gialli: Portavoce ATTAC 06 gravemente ferita dalla carica della polizia

 


france.attac.org


Campagna Giustizia sociale e climatica

Genevieve Legay, 74 anni, portavoce Attac 06 e instancabile attivista per la pace, è stata gravemente ferita da una carica della polizia durante l'atto 19 dei Gilet gialli di sabato 23 marzo a Nizza. Secondo il suo avvocato, questa mattina, il suo stato sarebbe stabile.


Sabato intorno alle 11, la polizia ha condotto una violenta carica durante la quale Geneviève è caduta a terra, colpendo con la testa un palo di metallo. Le immagini multiple mostrano Genevieve col Gilet giallo e la bandiera arcobaleno della Pace nelle mani, in un atteggiamento assolutamente non violento, mentre scandisce slogan sulla libertà di manifestare, poco prima della carica della polizia.

Anche se mobilitazioni precedenti dei Gilet gialli a Nizza non sono mai degenerate in violenza, Christian Estrosi, sindaco della città, ha chiesto e ottenuto il divieto di proteste in gran parte della città.
Il divieto da parte del prefetto di manifestazioni e raduni a Nizza è illegittimo e non può giustificare l'uso della forza contro i cittadini che si riuniscono pacificamente per esprimere le loro opinioni.

Attac Francia condanna la repressione delle manifestazioni pacifiche che si sono svolte questo Sabato e denigra la grave limitazione delle libertà civili attualmente in corso in Francia.
Non è con la repressione e la violenza della polizia che Emmanuel Macron potrà soddisfare le legittime richieste di giustizia sociale che esprime tutto il paese.

Attac Francia richiede che si faccia luce sull'episodio e che le responsabilità della violenza contro Genevieve Legay siano chiarite.

Attac France offre il suo pieno sostegno a Geneviève e alla sua famiglia.

(Traduzione di Agata Iacono)
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa