Gli Stati Uniti testano segretamente il primo caccia di 6° generazione al mondo, ipersonico e non rintracciabile

Gli Stati Uniti testano segretamente il primo caccia di 6° generazione al mondo, ipersonico e non rintracciabile

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Gli Stati Uniti hanno sviluppato e testato il loro misterioso nuovo caccia di sesta generazione. Quindi i discorsi ancora in ballo sugli F-35 stealth sembrano ormai cosa vecchia. 

 

Secondo i resoconti dei media circolanti, l'aeronautica militare nordamericana ha segretamente costruito e pilotato un prototipo del jet da combattimento di nuova generazione, che è stato progettato e sviluppato come parte del programma Next Generation Air Dominance (NGAD).

 

Il dottor Will Roper, assistente segretario dell'Air Force for Acquisition, Technology and Logistics, ha confermato la notizia mentre si rivolgeva ai giornalisti nel secondo giorno della conferenza virtuale Air, Space & Cyber dell'Air Force Association di domenica (15 settembre).

 

"Abbiamo già costruito e fatto volare un dimostratore di volo a grandezza natuarale nel mondo reale e abbiamo battuto ogni record nel farlo”. Siamo pronti per costruire l'aereo di nuova generazione in un modo che non è mai accaduto prima", ha aggiunto Roper.

 

Rover ha rifiutato di fornire ulteriori informazioni sul caccia segreto o sugli appaltatori coinvolti nello sviluppo dell'aereo, tuttavia ha rivelato che l'obiettivo era quello di sviluppare i sistemi più complicati, che andassero in sincronia con la tecnologia digitale dell'aereo.

 

Secondo i documenti di bilancio della US Air Force, il programma NGAD è stato messo in atto al fine di progettare e sviluppare aerei da combattimento avanzati che vantavano una maggiore sopravvivenza, letalità e persistenza in una serie di operazioni militari, fornendo al contempo “superiorità aerea per la Joint Force negli ambienti più impegnativi”.

 

Secondo gli esperti, un caccia di sesta generazione cercherà di superare le funzionalità delle flotte già esistenti di velivoli di quinta generazione in tutto il mondo. I caccia potrebbero essere equipaggiati con armi laser e potrebbero ricavare la loro energia dai motori dell'aereo o dal sistema di accumulo dell'energia a bordo.

 

I caccia di nuova generazione sarebbero anche più adatti a svolgere operazioni di combattimento mentre percorrono distanze più lunghe, molto oltre le capacità degli attuali caccia di quinta generazione. Inoltre, la famosa tecnologia stealth attualmente a bordo degli F-35 statunitensi diventerebbe un prerequisito per qualsiasi velivolo di sesta generazione, consentendo loro di diventare non rintracciabili sui radar.

 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia