“Giù le mani da Cuba socialista”. Manifestazione di solidarietà a Roma

“Giù le mani da Cuba socialista”. Manifestazione di solidarietà a Roma

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

“Giù le mani da Cuba socialista” recitava lo striscione di apertura del partecipato e combattivo corteo che si è tenuto a Roma in solidarietà con la Rivoluzione Cubana. La manifestazione di solidarietà con il governo e il popolo cubano si è conclusa presso l’Ambasciata di Cuba a Roma, in Piazza Santa Prisca. 

“È  un dovere per noi difendere Cuba che nei giorni scorsi ha subito una nuova aggressione degli USA, i cui mercenari prezzolati, in azione in vari paesi, tra cui l’Italia,  hanno cercato di rovinare il 26 luglio che  celebra i valori di questo straordinario paese, esportati nel mondo dai suoi medici. La nostra presenza di oggi è stata anche un sincero grazie alla brigata medica cubana. È stato commovente vedere affacciarsi dai balconi il personale diplomatico cubano che a loro volta volevano ringraziarci”, ha spiegato a FarodiRoma il professor Luciano Vasapollo membro della segreteria della Rete dei Comunisti, tra i promotori della manifestazione. 

Il FarodiRoma evidenzia che grazie alla determinazione degli organizzatori è stato possibile sottrarre agli anticastristi la piazza in cui gli era stato inizialmente concesso un presidio: dopo due settimane di mobilitazione e grazie anche al supporto di intellettuali, artisti e attivisti, i solidali con Cuba hanno ottenuto di poter manifestare il loro supporto a Cuba proprio in quella stessa piazza. 

La manifestazione di solidarietà si è conclusa di fronte la rappresentanza diplomatica cubana dove hanno avuto luogo una serie di interventi in solidarietà con Cuba e la sua Rivoluzione, oggi più che mai sotto attacco. Tra gli interventi spicca quello dell’ambasciatore José Carlos Rodríguez Ruiz - come evidenzia FarodiRoma - il quale ha usato parole inequivocabili contro le ingerenze statunitensi e chi le appoggia, e contro l’atteggiamento dei media teso a stravolgere la realtà nel Paese. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra