Il corporativismo asiatico e i valori (neoliberisti) della Meloni

Il corporativismo asiatico e i valori (neoliberisti) della Meloni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Mettiamo pure che la ricchezza sia creata da aziende e lavoratori, sulla qual cosa ci sarebbe da discutere.

Mettiamo pure che questo concetto rivisiti il tema del corpora degli anni trenta, proseguito nel dopoguerra.

Mettiamo pure che il capitalismo asiatico attuale sia dettato da un particolare corpora, dove la comunità, in senso largo, ha piu' presa dell'individuo. Mettiamo pure che il concetto espresso ieri voglia riportare il Paese con al centro la produzione, su cui ho forti dubbi.

Ma mettiamo pure questo.

Il fatto è che il Presidente del Consiglio, nei suoi affari correnti, nelle sue decisioni legislative ed amministrative, prende spunto unicamente dalle corporazioni economiche. I loro temi li fa propri, lo Stato, supremo ultimo decisore, almeno nel concetto di corpora, semplicemente non esiste, è un comitato d'affari di Confindustria o, se vogliamo, anche di Confcommercio e Confesercenti, piu', ovviamente, Abi.

La supremazia che hanno queste corporazioni fa si che il corpora fascista, democristiano, asiatico, non abbia nulla a che fare con l'azione di questo governo.

Negli altri assetti storici, vi era un ruolo preminente dello stato. Ora, e qui lo è da 30 anni, esso è dominato da Usa, Ue, Bce, Fmi e corporazioni economiche.

Il lato lavoro serve unicamente a sopire eventuali proteste. E' dunque neocorporativismo giapponese, con la differenza che in quest'ultimo paese, dopo decenni, banca centrale e governo hanno intimato gli operatori economici ad aumentare enormemente i salari.

Da noi non si parla nemmeno di salario minimo, è una bestemmia.

Dunque, la Meloni, non ha come riferimenti culturali gli anni trenta, ma la deflazione salariale unita all'asset inflation. Da questo punto di vista ha ragione chi afferma che è una sorte di Draghi al femminile, nulla muta, tra Accenture, Mckynsey, Ocse, Davos e via discorrendo.

Lo Stato continua ad esser spolpato, per buona sorte della gente di destra che pensava che la preminenza di esso con questo governo avesse nuovamente un ruolo. Senza cultura, che sia reazionaria, antagonista, moderata, non ci può essere un decisore politico che rivitalizzi lo Stato.

E' proprio la cultura che manca. La settimana scorsa ho letto che una Regione meridionale si è fatta elaborare il piano economico per i prossimi anni da Confindustria, con Bonomi stesso che lo presentava.

Nessuno si scandalizza.

Semplicemente il pubblico non deve esistere piu', che sia sanità, assistenza, istruzione, tutela, niente di niente, tutto al profitto sussidiato.

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Ha aperto un canale telegram: pianocontromercato
 
 

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti