Goldman Sachs acquista bond di PDVSA. Smentite la fake news sul Venezuela ad un passo dal default

Goldman Sachs acquista bond di PDVSA. Smentite la fake news sul Venezuela ad un passo dal default

L’investimento effettuato dalla nota banca smentisce clamorosamente centinaia di articoli e servizi del circuito informativo mainstream che dipinge il Venezuela come uno Stato praticamente fallito

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde
 

La Goldman Sachs, una delle più grandi banche d’affari del mondo, ha acquistato circa 2800 milioni di dollari in bond della PDVSA, compagnia petrolifera statale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, detenuti dalla Banca Centrale del Venezuela (BCV). La notizia è stata resa nota da fonti legate all’operazione, secondo quanto afferma il ‘The Wall Street Journal’. 

 

L’investimento effettuato dalla nota banca smentisce clamorosamente centinaia di articoli e servizi del circuito informativo mainstream che dipinge il Venezuela come uno Stato praticamente fallito, sull’orlo del default. Lungi dall’essere un’istituzione filantropica, una banca come Goldman Sachs, «compra perché è certa che il Venezuela può pagare. Nessuno fa affari a perdere», ha affermato una fonte interna alla compagnia petrolifera venezuelana. 

 

Una vera e propria boccata d’ossigeno per un Venezuela cinto d’assedio su più fronti. Da quello interno dove l’opposizione ha scatenato da oltre 60 giorni la violenza terrorista dei guarimberos, spalleggiata dal circuito informativo internazionale, fino a giungere al fronte economico dove al boicottaggio dell’economia attraverso la speculazione e l’accaparramento va a sommarsi l’azione del Fondo Monetario Internazionale e delle principali agenzie di rating volta ad emarginare il Venezuela nel circuito mondiale del credito. 

 

La destra venezuelana ha immediatamente protestato per l’operazione. Il presidente dell’Assemblea Nazionale, l’aspirante proconsole dell’impero, al secolo Julio Borges, ha inviato una missiva al direttore esecutivo di Goldman Sachs, Lloyd Blankfein, dove si dice «indignato» e afferma che l’acquisto dei bond rappresenta «un salvavita per il regime autoritario». 

 

Vari organi di stampa afferenti l’opposizione hanno scritto che l’operazione è stata realizzata perché la banca d’investimenti punta sul «cambio di governo», ma la reazione scomposta dei principali dirigenti dell’opposizione venezuelana e dei mezzi d’informazione a loro contigui indebolisce questo scenario. Il Venezuela possiede le maggiori riserve mondiali di petrolio e PDVSA non è mai andata nemmeno a rischio di default. Ma questo andrebbe spiegato a quei giornalisti in malafede che preferiscono parlare della Nutella offerta ai bambini, o glorificare le violenze terroristiche di un’opposizione golpista che nel tentativo di raggiungere il potere ha di nuovo insanguinato il Venezuela. 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Il Rubicone della NATO di Giuseppe Masala Il Rubicone della NATO

Il Rubicone della NATO

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti