Kherson: la questione amletica

Kherson: la questione amletica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Appunti e riflessioni di Nora Hoppe – The Saker


Premessa:
Non so nulla effettivamente della guerra... Non ne ho mai vissuta una. Non capisco nulla di campagne militari, strategie, manovre, armi, ecc. Ho solo visto diversi film di guerra, letto romanzi sulla guerra e seguito i notiziari su varie guerre...

*   *   *

Ho sentito dire che ogni guerra è diversa e che i confronti sono utili solo per "certi aspetti".

Seguo regolarmente le notizie sull'Operazione Militare Speciale della Russia in Ucraina. E di recente ho letto e sentito molti pareri diversi e divisivi sul ritiro delle truppe russe da Kherson, una città che ora fa legalmente parte della Russia.

Tralasciando le opinioni della parte pro-NATO, che non sono di alcun interesse, sto osservando la divisione di pensiero tra analisti, giornalisti e commentatori nei vari forum che si schierano con i russi: C'è chi è indignato e vede il ritiro da Kherson come "una vergogna", "un segno di debolezza", "un imbarazzo", "una strategia sbagliata", "un'ottica poco attraente", ecc. Altri la considerano il risultato di una decisione difficile ma saggia, presa soprattutto per salvare la vita dei soldati russi, che sarebbero stati isolati da un'enorme inondazione se la NATO avesse fatto saltare la diga di Kakhovka. (Potrebbero esserci ulteriori ragioni tattiche per il ritiro, ma non sono (ancora) note al pubblico).

Quando alcuni parlano di "un'ottica poco attraente"... mi viene subito in mente un set cinematografico (ho lavorato nel mondo del cinema per molti anni). E questo mi dice subito come alcuni vedono questa operazione – come spettatori: deve avere una buona sceneggiatura accattivante, suspense, azione ininterrotta e – il cielo non voglia – nessun momento di calma! Deve infine fornire un rilascio di dopamina. Deve avere una "catarsi alla Dirty Harry".

Questo mi ricorda reazioni simili allo scambio di prigionieri di metà settembre, dove alcuni hanno visto come un segno di debolezza anche solo pensare di liberare i prigionieri di Azov... o quando il governo cinese non ha dato una risposta drammatica quando Pelosi è andata a fare la sua scenetta a Taiwan.

Cosa c'è alla base di questo tipo di reazioni? Perché tanta impazienza? Perché tanta preoccupazione per le "apparenze"? Perché questo bisogno di saziare il proprio personale senso di giustizia e di punizione? Ha forse a che fare con il consumo? Soprattutto nel mondo occidentale si è diventati consumatori assuefatti non solo di cose, ma anche di "esperienze" che possono essere vissute indirettamente.

Oggi assistiamo agli eventi di guerre e battaglie altrui sugli schermi dei computer, comodamente da casa, o sui nostri piccoli cellulari dai caffè fighetti... Questi eventi sono accessibili in qualsiasi momento – basta premere un tasto... e appaiono – come una scena di un film, un gioco, una gara, un incontro sportivo. Persino i cadaveri che giacciono maciullati, insanguinati o in cruenti moncherini sparsi sul fango diventano i pezzi di marionette rotte su un palcoscenico. "Beh, cavolo, ci si abitua...". La sacralità della Vita è scomparsa.

Siamo diventati spettatori... e il nostro mondo è diventato uno spettacolo.

Nella sua opera filosofica e critica della cultura consumistica contemporanea, "La società dello spettacolo", Guy Debord descrive la società moderna come una società in cui la vita sociale autentica è stata sostituita dalla sua rappresentazione: "Tutto ciò che un tempo era vissuto direttamente è diventato mera rappresentazione". Egli sostiene che la storia della vita sociale può essere intesa come "il declino dell'essere in avere... e dell'avere in mero apparire". Questa condizione è il "momento storico in cui la merce completa la sua colonizzazione della vita sociale".

Non voglio addentrarmi nel mondo del cinema o in un discorso filosofico... ma voglio solo porre una domanda: Quando ci sveglieremo al mondo reale, autentico?

Quando la smetteremo di preoccuparci delle "apparenze cool", delle "manovre sensazionali" e delle "repliche scattanti"... e cominceremo a ricordare innanzitutto il senso di questa operazione?

Non si tratta forse essenzialmente di VITE? Non solo di quelle di coloro che hanno subito ingiustizie e atrocità a Donetsk e Lugansk (e altrove) dal 2014 (almeno)... ma anche di quelle di coloro che lottano per la salvezza e la sopravvivenza di queste altre vite... e – per estensione – delle vite degli esseri umani sovrani del pianeta che anelano a vivere in un mondo migliore e multipolare?

Il Presidente Vladimir V. Putin ha cercato di evitare una risposta militare in Ucraina per molti lunghi anni, fino a quando il popolo russo e la Russia hanno iniziato a confrontarsi con la sua devastazione dall'esterno, in particolare con la crescente minaccia della NATO e l'intensificazione del regime neonazista in Ucraina. Non è una decisione facile prendere misure militari rischiose per affrontare uno scontro inevitabile. Nel suo discorso del 4 novembre, in occasione della Giornata dell'Unità Nazionale, davanti agli storici e ai rappresentanti delle religioni tradizionali russe, ha espresso visibilmente il suo orrore e il suo dolore personale per la profonda tragedia di questo scontro e per ciò che stava accadendo al popolo ucraino: "La situazione in Ucraina è stata spinta dai suoi cosiddetti "amici" fino al punto in cui è diventata mortale per la Russia e suicida per lo stesso popolo ucraino. E lo vediamo anche nella natura delle ostilità, quello che sta accadendo è semplicemente scioccante. È come se il popolo ucraino non esistesse. Vengono gettati nella fornace e basta".

Forse la "transitoria" ritirata da Kherson non è una battuta d'arresto e può essere vista addirittura come una vittoria, un altro tipo di vittoria: una vittoria morale.

Nel suo potente capolavoro, "Guerra e Pace", Lev Nikolaevic Tolstoj descrive la battaglia di Borodino come il più grande esempio di patriottismo russo... L'impegno collettivo di tutti coloro che parteciparono alla battaglia di Borodino è ciò che alla fine raggiunse il risultato finale: nonostante tutte le perdite e la necessità sacrificale di evacuare Mosca e bruciare le sue risorse – al fine di salvare l'esercito e la Russia, i russi ottennero una vittoria morale in questa battaglia... che alla fine portò alla vittoria completa dell'esercito russo e dell'intera campagna.

"Diverse decine di migliaia di caduti giacevano in posizioni diverse e in varie uniformi sui campi e sui prati appartenenti alla famiglia Davidov e ai servi della corona, quei campi e quei prati dove per centinaia di anni i contadini di Borodino, Gorki, Scevardino e Semënovsk avevano raccolto i loro raccolti e pascolato il loro bestiame. Nelle stazioni di medicazione l'erba e la terra erano intrise di sangue per uno spazio di circa tre ettari. Folle di uomini di varie armi, feriti e non feriti, con i volti spaventati, si trascinavano a Mozháysk da un esercito e a Valuevo dall'altro. Altre folle, esauste e affamate, avanzarono guidate dai loro ufficiali. Altre tennero duro e continuarono a sparare". ["Guerra e pace" – libro 10; capitolo 39].

Il motto del generale in capo Mikhail I. Kutuzov "pazienza e tempo" permise all'esercito russo di essere vittorioso quando fu in grado di abbracciare, anziché cercare di conoscere, le contingenze della guerra e di preparare i suoi soldati al meglio per tale battaglia. Sapeva che, combattendo la battaglia campale e adottando la strategia della guerra di logoramento, avrebbe potuto ritirarsi con l'esercito russo ancora intatto, guidarne la ripresa e costringere le indebolite forze francesi ad allontanarsi ulteriormente dalle loro basi di rifornimento.

"Grazie a lunghi anni di esperienza militare sapeva, e con la saggezza dell'età capiva, che è impossibile per un solo uomo dirigere centinaia di migliaia di altri che lottano con la morte, e sapeva che il risultato di una battaglia non è deciso dagli ordini di un comandante in capo, né dal luogo in cui sono stanziate le truppe, né dal numero di cannoni o di uomini massacrati, ma dalla forza intangibile chiamata spirito dell'esercito, ed egli osservava questa forza e la guidava per quanto era in suo potere." ["Guerra e pace" – libro 10; capitolo 35... grassetto mio].

Secondo Tolstoj: "Negli affari militari la forza di un esercito è il prodotto della sua massa e di qualche x sconosciuta. ... Questa quantità sconosciuta è lo spirito dell'esercito, cioè la maggiore o minore disponibilità a combattere e ad affrontare il pericolo provata da tutti gli uomini che compongono un esercito, indipendentemente dal fatto che combattano o meno sotto il comando di un genio, in formazione a due o tre file, con i randelli o con i fucili che ripetono trenta volte al minuto. Gli uomini che vogliono combattere si metteranno sempre nelle condizioni più vantaggiose per farlo. ... Lo spirito di un esercito è il fattore che, moltiplicato per la massa, dà la forza risultante. Definire ed esprimere il significato di questo fattore sconosciuto – lo spirito di un esercito - è un problema per la scienza." ["Guerra e pace" – libro 14; capitolo 2].

Questo approccio russo alla guerra apriva un'opzione completamente nuova: che "il destino delle nazioni" dipendesse "non dai conquistatori, nemmeno dagli eserciti e dalle battaglie, ma da qualcos'altro". Questo "qualcos'altro", spiega Tolstoj, era in realtà lo spirito del popolo e dell'esercito, che li spingeva a bruciare la loro terra piuttosto che cederla ai francesi.

Le qualità più alte di un essere umano, secondo Tolstoj, sono: semplicità, gentilezza e verità. La moralità, secondo lo scrittore, è la capacità di sentire il proprio "io" come parte del "noi" universale. Gli eroi di Tolstoj sono semplici e naturali, gentili e calorosi, onesti di fronte alla gente e alla loro coscienza.

Tolstoj osserva che, qualunque sia la fede, essa "dà all'esistenza finita dell'uomo un significato infinito, un significato non distrutto dalle sofferenze, dalle privazioni o dalla morte". ... "Ho capito che la fede è una conoscenza del significato della vita umana in conseguenza della quale l'uomo non si distrugge ma vive. La fede è la forza della vita. Se un uomo vive, crede in qualcosa. Se non credesse che si deve vivere per qualcosa, non vivrebbe. Se non vede e non riconosce la natura illusoria del finito, crede nel finito; se comprende la natura illusoria del finito, deve credere nell'infinito. Senza fede non può vivere... Perché l'uomo possa vivere deve o non vedere l'infinito, o avere una spiegazione del senso della vita tale da collegare il finito con l'infinito."

"Ho capito che se voglio capire la vita e il suo significato, non devo vivere la vita di un parassita, ma devo vivere una vita vera e – prendendo il significato dato alla vita dalla vera umanità e fondendomi in quella vita – verificarla."

 

Per ottenere una vera vittoria - per un mondo migliore... forse dobbiamo ricalibrare il nostro pensiero e i nostri valori. Questa è davvero una lotta spirituale... che non viene combattuta solo a Donetsk, Lugansk e in Ucraina. È una lotta all'interno di noi stessi, qualunque siano le nostre convinzioni... Che cosa ha significato per noi? Forse è necessario che ognuno di noi definisca innanzitutto ciò che ritiene "sacro" nella propria vita.

*  *  *

Riferimenti:

http://kremlin.ru/catalog/keywords/78/events/69781

https://www.marxists.org/archive/tolstoy/1869/war-and-peace/index.html

https://thestrip.ru/en/smoky-eyes/kakim-bylo-otnoshenie-tolstogo-k-voine-prichiny-obyasneniya-voiny-po/

https://hum11c.omeka.fas.harvard.edu/exhibits/show/reading-history/differing-perspecitives-on--re

 

 

 

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti