Il Partito comunista del Sud Africa (SACP) sostiene la Missione di pace africana in Ucraina e in Russia

Il Partito comunista del Sud Africa (SACP) sostiene la Missione di pace africana in Ucraina e in Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Fonte: Solidnet

Traduzione dal francese a cura di Marx21

La missione di pace africana guidata dal presidente sudafricano Cyril Ramaphosa e da altri capi di Stato africani in Ucraina e Russia è stata estremamente importante.

Come Partito Comunista del Sud Africa (SACP), sosteniamo pienamente gli sforzi dell’Africa per porre fine al conflitto in Ucraina attraverso mezzi diplomatici pacifici, al contrario di quanti vogliono che il Sudafrica e altri Stati africani scelgano da che parte stare, e spudoratamente alludono alle forze imperialiste”, ha dichiarato Solly Mapaila. segretario generale del SACP, a Johannesburg.

Il SACP invita il presidente Ramaphosa e altri capi di Stato africani a intensificare i loro sforzi per porre fine al conflitto in Ucraina attraverso mezzi diplomatici pacifici.

Siamo felici di essere tra noi e di esprimere la nostra solidarietà alla nostra delegazione sudafricana della Missione di pace africana in Ucraina e Russia per le spiacevoli esperienze vissute in Polonia durante il viaggio verso l’Ucraina“, ha dichiarato Mapaila.

Il sabotaggio in Polonia ci ricorda che il killer Janusz Walusz, che premette il grilletto per assassinare a sangue freddo il segretario generale del SACP, Chris Hani, il 10 aprile 1993, in difesa dell’apartheid perpetuo, ebbe origine in Polonia. Fino ad oggi, l’assassino gode di un diffuso rispetto razzista in Polonia come eroe.

Interrompendo il lavoro della delegazione sudafricana alla Missione di pace africana, le autorità polacche devono essere viste come un’azione nel contesto delle manovre imperialiste guidate dagli Stati Uniti che bloccano gli sforzi per raggiungere una soluzione pacifica del conflitto in Ucraina.

Parte di questa agenda in Sud Africa è recentemente venuta alla luce nelle accuse prive di fondamento ma ben calcolate del dottor Reuben Brigety. L’ambasciatore degli Stati Uniti ha affermato istericamente che il Sudafrica ha spedito armi alla Russia nel dicembre 2022 da Symonds Town durante la guerra in Ucraina.

Nel frattempo, gli Stati Uniti, il Regno Unito e altre ex potenze coloniali dell’Europa occidentale nel cuore dell’Unione europea hanno provocato il conflitto in Ucraina per perseguire i propri interessi imperialisti. Trasformando la NATO nella loro organizzazione intergovernativa per l’aggressione militare in altre parti del mondo: un’organizzazione dominata dagli Stati Uniti, che ha intrapreso un’espansione verso est diretta non solo contro la Russia, ma infine contro la Cina. Gli Stati Uniti e i loro alleati europei della NATO asserviti vogliono il controllo totalitario delle risorse naturali del mondo e dell’economia mondiale per salvare la loro egemonia imperialista dalle molteplici crisi che sempre più deve affrontare.

Come parte della loro strategia politico-economico-militare, hanno sostenuto attivamente il colpo di stato avvenuto in Ucraina nel 2014. “Le forze imperialiste hanno creato le condizioni per la risposta della Russia sotto forma della sua operazione militare speciale, che hanno trasformato in una guerra“, ha dichiarato Mapaila.

La NATO sostiene militarmente la guerra a fianco dell’Ucraina, investendo miliardi di dollari ed euro, in particolare in armamenti e loro relative capacità tecniche. Inoltre, agendo spudoratamente contro la libertà dei media, la NATO ha bandito Russia Today e bloccato il suo segnale su scala mondiale.

Non sono solo le forze imperialiste guidate dagli Stati Uniti e dalle ex potenze coloniali che si sono infiltrate in Sud Africa, con i mass media che diffondono attivamente la loro propaganda, su cui torneremo a tempo debito; anche alcune “società civili” e organizzazioni politiche fanno lo stesso.

Il partito guidato quasi impeccabilmente dai bianchi in Sud Africa ne è un esempio calzante. In precedenza, l’Alleanza Democratica aveva incaricato il Sig. John Steenhuizen di indagare sulla situazione in Ucraina, ma egli ha preferito dirigere le sue armi contro il governo democraticamente eletto del Sud Africa per essere parte di una vera e propria missione di pace africana non solo in Ucraina ma anche in Russia.

Tutto ciò ha un retroterra storico. Per decenni, fino alla nostra svolta democratica nell’aprile 1994, la stragrande maggioranza dei sudafricani ha sofferto di un particolare tipo di colonialismo, incluso l’apartheid. Ciò significa che i colonialisti suprematisti bianchi e la maggioranza nera oppressa vivevano nello stesso territorio, ma dove i colonialisti separavano su basi razziali le colonie e mantenevano sistematicamente in condizioni di sottosviluppo le zone colonizzate e le aree ad esse collegate: i Bantustan.

Dopo la nostra svolta democratica nell’aprile 1994, i beneficiari di un particolare tipo di colonialismo progettato nell’interesse dell’imperialismo hanno spostato sempre più il loro sostegno politico e il loro finanziamento verso il partito di Alleanza Democratica (AD). Nella politica africana e mondiale, AD, per le sue posizioni e per come agisce, non è altro che un agente e un portavoce dei neocolonialisti e degli imperialisti. Non sorprende quindi che Helen Zille di AD, uno dei suoi principali leader e “intellettuali”, abbia elogiato il colonialismo paragonandolo alla nostra attuale democrazia, conquistata con tanta fatica.

Partito comunista sud-africano (SACP)

Unisciti al nostro canale telegram

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti