Haaretz: Israele aumenta l'assistenza di intelligence all'Ucraina attraverso la NATO

Haaretz: Israele aumenta l'assistenza di intelligence all'Ucraina attraverso la NATO

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo il quotidiano israeliano Haaretz, Israele ha rafforzato la sua assistenza di intelligence con l'Ucraina attraverso la NATO, con Tel Aviv desiderosa di continuare a fornire aiuti a Kiev.

Questa decisione illustra la volontà di Israele di rafforzare la sua cooperazione con l'Ucraina nonostante la presunta neutralità di Tel Aviv nel conflitto Russia-Ucraina sin dal suo inizio a febbraio.

Esperti politici suggeriscono che il catalizzatore della decisione di Israele di condividere l'intelligence con l'Ucraina sia accreditato all'aumento dell'assistenza militare da parte dell'Iran alla Russia. Fonti israeliane hanno affermato che "la decisione dell'Iran di aumentare la sua cooperazione militare con la Russia è un errore strategico".

Il funzionario militare israeliano ha spiegato ad Haaretz che la decisione di Teheran di fornire droni a Mosca è stata una decisione sbagliata e "la cosa migliore che sarebbe potuta accadere alle relazioni Israele-NATO".

Ciò avviene dopo che Israele è stato escluso da una conferenza di solidarietà  per l'Ucraina a Parigi, volta a raccogliere il sostegno della comunità internazionale per aiutare a ricostruire le infrastrutture dell'Ucraina, pochi giorni prima.

La conferenza comprendeva delegati di Stati Uniti, Turchia, Arabia Saudita e Bahrein, con esperti che suggerivano che l'esclusione fosse arrivata in risposta al ripetuto rifiuto di Israele di fornire sistemi di difesa aerea e batterie di difesa antimissile Iron Dome all'Ucraina.

Il ministro della Difesa israeliano uscente Benny Gantz ha ribadito che Tel Aviv non ha le capacità produttive  per fornire a Kiev le sue difese. Tuttavia, questa decisione potrebbe essere stata influenzata dalle minacce della Russia a Israele, secondo cui gli aiuti militari inviati all'Ucraina avrebbero avuto gravi ripercussioni.

Oltre all'esclusione di Israele dalla conferenza, Kiev ha votato a favore di un’indagine delle Nazioni Unite sull'occupazione israeliana della Cisgiordania.

La risoluzione era intitolata "Pratiche israeliane e attività di insediamento che incidono sui diritti del popolo palestinese e di altri arabi dei territori occupati", ostacolando in ultima analisi le relazioni Israele-Ucraina.

Yevgen Korniychuk, ambasciatore dell'Ucraina in Israele, è stato rimproverato da Tel Aviv e ribadendo l’insoddisfazione di Israele per il voto dell'Ucraina: "È stato chiarito all'ambasciatore che questo comportamento non incarna un comportamento amichevole".

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti