Funzionaria del Pentagono: l'Ucraina deve iniziare a pagare per le armi che riceve

Funzionaria del Pentagono: l'Ucraina deve iniziare a pagare per le armi che riceve

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Gli aiuti di Washington non sono mai stati disinteressati, la Storia insegna, prima o poi, con le buone o con le cattive si riprende tutto con gli interessi. Se finora questo aspetto degli aiuti e delle armi che l’Ucraina un giorno dovrà pagare non era stato considerato, dal Pentagono ecco che arriva la sveglia che desta dal sonno del servilismo.

L'Ucraina deve iniziare a pagare per i sistemi d'arma che riceve come aiuti militari da Washington. Ha ricordato, ieri, il consigliere del segretario del Dipartimento della difesa Usa per gli affari di sicurezza internazionale, Celeste Wallander, in un'audizione della commissione per il bilancio della Camera dei rappresentanti del Paese.

A margine della seduta, Mike Garcia, deputato repubblicano per lo stato della California, ha affermato che l'idea che l'Ucraina compri armi invece di chiederle gratuitamente andrebbe d'accordo con i contribuenti statunitensi, anche se ha ammesso che Kiev deve affrontare difficoltà economiche.

Da parte sua, Wallander ha sottolineato che Washington non ha consegnato a Kiev tutte le armi richieste, mentre le autorità ucraine “non hanno effettuato acquisti importanti da compagnie americane”.

"In questo momento non hanno un budget di tale portata, ma hanno acquisito alcune delle proprie capacità. È un ottimo punto che dobbiamo convincere anche [gli ucraini] ad avviare la propria pianificazione della spesa per la difesa", ha precisato l’alto funzionario del Pentagono.

Conto per i fondi stanziati

Nel frattempo, l'interesse per la trasparenza dei fondi statunitensi spesi in Ucraina continua a rafforzarsi. Mercoledì scorso, il Comitato di controllo e responsabilità, guidato dal repubblicano James Comer, ha chiesto al Pentagono, al Dipartimento di Stato e all'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID) di presentare dossiers sulla  spesa per aiuti finanziati dai contribuenti statunitensi a Kiev, per garantire che quei fondi siano "protetti da sprechi, frodi e abusi".

Da parte sua, il leader della maggioranza democratica al Senato, Chuck Schumer, ha annunciato il 24 febbraio che i legislatori del Congresso hanno approvato un esborso totale di oltre 113 miliardi di dollari in aiuti militari, economici e umanitari dall'inizio dell'esercito russo operazione.

Secondo l'ultimo notiziario del Pentagono , gli Stati Uniti hanno promesso di fornire all'Ucraina armi per un valore di oltre 31,7 miliardi di dollari dall'inizio del conflitto tra Kiev e Mosca.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti