Furia israeliana contro i palestinesi in Cisgiordania: un morto, 390 feriti, 75 case bruciate

Furia israeliana contro i palestinesi in Cisgiordania: un morto, 390 feriti, 75 case bruciate

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Se resta la retorica generale del “c’è un invaso e un invasore” allora quale miglior esempio della Palestina occupata? Quale migliore occasione per appoggiare un popolo che da 75 anni combatte, in uno scontro impari, un’occupazione feroce come quella israeliana sostenuta dalla più grande potenza politica, economica e militare del pianeta come gli Stati Uniti d’America.

Quello che sta accadendo contro i palestinesi negli ultimi giorni è emblematico. Già dall’inizio dell’anni sono più di 60 i palestinesi uccisi dalle forze occupanti israeliane.

L’ultimo episodio è davvero sconcertante.

Decine di coloni israeliani si sono scatenati per diverse ore nella città di Huwara, in Cisgiordania, ieri sera, provocando la morte di un palestinese, almeno 390 feriti e dando fuoco ad almeno 75 case palestinesi e 100 auto.

Il ministero della Sanità palestinese ha dichiarato che Sameh Aqtash, 37 anni, è stato colpito e ucciso dal fuoco israeliano. Il servizio medico della Mezzaluna Rossa palestinese ha aggiunto che altre due persone sono state colpite e ferite, una terza persona è stata pugnalata e una quarta è stata picchiata con una sbarra di ferro.

I coloni sono scesi nel villaggio palestinese brandendo armi da fuoco, coltelli, bastoni e pietre sotto la protezione dell'esercito israeliano.

Le immagini pubblicate sui social media mostrano i coloni che uccidono un intero gregge di pecore e sradicano ulivi e altri raccolti dai contadini palestinesi.

Secondo l'agenzia di stampa WAFA, nelle prime ore di oggi un colono israeliano ha cercato di investire un gruppo di giornalisti che volevano documentare il raid a Huwara.

L'attacco al villaggio palestinese è arrivato in risposta all'uccisione di due coloni israeliani sull'autostrada 60 vicino a Huwara da parte di un uomo armato palestinese. Israeli Channel 12 ha riferito che l'uomo ha intercettato il veicolo dei coloni speronandolo, è sceso e ha sparato a entrambi, poi è scappato a piedi.

La violenza di domenica è avvenuta proprio mentre alti funzionari di Egitto, Israele, Giordania, Palestina e Stati Uniti si sono incontrati nella località di Aqaba sul Mar Rosso , dove hanno annunciato che Tel Aviv e l'Autorità palestinese (AP) hanno raggiunto un accordo per "allentare le tensioni ” per un periodo da tre a sei mesi.

"Hanno riaffermato la necessità di impegnarsi a ridurre l'escalation sul campo e a prevenire ulteriori violenze", ha annunciato il ministero degli Esteri giordano in una nota.

Nella dichiarazione si è anche ribadito che Israele ha accettato di "interrompere la discussione di qualsiasi nuova unità di insediamento per quattro mesi e di interrompere l'autorizzazione di qualsiasi avamposto per sei mesi".

Tuttavia, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha rapidamente negato questa affermazione, twittando che "la costruzione e l'autorizzazione in [Cisgiordania] continueranno secondo la pianificazione e il programma di costruzione originali, senza modifiche".

Tel Aviv ha anche rafforzato il suo assedio sulla città occupata di Nablus, in Cisgiordania, imponendo la chiusura dei checkpoint di Huwara, Awarta, Al-Murabaa, Zatara e degli ingressi a Beita.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti