Il Corriere della sera decanta i tre premi Ignobel per l'Economia del 2019

Il Corriere della sera decanta i tre premi Ignobel per l'Economia del 2019

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giuseppe Masala


Il Corriere della sera decanta i tre premi Ignobel per l'Economia del 2019. Dicono che si tratta di un premio dato per ricerche non ideologiche sulla povertà. Ma cosa c'è di più ideologico che considerare la povertà una condizione individuale e dunque una mera questione di scelte da cambiare con il giusto incentivo?

Ma cosa c'è di più ideologico che considerare la povertà come la sommatoria dei singoli poveri? Ma come si fa a valutare la condizione di un congolese, figlia delle scelte individuali da correggere con l'incentivo di un piatto di lenticchie, senza tener conto del genocidio subito dal suo popolo (oltre 10 milioni di morti) quando quelle terre erano "possedimento personale di Re Baldovino"? Nella foto una bambina congolese in uno zoo umano in Belgio. A questa bambina una volta liberata dalla gabbia e diventata donna povera in qualche periferia di Bruxelles possiamo imputare la sua condizione di povertà a delle scelte individuali da curare con i "giusti incentivi"? Sono indignato.

Le Scienze Economiche hanno toccato il punto più miserabile della loro storia peraltro non particolarmente gloriosa. Ma ciò che più mi irrita è il silenzio vigliacco degli economisti che oggi dovrebbero ribaltare tutto contro questo premio.


Post Scriptum:


Che poi in un simile premio Nobel per l'economia vi è anche l'elemento pedagogico per l'Uomo Occidentale. Il messaggio è il seguente: "Se per motivi ineludibili (e non per scelta politica) vi leveremo tutto a partire dal welfare state tranquilli. Avete visto come la donna del Rajastan o del Congo è uscita dalla povertà partendo da un semplice sacchetto di lenticchie che gentilmente gli abbiamo donato?". La logica è la stessa, quella del self made man, della scelta individuale che fa le differenze, del merito e del premio e del demerito e del castigo senza alcun paracadute sociale. Alla base c'è la scelta di depredare i diritti altrui e di spacciare questo come scelta ineludibile ed immodificabile per poi rassicurare gli strati sociali depredati che con l'impegno individuale si può uscire dalla miseria nella quale ti hanno precipitato.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti