Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha visitato le fabbriche di aerei a Komsomolsk-on-Amur in Russia

Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha visitato le fabbriche di aerei a Komsomolsk-on-Amur in Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nell’ambito della sua visita di Stato in Russia, il leader nordcoreano Kim Jong-un ha visitato le fabbriche di aerei a Komsomolsk-on-Amur, come riferito dal servizio stampa del governo russo. 

“Al presidente degli Affari di Stato della Repubblica Popolare Democratica di Corea, Kim Jong-un, è stato mostrato il centro di ingegneria e le officine di produzione dello stabilimento aeronautico di Komsomolsk-on-Amur intitolato a Yu.A. Gagarin”, si legge nel comunicato diffuso da Mosca.

Durante la sua visita allo stabilimento aeronautico, il leader della RPDC era accompagnato dal Vice Primo Ministro, Ministro dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, Denis Manturov.

Inoltre, Kim Jong-un, insieme a Manturov, ha ispezionato la produzione di assemblaggio di aerei da combattimento e l'officina di assemblaggio finale degli aerei Su-35 e il complesso di aerei Su-57 di quinta generazione presso lo stabilimento aeronautico di Komsomolsk-on-Amur. Inoltre, il leader nordcoreano ha potuto apprezzare il volo dimostrativo del caccia multiruolo Su-35.

“Abbiamo dimostrato al leader della RPDC uno dei nostri principali impianti di produzione di aeromobili. Vediamo il potenziale per la cooperazione sia nel campo della produzione aeronautica che in altri settori - questo è particolarmente importante per raggiungere i compiti che i nostri paesi devono affrontare per raggiungere la sovranità tecnologica", ha affermato Denis Manturov. 

Il leader nordcoreano Kim Jong Un è arrivato venerdì presto alla stazione ferroviaria della città russa dell'Estremo Oriente di Komsomolsk-on-Amur, secondo quanto riferito da un corrispondente della TASS.

È stato accolto dal governatore della regione di Khabarovsk Mikhail Degtyarev e dal sindaco di Komsomolsk sull'Amur Alexander Zhornik. Per l'ospite d'alto rango è stato dispiegato un tappeto rosso. Secondo la tradizione russa per gli ospiti speciali, Kim è stato accolto con pane e sale.

Poco dopo il suo arrivo, Kim si è recato allo stabilimento aeronautico Yuri Gagarin Komsomolsk-on-Amur (KnAAZ), accompagnato da Degtyarev e Zhornik.

La città ha due importanti stabilimenti di costruzione di aerei: lo stabilimento KnAAZ (filiale del produttore di aerei Sukhoi) e un impianto di produzione della società Yakovlev (precedentemente nota come Irkut). Entrambi fanno parte della United Aircraft Corporation (UAC) della Russia.

KnAAZ produce aerei da guerra avanzati per il Ministero della Difesa russo, inclusi aerei da combattimento Su-35 e Su-57. Insieme alla filiale di Yakovlev gestisce un progetto di aviazione civile per la produzione di aerei Sukhoi Superjet 100.

Il viaggio di Kim a Komsomolsk-on-Amur arriva pochi giorni dopo che il leader nordcoreano ha avuto colloqui con il presidente russo Vladimir Putin al cosmodromo di Vostochny vicino alla città di Tsiolkovsky, nell’Estremo Oriente russo.

Durante i colloqui di mercoledì, Kim ha promesso con fermezza il pieno sostegno del suo Paese a “tutte le decisioni” prese da Mosca.

Putin, da parte sua, ha salutato i negoziati come "molto produttivi", aggiungendo che "c'è stato uno scambio di opinioni molto franco sulla situazione nella regione e sulle relazioni bilaterali".

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti