Il Post Afghanistan di Biden. Contro la Russia, 60 milioni di dollari di aiuti militari all'Ucraina

Il Post Afghanistan di Biden. Contro la Russia, 60 milioni di dollari di aiuti militari all'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Presidente degli Usa Joe Biden, altro che "Sleep Joe", è passato subito dalle parole ai fatti.

Nei giorni scorsi ha difeso la sua scelta sul ritiro delle truppe Usa dall'Afghanistan, ricordando che gli obiettivi di guerra, "le minacce" di Washington sono altre, ovvero Russia e Cina.

Per questa ragione, Biden nel suo incontro con il Presidente ucraino Volodimir Zelenski, ha confermato l'invio di 60 milioni di dollari in aiuti militari, affermando che Washington è "fermamente impegnata nella integrità territoriale dell'Ucraina "di fronte a quella che ha chiamato" aggressione russa ".

Il pacchetto di assistenza include missili anti-attacco di tipo Javelin che Washington ha già inviato a Kiev in precedenti occasioni, nonché armi letali e non letali progettate per consentire all'Ucraina di "difendersi più efficacemente dall'aggressione russa", ha riferito la Casa Bianca ed i media statunitensi come The New York Times.

Nel suo discorso di apertura nella Sala Ovale, il presidente ucraino ha anche messo sul tavolo il sogno del suo governo di aderire alla NATO.

"Vorrei parlare con il presidente Biden della sua visione, del suo governo sulle possibilità che l'Ucraina entri nella NATO e in quale periodo di tempo", ha svelato Zelenski.

Tuttavia, Biden ha espresso solo un timido sostegno all'ingresso dell'Ucraina nell'alleanza militare senza presentare una scadenza per l'adesione. "Sosteniamo le aspirazioni euro-atlantiche dell'Ucraina", ha risposto semplicemente il presidente degli Stati Uniti.

In precedenza, il presidente americano aveva sottolineato che l'Ucraina è lungi dall'essere in grado di aderire all'alleanza, e gli Stati Uniti lungi dal superare quella che la Russia considera una linea rossa.

2,5 miliardi di dollari in aiuti militari all'Ucraina dal 2014

Dal 2014 le relazioni tra Mosca e Kiev e i loro alleati occidentali si sono deteriorate a causa del ritorno della penisola strategica di Crimea alla Russia, a seguito di un referendum in cui oltre il 96% dei suoi abitanti votò a favore dell'adesione alla Federazione Russa.

La Russia denuncia che gli Stati Uniti stanno deliberatamente aumentando il volume di sostegno alle armi all'Ucraina per trasformare questo paese europeo - che confina con il fianco occidentale russo - in una "polveriera" .

Dal 2014, gli Stati Uniti hanno dato all'Ucraina 2,5 miliardi di dollari in aiuti militari, di cui 400 milioni solo quest'anno.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti