/ Gli USA vogliono sviluppare difese contro le armi ipersoniche di ...

Gli USA vogliono sviluppare difese contro le armi ipersoniche di Cina e Russia

 
 

Il Pentagono progetta di sviluppare sensori spaziali per il preallarme e il monitoraggio dei missili ipersonici nemici, ha dichiarato al Comitato per i servizi armati del Senato, il Sottosegretario alla Difesa, John C. Rood, in un'audizione sulle politiche e i programmi di difesa missilistica.

 

"I potenziali avversari stanno sviluppando sofisticati sistemi di missili balistici e da crociera, con maggiore velocità, autonomia, accuratezza e letalità", ha affermato Rood.

 

La difesa degli Stati Uniti è la prima priorità, ha affermato Rood, delineando le misure prese in quella direzione, come si evince dalla richiesta di bilancio militare dell'anno fiscale 2020 e dalla Rivista sulla difesa missilistica del 2019. 

 

Sono previsti:

 

Nuovi 20 intercettori a terra in Alaska, portando il totale a 64.

 

Lo sviluppo di un veicolo ri-progettato per affidabilità.

 

Continuare a costruire un nuovo campo missilistico a Fort Greely, in Alaska.

 

La necessità di schierare nuovi radar di discriminazione in Alaska e nelle Hawaii e di estendere le operazioni per il radar X-band in mare.

 

La necessità di un sistema di sorveglianza ad ampio raggio per difendersi dalle minacce dei missili da crociera.

 

Oltre a migliorare i sistemi di difesa missilistica, Rood ha affermato, che gli Stati Uniti perseguiranno tecnologie rivoluzionarie per difendersi dalle minacce emergenti. 

 

Inoltre, ha aggiunto che gli Stati Uniti stanno sviluppando difese contro i missili ipersonici, inclusi sensori a breve termine e aggiornamenti di comando e controllo.

 

Infine, afferma Rood, è importante che alleati e partner investano nelle proprie capacità di difesa aerea e missilistica che siano interoperabili con quelle degli Stati Uniti.

 

A tal fine, gli Stati Uniti stanno collaborando con NATO, Spagna, Turchia, Romania, Polonia, partner del Golfo in Medio Oriente, Israele, Giappone e altre nazioni per sviluppare una serie di difese.

 

Dichiarazioni che cozzano con la recente esortazione avanzata da Donald Trump a Cina Russia nel diminuire le spese militari per armamenti. 

Fonte: Defence Blog
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa