World Affairs/Global Times - Gli Stati Uniti dovrebbero sostenere i manifestant...

Global Times - Gli Stati Uniti dovrebbero sostenere i manifestanti violenti in Minnesota, così come i rivoltosi di Hong Kong

 


di Hu Xijin - Global Times
 

I rivoltosi e la polizia di Hong Kong dovrebbero osservare attentamente come i "democratici Stati Uniti" affrontano il caos in Minnesota.

 

Dopo la tragica morte dell'afroamericano George Floyd per mano della polizia, manifestanti infuriati a Minneapolis si precipitarono verso l'edificio della polizia della città, dove in seguito scoppiò un incendio. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha quindi iniziato a sentirsi a disagio. Ha scritto un tweet venerdì mattina presto (ora degli Stati Uniti), dicendo: "Non posso farmi da parte e guardare mentre questo accade”. Ha incaricato il sindaco di Minneapolis Jacob Frey di “riprendere il controllo della città“, affermando che l'alternativa era che avrebbe inviato la Guardia Nazionale e "avrebbe fatto quanto necessario”.

 

"Quando inizia il saccheggio, cominceranno gli spari”, ha detto Trump. Ha affermato di aver parlato con il governatore del Minnesota Tim Walz e di avergli detto "l'esercito è con lui fino in fondo".

 

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet ha condannato giovedì le uccisioni di molti afroamericani disarmati nelle mani della polizia nel corso degli anni. Ha detto che le autorità statunitensi devono prendere misure serie per fermare tali omicidi e garantire che giustizia sia fatta quando si verificano.

 

Negli Stati Uniti, oltre 100.000 persone sono morte per COVID-19, la maggior parte delle quali deboli, anziane, povere e appartenenti a minoranze. La morte di George Floyd, da un'altra prospettiva, rivela la disperata disuguaglianza dilagante negli Stati Uniti. La gente in Minnesota era arrabbiata e ha perso il controllo. Venerdì ho scritto un tweet: "Segretario Pompeo, ti prego, stai con la gente arrabbiata di Minneapolis, proprio come hai fatto con la gente di Hong Kong”.

 

Le élite politiche statunitensi sembrano essere aggressivi in tutte le direzioni. Hanno applaudito direttamente le rivolte di Hong Kong, definendole una “magnifica visione“ della democrazia. Il caos di Hong Kong dura da oltre un anno e le forze militari non sono state inviate. Tuttavia, dopo soli tre giorni di caos nel Minnesota, Trump ha minacciato pubblicamente l'uso della potenza di fuoco e ha implicato l'uso di forze militari.

 

Questo è lo stato di disuguaglianza degli Stati Uniti e un altro esempio dei doppi standard del paese. Bene, America, cosa dovrei dire?

 

 

L'autore è direttore del Global Times

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa