Il premio Nobel per l'economia Joseph E. Stiglitz: "L'unica prosperità sostenibile è una prosperità condivisa

Il premio Nobel per l'economia Joseph E. Stiglitz: "L'unica prosperità sostenibile è una prosperità condivisa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 Negli ultimi anni, gli imprenditori a Davos, l'incontro annuale del World Economic Forum, hanno classificato la disuguaglianza come uno dei maggiori rischi per l'economia globale. Essi hanno riconosciuto che non è solo una questione morale, ma anche una questione economica, scrive il premio NObel per l'economia, Joseph Stiglitz
 
Naturalmente, se i cittadini comuni non dispongono di un reddito con cui acquistare i prodotti realizzati dalle multinazionali di tutto il mondo, come possono quelle società prosperare? Questo è coerente con i risultati del Fondo monetario internazionale: che i paesi con meno disuguaglianza hanno performance migliori.



Se la maggioranza dei cittadini ritiene che non sta ottenendo vantaggi economici, possono ribellarsi contro il nostro sistema economico e politico, o almeno contro quelle parti di esso che ritengono responsabili. Se la maggioranza crede che la globalizzazione li stia danneggiando, possono ribellarsi contro la globalizzazione.

I risultati delle elezioni negli Stati Uniti e il risultato del referendum sull'adesione della Gran Bretagna all'Unione europea suggeriscono che una rivolta potrebbe essere già in fase di preparazione. E questo è comprensibile: negli Stati Uniti, il reddito medio del 90% della popolazione è rimasto fermo per quasi un quarto di secolo. Secondo il National Center for Health Statistics, l'aspettativa di vita media è diminuita lo scorso anno per la prima volta in più di due decenni.

Negli ultimi anni, Oxfam ha mantenuto sotto controllo la crescita della disuguaglianza globale. Nel 2014, l'organizzazione contro la povertà ha proposto una vivida immagine di un autobus con 85 persone più ricche del mondo - molti delle quali sono presenti a Davos- che detenevano tanto ricchezza quanto quella della metà inferiore della popolazione mondiale . Ogni anno, le persone all'interno di quel bus diminuivana. Quest'anno, Oxfam ha rivelato che un tale grande mezzo di trasporto non era più necessario: un minivan con soli otto uomini (e sono tutti uomini) è sufficiente. Hanno tanto ricchezza quanto 3,6 miliardi di persone.
 
Non a caso, il messaggio non è stato perso dagli alti dirigenti riuniti a Davos. Per alcuni si tratta di una questione morale; per tutti, è di tipo economico e politico. La posta in gioco è il futuro dell'economia di mercato come lo conosciamo. Seduta dopo seduta a Davos, i dirigenti sono stati alle prese con la domanda: C'è qualcosa che le multinazionali di tutto il mondo possono fare per questo flagello che minaccia la sostenibilità politica, sociale ed economica delle nostre economie di mercato democratiche? La risposta è si.

Cominciamo con una semplice idea: pagare le tasse. Questo è il primo elemento della responsabilità d'impresa. Non ricorrere a spostare le tasse in giurisdizioni fiscali più basse. Apple potrebbe sentirsi chiamata in causa; ha fatto solo un lavoro leggermente migliore di evasione fiscale rispetto ad altri.

Non fare uso dei paradisi fiscali e segreti, che si tratti di Panama o delle Isole Cayman nell'emisfero occidentale o dell'Irlanda o il Lussemburgo in Europa. Non incoraggiare i paesi in cui si opera a impegnarsi in concorrenza fiscale, una gara viziata alla base dove i veri perdenti sono le persone povere e semplici di tutto il mondo.

E' vergognoso quando il presidente eletto di un paese sembra vantarsi di non aver pagato tasse per quasi due decenni - il che suggerisce che le persone intelligenti non - o quando una società paga .005% dei suoi profitti in tasse, come ha fatto di Apple . Non è intelligente: è immorale.

L'Africa perde $ 14 miliardi nel gettito fiscale a causa dei super-ricchi che usano i paradisi fiscali, ha calcolato Oxfam, notando che questo sarebbe sufficiente a pagare per l'assistenza sanitaria che potrebbe salvare la vita di 4 milioni di bambini e impiegare abbastanza insegnanti per portare ogni bambino africano a scuola.

Una seconda idea è altrettanto semplice: trattare i vostri operai decentemente. Un lavoratore a tempo pieno non dovrebbe  vivere in condizioni di povertà. In Scozia, il 31% delle famiglie in cui un adulto lavora a tempo pieno sono ancora in condizioni di povertà.

I quadri superiori delle grandi aziende statunitensi ora portare a casa circa 300 volte quello che rivevono i lavoratori medi della stessa società. Questo è molto più che in altri paesi o in altri momenti - e la disparità non può essere spiegato semplicemente per differenziali di produttività. In molti casi, gli amministratori delegati aziendali portare a casa così tanto semplicemente perché possono - così facendo, a scapito non solo dei loro lavoratori, ma della crescita a lungo termine della società. Henry Ford aveva capito l'idea di una buona paga, ma la sua saggezza sembra essere stato persa da alcuni dei dirigenti aziendali di oggi.

Una terza idea è altrettanto semplice, ma sembra sempre più radicale: investire nel futuro della società, nei vostri dipendenti, in tecnologia e capitale. Senza tale investimento, non ci saranno posti di lavoro in futuro e la disuguaglianza potrà solo crescere. Eppure oggi, piuttosto che investire i profitti nella società, una quota sempre maggiore viene travasata agli azionisti. Nel Regno Unito, ad esempio, il 10% degli utili sono stati restituiti agli azionisti nel 1970; questa quota è ora il 70%.

[..]
 
Nel corso dell'ultimo quarto di secolo, in molti paesi, le regole dell'economia di mercato sono state riscritte in modi che hanno migliorato il potere di mercato e causato una maggiore disuguaglianza. 

In tutto il mondo però, ci sono molte aziende, guidate da leader illuminati, che hanno da tempo capito queste massime. Hanno capito che è nel loro interesse personale che la prosperità sia condivisa. Si sono resi conto che l'unica prosperità sostenibile è una prosperità condivisa, e che in quei paesi afflitti  da disuguaglianze sempre crescenti, le regole dovrannno essere riscrittw per incoraggiare gli investimenti a lungo termine, una crescita più rapida e di prosperità condivisa.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti