World Affairs/Hezbollah: Israele pagherà un prezzo alto se responsabile dell'es...

Hezbollah: Israele pagherà un prezzo alto se responsabile dell'esplosione di Beirut

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Il leader di Hezbollah ribadisce che Israele pagherà un "prezzo alto" se le indagini riveleranno il coinvolgimento di detto regime nelle esplosioni a Beirut

 
"Se si dimostra che Israele è dietro le esplosioni a Beirut, pagherà un prezzo alto", questo avvertimento è stato lanciato dal segretario generale del Movimento di resistenza islamica del Libano (Hezbollah), Hasan Nasrallah, oggi, in un discorso in occasione del 14° anniversario della vittoria nella guerra dei 33 giorni contro Israele.
 
Il Libano è devastato dopo le potenti esplosioni che hanno scosso l'area portuale di Beirut, la capitale libanese, il 4 agosto, provocando 158 morti e oltre 5mila feriti. Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza e ha annunciato un'indagine per trovare i responsabili e assicurarli alla giustizia.
 
Nasrallah ha considerato due ipotesi sul disastro. La prima: l'esplosione è stata dovuta a un incidente e la seconda: è il risultato di un atto di sabotaggio. " Nel caso in cui le indagini colleghino Israele all'esplosione, allora tutto il popolo libanese deve rispondere", ha affermato.
 
Il leader di Hezbollah ha rifiutato l'apertura di un'indagine con esperti stranieri, soprattutto da parte di FBI, perché, a suo avviso, potrebbero lavorare per insabbiare la presunta partecipazione di Israele.
 
Sebbene le autorità israeliane neghino di essere coinvolte nelle esplosioni a Beirut, gli esperti hanno visto l'incidente come un'opportunità per il regime di occupazione di uscire indenne dalla "vendetta" che si aspettava da Hezbollah in un attacco aereo in Siria.
 
Nasrallah, tuttavia, ha sottolineato che le ritorsioni per l'assassinio dell'alto comandante per mano di Israele sono ancora incombenti. “Siamo determinati a rispondere a questo attacco. L'obiettivo della risposta è stabilire le regole di ingaggio e deve essere presa in modo razionale e misurato ”, ha aggiunto.
 
Il leader di Hezbollah ha anche fatto riferimento alla grave situazione politica in Libano dopo la tragedia, sottolineando che alcuni poteri politici cercano di "rovesciare lo stato libanese per interessi personali e stranieri".
 
Ha anche accennato alle recenti dimissioni del primo ministro libanese, Hasan Diab, insistendo sulla necessità di formare un “nuovo governo di unità nazionale”, basato sul sostegno di “tutte le fazioni politiche e il Parlamento”.
 
Secondo Nasrallah, la situazione attuale “è molto più simile” a quella del Libano dopo la cattura dell'allora primo ministro Saad al-Hariri da parte dell'Arabia Saudita, evidenziando che alcuni attori cercano di attuare lo stesso scenario per minare la stabilità del Paese.
 
“Proprio come ci siamo opposti alle dimissioni di Hariri in queste circostanze, ci opponiamo anche alle dimissioni di Hasan Diab in questo momento. Il piano per rovesciare il governo mira a portare il Libano in una guerra civile ”, ha avvertito.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa