Il colonialismo britannico ha gettato le basi per le crisi di Hong Kong e Kashmir

Il colonialismo britannico ha gettato le basi per le crisi di Hong Kong e Kashmir

Secondo il giornalista John Wight, sebbene Hong Kong e il Kashmir sono distanti circa 4.000 km hanno in comune una storia di profonde ferite per i crimini del colonialismo britannico.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Segue l'analisi di John Wight, giornalista, ha collaborato con vari media come The Independent, Morning Star, Huffington Post, Counterpunch, London Progressive Journal e Foreign Policy Journal.


 
Questa storia e quelle cicatrici non possono essere astratte quando si tratta di afferrare l'origine delle crisi che hanno inghiottito entrambi i luoghi ora, perché, senza tener conto di questo, non è possibile intraprendere alcuna analisi seria e non verranno apprese lezioni salutari.
 
A partire da Hong Kong, quando il deputato conservatore senior del Partito ed ex ufficiale dell'esercito britannico Tom Tugendhatha ha recentemente suggerito che al popolo di Hong Kong dovrebbe essere concessa la cittadinanza britannica (indipendentemente dal fatto che lo voglia o no) come forma di protezione da Pechino, ha fornito al mondo uno spaccato della mente coloniale dell'establishment britannico.
 
Nel formulare questa ridicola proposta, che equivale a un'imposizione oltraggiosa della sovranità britannica sulla città, Tugendhat ha rivelato che per lui la Cina dovrebbe conoscere il suo legittimo posto come potenza minore. In questo è stato affiancato dall'ex governatore del Regno Unito di Hong Kong, Lord Patten di Barnes (ve lo prometto, non lo sto inventando), che con sorprendente arroganza ha chiesto l' istituzione di una commissione d'inchiesta britannica per indagare sui disordini, con particolare enfasi sulle azioni della polizia di Hong Kong.
 
Sia Tom Tugendhat che Lore Patten avrebbero potuto, a tutti gli effetti, stare sulle spalle di Lord George Macartney, l'uomo che guidò la prima delegazione commerciale britannica in Cina nel 1792 per ordine del re Giorgio III.
 
Macartney e la sua delegazione commerciale di 700 membri furono respinti in questo, primo tentativo della Gran Bretagna di aprire la Cina alle relazioni commerciali e diplomatiche britanniche. Tuttavia, come rivela l'esperto cinese Martin Jacques nel suo lavoro classico, Quando la Cina governa il mondo, il diplomatico britannico credeva che “era inutile che la Cina resistesse alle richieste britanniche perché era invano tentare di arrestare il progresso della conoscenza umana '”
 
Mentre il primo tentativo di Macartney di aprire la Cina alla tenera misericordia del "progresso" britannico stava andando incontro ad un fallimento, la British East India Company stava avendo più successo, avendo appena iniziato a esportare oppio dall'India nel paese. Quando Pechino vietò questo commercio di droga nel 1839, sulla base del fatto che stava devastando la sua gente con la dipendenza, Londra lanciò la prima delle due guerre dell'oppio che avrebbe intrapreso contro la Cina nel 19° secolo, inviando la sua flotta nella regione per bombardare la Cina.
 
Come parte del Trattato di Nanchino del 1842 alla fine della guerra, la Cina fu costretta a pagare a Londra una grande indennità, cedere Hong Kong al controllo britannico e continuare a consentire l'importazione di oppio. Fu un atto di malvagio brigantaggio internazionale, vestito con lo sfarzo e la cerimonia dell'eccezionalità britannica. Inoltre, ha segnato l'inizio del "secolo dell'umiliazione" della Cina , durante il quale il paese è stato sfruttato senza pietà, maltrattato e invaso da un gruppo di potenze imperialiste, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Giappone.
 
All'epoca del Trattato di Nanchino, l'eccezionalità britannica era profondamente radicata e funzionante in tutto il subcontinente indiano. Dal 1846 al 1947 il Kashmir fu governato come uno stato principesco dal Raj britannico in India, riducendolo allo status di vassallo britannico sotto un sovrano locale.
 
Al momento del ritiro della Gran Bretagna dall'India nel 1947, dopo aver aderito e organizzato la sua divisione nello stato a maggioranza musulmana del Pakistan e gli indù che dominarono l'India, Clement Attlee del Labour era primo ministro. In parole che fanno molto per screditare la sua eredità, ha tenuto un discorso alla Camera dei Comuni che includeva quanto segue:
“ Ripensandoci oggi negli anni, potremmo essere orgogliosi del lavoro svolto dai nostri concittadini in India. Naturalmente ci sono stati degli errori, ci sono stati dei fallimenti, ma possiamo affermare che il nostro dominio in India sarà paragonato a quello di qualsiasi altra nazione che è stata accusata del governo di un popolo così diverso da loro.”
 
Possiamo solo supporre che Attlee debba aver subito un acuto caso di amnesia storica durante questo discorso, permettendogli di scivolare sulla brutale risposta britannica all'ammutinamento indiano del 1857, quando i ribelli catturati furono legato alle estremità dei cannoni per poi farli esplodere frantumi.
 
Ma se questo triste episodio fosse nel discorso di Attlee si fosse perso nella notte dei tempi, non poteva non ricordare il massacro di Amritsar del 1919, quando le truppe britanniche uccisero almeno 400 persone che protestavano contro il dominio coloniale britannico. E se Amritsar non fosse abbastanza per suscitare un residuo senso di colpa nel petto di Mr Attlee, a nome dello Stato britannico, che dire della carestia del Bengala del 1943, appena quattro anni prima, durante la quale tre milioni morirono a causa delle azioni del predecessore di Attlee, Winston Churchill?
 
La spartizione dell'India da parte degli inglesi nel 1947 fu un disastro, che portò direttamente alla spaventosa strage di violenza comunitaria e al radicamento dei decenni di inimicizia che sono esistiti tra India e Pakistan da allora, con il Kashmir un fattore importante in questa inimicizia.
 
Almeno quando è stato primo ministro nel 2011, David Cameron ha avuto la decenza di scusarsi per l'eredità egregia della Gran Bretagna in India e il suo ruolo nell'intrattabile disputa sul Kashmir. Lo ha fatto durante una visita ufficiale in Pakistan dopo che gli è stato chiesto cosa fare della regione amministrata dall'India. “ Non voglio provare a inserire la Gran Bretagna in un ruolo di primo piano in cui, come in molti dei problemi del mondo, siamo stati in primo luogo responsabili del problema.”
 
È solo un peccato che Cameron non abbia tenuto fede a quel pensiero quando è arrivato la sua spinta per l'intervento militare occidentale in Libia nello stesso anno. Ma questa è un'altra storia.
 
Le crisi che hanno travolto Hong Kong e il Kashmir rappresentano un caso forte non per le interferenze britanniche ma per i rimedi britannici.  Questo a titolo di risarcimento per il ruolo di Londra nel preparare il terreno storico per la lotta e l'agitazione che si stanno verificando.
 

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti