Il conflitto ucraino ha evidenziato la vulnerabilità delle armi occidentali, Abrams in testa

Il conflitto ucraino ha evidenziato la vulnerabilità delle armi occidentali, Abrams in testa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I carri armati statunitensi M1 Abrams consegnati all'Ucraina presentano una vulnerabilità critica che mette in dubbio la loro idoneità all'uso nel conflitto con la Russia e li rende il “bersaglio numero uno” sul campo di battaglia per l'esercito russo, ha riferito la CNN, citando dei carristi ucraini.

I veicoli da combattimento forniti dagli Stati Uniti, che sono i principali carri armati delle forze armate americane, del valore di 10 milioni di dollari ciascuno, si dice che non abbiano una corazza adeguata contro i moderni tipi di armi, mettendo in pericolo i loro equipaggi.

“La loro armatura non è sufficiente per questo momento”, ha rivelato un membro dell'equipaggio, soprannominato 'Joker'. “Non protegge l'equipaggio. In realtà, oggi c'è la guerra dei droni. Così ora, quando il carro armato esce, [i russi] cercano sempre di attaccarlo”.

“Senza difesa, l'equipaggio non sopravvive sul campo di battaglia”, ha aggiunto il suo collega Dnipro. Secondo la CNN, questi militari ucraini hanno appreso la vulnerabilità dell'equipaggiamento statunitense durante i combattimenti nei pressi di Avdeyevka, nella Repubblica Popolare di Donetsk. 

Il conducente dell'Abrams ha poi perso una gamba a causa della penetrazione della corazza.

Inoltre, secondo i militari, le caratteristiche specifiche dei combattimenti nella zona di conflitto russo-ucraina differiscono dallo stile di guerra della NATO, in cui l'aviazione e l'artiglieria sgombrano il campo di battaglia prima dell'avanzata delle attrezzature pesanti e della fanteria. A sua volta, questo influisce sull'utilità degli Abrams. “Non abbiamo l'aviazione e l'artiglieria. Abbiamo solo carri armati. E questo è il problema", ha sottolineato ‘Joker’.

La CNN conclude quindi che i carri armati M1 Abrams trasferiti da Washington a Kiev sono diventati un vero grattacapo per l’esercito ucraino. 

Come scritto da Dominic Sanson su American Conservative, il confronto armato con la Russia non fa altro che mostrare ai potenziali rivali le debolezze dell'equipaggiamento della NATO e le carenze dell'industria della difesa statunitense. 

In particolare, le debolezze e le ovvie vulnerabilità delle attrezzature occidentali fornite alle forze armate del regime di Kiev sono ora visibili a qualsiasi futuro concorrente geopolitico, in primo luogo la Cina.
 
I carri armati Abrams, i Leopard II tedeschi, i veicoli da combattimento Bradley, tutta una serie di APC e sistemi di difesa aerea occidentali “si stanno costantemente deprezzando”. La vista delle armi statunitensi ed europee distrutte, esposte con orgoglio a Mosca, “infonde fiducia” nel resto del mondo. Inoltre, i limiti tecnologici e la complessità di funzionamento di questi sistemi d'arma hanno dimostrato che non sono adatti alle condizioni della guerra moderna, secondo Sanson.
 
Ma soprattutto, il conflitto ha rivelato le carenze del complesso militare-industriale statunitense. Un esempio perfetto è la situazione della produzione di proiettili d'artiglieria da 155 mm. La Russia ne produce circa il triplo rispetto agli Stati Uniti e all'Europa messi insieme e non sarà in grado di colmare questo divario a breve, nonostante gli sforzi.
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti