/ Gli Stati Uniti e il suo Muro di violenza

Gli Stati Uniti e il suo Muro di violenza

 

di Christopher Black  - JournalNEO

 
Volevo scrivere in modo chiaro a proposito del muro del presidente Trump, il muro che vuole costruire al confine con il Messico, sulle terre rubate quando gli Stati Uniti invasero quel paese nel 1846 e si impadronirono dei suoi vasti territori, un muro che si supponeva fosse destinato a proteggere gli Stati Uniti da una minaccia imminente di invasione da parte dei diseredati. Mi sarei divertito paragonandolo ad altri muri della storia, non alle recinzioni montate in tutta Europa mentre la gente fugge dalle guerre imperiali, dai cambiamenti climatici, dalla siccità, dalla carestia e dalla povertà, ma le grandi mura che i turisti ancora affollano per vedere.
 
Viene in mente la Grande Muraglia cinese, costruita per tenere fuori dalla Cina Mongoli, Turchi e Uiguri, o il Vallo di Adriano in Gran Bretagna e quello di Antonino, costruiti per proteggere la provincia romana dai Pitti dipinti di blu, o le mura costruite intorno a Roma stessa, attorno a Costantinopoli, intorno alle città medievali europee, alle palizzate degli Irochesi in Canada.
 
Ma poi ho iniziato a pensare al Muro di Berlino, costruito per proteggere la Germania socialista dal destino che si è abbattuto quando il muro è crollato, o il muro israeliano che domina le terre della Palestina e fa prigionieri i palestinesi nella loro terra. Naturalmente i miei pensieri sono andati a Walls and Bridges di John Lennon, muri divisori, ponti che collegano, e alla famosa metafora della società dei Pink Floyd, per l'isolamento individuale e sociale che è una delle caratteristiche principali della società capitalista. Così la luce si è oscurata mentre cominciavo a riflettere.
 
Le grandi mura della storia furono costruite per difendersi dalle invasioni militari, dalle invasioni di conquista o dal saccheggio a breve termine. Finché sono stati mantenuti e gestiti hanno avuto più o meno successo. Il muro di Berlino fu costruito per proteggere il socialismo in Germania. Quando il socialismo in Germania fu tradito, i capitalisti lo demolirono, ristabilirono la schiavitù salariale, rivendicarono la libertà e vendettero pezzi di muro per i souvenir. Il muro israeliano ha lo scopo opposto. Non è stato costruito per proteggere nulla. È stato costruito per dividere il popolo palestinese dalle loro terre, per renderli prigionieri permanenti di un esercito occupante. È un muro della prigione, un muro del ghetto. Ma a cosa serve il muro di Trump?
 
Il Messico non sta per invadere gli Stati Uniti. Il Messico e gli Stati Uniti cooperano nella sicurezza delle frontiere. Non c'è una minaccia militare. Trump sostiene che la minaccia è il movimento di massa di popoli del sud. Ma il movimento dei messicani negli Stati Uniti ha una lunga tradizione. Avviene da quando gli Stati Uniti hanno conquistato le terre messicane. Per molti messicani, su entrambi i lati del confine, le zone di confine fanno ancora parte del Messico anche se una bandiera americana sorvola i posti di frontiera. I lavoratori messicani transitano dal confine sin dal 1846 in cerca di lavoro. Sono stati ammessi, o un occhio cieco rivolto al loro andirivieni, purché il loro lavoro a buon mercato fosse necessario per le imprese agricole e manifatturiere americane che si affidavano a loro. Perché gli americani non vogliono che il flusso continui? Tutti ne beneficiano.
 
Persino Trump sembra riconoscere questo fatto affermando ormai che la minaccia non è tanto quella dei messicani, anche se fa la falsa affermazione che molti di loro sono criminali, come lo sono coloro che provengono paesi ancora più a sud. Ed ecco l'improvvisa comparsa di diverse migliaia di persone in Honduras, sostenute da ONG supportate da George Soros, e il loro viaggio verso gli Stati Uniti. Ci si chiedeva quale fosse l'organizzazione e la logistica necessaria per tutte quelle migliaia di persone per camminare in quel modo e ci si chiedeva perché gente così disperata non si dirigesse verso il vicino confine vicino a Brownsville, in Texas, ma invece si incamminasse per centinaia di chilometri più a nord-ovest per provare a entrare a Tijuana e ci si chiedeva perché il Guatemala e il Messico permettessero loro di entrare e passare; e perché infine non volessero andare avanti e raggiungere un paese ancora più bello, il Canada, e poi ci si domandava dove fossero adesso da quando sono scomparsi dalle notizie.

Inizialmente infatti c'era stata una copertura giornaliera mentre queste persone si avvicinavano sempre più al confine con gli Stati Uniti, all'arrivo provarono ad attraversare, e sono poi state attaccate dalle forze di sicurezza delle frontiere statunitensi con gas lacrimogeni.
Anche l'esercito era stato schierato.

Trump ha utilizzato le immagini convenienti dei notiziari televisivi come prova della necessità di un muro. La minaccia reclamata e la violenza pesante comparivano su ogni schermo. Gli Stati Uniti sarebbero stati invasi da americani centroamericani dalla pelle scura. I liberal lo hanno incoraggiato sostenendo i trekker e giustificando il viaggio come dovuto alle condizioni create dagli Stati Uniti in Honduras e che accettarli sarebbe solo un risarcimento. E in effetti le condizioni sono in gran parte  colpa degli Stati Uniti. Ma una volta che Trump aveva espresso il suo punto e fatto le sue richieste, i video sono scomparsi, le notizie finite. La tonalità e il pianto si sono spenti quando Trump ha iniziato il suo gioco con il Congresso degli Stati Uniti, mentre l'attenzione si spostava indietro verso le rotte politiche e il pasticcio costituzionale che avevano creato dagli Stati Uniti in Honduras e che accettarli sarebbe solo un risarcimento.
 
Ma il 19 gennaio il ministro degli esteri honduregno ha dichiarato che la maggior parte di coloro che erano al primo tentativo, circa 7.200 persone, sono tornati in Honduras dopo aver fallito nel loro obiettivo. Sono tornati tutti così in fretta? Non sappiamo perché non c'era alcuna copertura del loro ritorno nei mass media americani. Il ritorno mancava il dramma dell'approccio.
 
Ma Trump affronta un governo di blackout e continua a non ottenere quello che voleva. Quindi le persone hanno bisogno di ricordare la minaccia, e così, convenientemente, arrivano notizie di un altro gruppo di centinaia di persone che si riunivano di nuovo in Honduras pronti a iniziare un altro viaggio verso la grande terra a nord, anche se si aspettavano un ricevimento diverso dal primo. Ma ancora una volta questa nuova minaccia è stata immediatamente presa da Trump come ulteriore prova del bisogno di un muro, mentre i liberali si sono diligentemente adoperati per i diritti dei poveri dall'America centrale, sebbene rimangano generalmente in silenzio sulle moltitudini di senzatetto nel proprio paese, dando a Trump una ragione per rispondere con altri avvertimenti terribili. Si inizia a chiedersi se il popolo americano e il mondo vengano nuovamente manipolati.
 
E si tratta davvero di un muro, quando il confine con il Messico è intrecciato con recinzioni, cavi e pattuglie armate o qualcos'altro sta succedendo qui? Il muro di Trump, come il muro dei Pink Floyd, può essere visto come una metafora di tutto ciò che è sbagliato negli Stati Uniti, per l'ansia generale su un indebolimento del suo potere internazionale, sulla paralisi di un sistema politico ed economico che è incapace di assicurare il benessere di tutti i suoi cittadini, e che richiede una guerra costante contro il mondo per mantenere il suo controllo.
 
Il muro ha lo scopo di convincere le masse immerse nella disperazione dal loro destino sempre più miserabile che le loro miserabili vite sono effettivamente desiderate da altri che vivono ancora nella "più grande nazione della terra", dal momento che molti americani sono tenuti nell'oscurità dell'ignoranza di altre società nel mondo. E questa fantasia ha anche lo scopo di convincere le stesse masse che il governo realmente si prende cura di loro, che sta facendo tutto il possibile per proteggerli mentre li indebolisce economicamente e li riduce a tossicodipendenti da oppioidi le cui morti sono ora alle decine di migliaia l'anno. La disperazione è una cosa difficile da sfuggire, ma può essere usata per il vantaggio politico e di potere, così vediamo la disperazione dei Central-Americani essere usata per compensare la disperazione all'interno dell'America stessa.

Ma mentre Trump e la sua opposizione lottano per il controllo dei confini USA, ordinano la violazione dei confini delle nazioni sovrane in tutto il mondo. Hanno invaso Afghanistan, Iraq, Libia, Siria, mandano le loro navi e gli aerei a vessare i confini della Russia, Cina, Iran, Venezuela, Corea del Nord, hanno ancora forze di occupazione in Germania e Giappone, hanno posto forze militari in tutta l'Africa, Asia , America Latina, gestiscono una camera di tortura a Cuba a Guantanamo, e altri siti "neri" in paesi disponibili, hanno costruito un anello di acciaio e armi nucleari attorno alla Russia e alla Cina e ora ci stanno minacciando con armi nucleari nello spazio.

Siamo circondati da questo muro di violenza americano e i mattoni di quel muro sono messi inesorabilmente uno sopra l'altro che conduce al nostro destino collettivo a meno che il popolo non possa liberarsi dalle sue llusioni, liberarsi dalla propaganda, liberarsi dalle sue disperati e tirare giù questo muro sulle teste di chi lo ha creato.

Traduzione de l'AntiDiplomatico
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa