Gonzalo Lira detenuto in Ucraina: il silenzio assordante di Washington

Gonzalo Lira detenuto in Ucraina: il silenzio assordante di Washington

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Lo YouTuber ed editorialista statunitense Gonzalo Lira è stato arrestato in Ucraina all'inizio di maggio perché "giustificava pubblicamente" l'invasione russa, secondo un comunicato stampa del Servizio di sicurezza dell'Ucraina (SBU). Il comunicato afferma che Lira "ha la cittadinanza di uno dei Paesi dell'America Latina" (Cile), ma omette che è anche cittadino statunitense nato in California.

Lira risiede a Kharkiv, in Ucraina, ed è stato un critico esplicito del presidente Volodymyr Zelensky. Lira ha scritto articoli su temi finanziari, pubblicate su Business Insider e altri articoli di opinione su media internazionali. L'SBU ha dichiarato di aver confiscato "telefoni cellulari e un computer con prove di attività illegali" dall'appartamento di Lira, ma nessuna prova è stata resa pubblica.

Lira è stato accusato in base alle sezioni 2 e 3 dell'articolo 436-2 del codice penale ucraino, che è stato ampliato all'inizio dell’operazione militare speciale della Russia per criminalizzare la "distribuzione di materiali" che giustificano le azioni della Russia in Ucraina a partire dal 2014. La legge vieta specificamente di ritrarre qualsiasi disputa militare "finanziata dalla Federazione Russa" in Ucraina come un "conflitto civile interno", una legge che media come il New York Times e Wired Magazine hanno violato.

Il governo ucraino ha spesso sostenuto che i violenti conflitti nella regione del Donbass - che hanno ucciso oltre 10.000 persone tra il 2014 e il 2020 - sono stati finanziati e armati dai russi. Tuttavia, un ex funzionario della NATO incaricato di indagare sulle spedizioni di armi nel Donbass dal 2014 al 2018 ha scoperto che "non ci sono state consegne di armi ed equipaggiamenti militari da parte della Russia" e che invece la maggior parte delle armi sono state contrabbandate da soldati ucraini disertori. Anche questo funzionario avrebbe potuto essere incarcerato in base all'articolo 436-2, evidenzia ZeroHedge. 

Interrogato sulla questione, il Dipartimento di Stato si è rifiutato di dire se si sta impegnando con il governo ucraino per il cittadino statunitense Gonzalo Lira. 

Liam Cosgrove, giornalista di Epoch Times, ha chiesto al portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller se l'amministrazione fosse a conoscenza della detenzione di Lira e cosa pensano gli Stati Uniti dell'arresto di un cittadino USA da parte dell'Ucraina.

“Dirò in generale che siamo a conoscenza del rapporto. Ovviamente sosteniamo l'esercizio della libertà di parola in ogni parte del mondo e mi fermo qui", ha detto Miller.

Quando gli è stato chiesto se l'amministrazione stesse lavorando per ottenere il rilascio di Lira, Miller ha risposto: "Lascerò i miei commenti dove mi sono appena fermato”.

Cosgrove ha anche chiesto ai rappresentanti. Ted Lieu (D-CA) e Marjorie Taylor Greene (R-GA) sulla detenzione di Lira. Lieu ha detto di non essere a conoscenza del caso, ma ha affermato che i cittadini statunitensi dovrebbero "avere la possibilità di esprimere i loro pensieri e le loro opinioni" e che avrebbe indagato sull'arresto.

In risposta alla notizia, Greene ha detto a Cosgrove: “Gli Stati Uniti forniscono armi ed equipaggiamenti per la difesa del loro Paese, ma il governo ucraino non ha intenzione di difendere la libertà di parola degli statunitensi, e questo è un vero problema".

L'arresto di Lira non ha ricevuto praticamente alcuna attenzione dai media occidentali, evidenzia Antiwar. Uno dei pochi organi di informazione a occuparsene è stato il Daily Beast, che lo ha diffamato invece di mettere in discussione le accuse. Secondo il Beast, Lira rischia dai cinque agli otto anni di carcere.

Per l’ennesima volta emerge in maniera palese l’ipocrita doppia morale dei media occidentali. Provate solo a immaginare le campagne se Gonzalo Lira fosse stato arrestato in un paese non nelle grazie occidentali come Russia, Iran, Cina o Venezuela. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti