Il regista ucraino Igor Lopatonok: «Zelensky ha aiutato i neonazisti a conquistare l'Ucraina»

Il regista ucraino Igor Lopatonok: «Zelensky ha aiutato i neonazisti a conquistare l'Ucraina»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dall’avvio dell’operazione militare speciale lanciata dalla Russia per smilitarizzare e denazificare il regime di Kiev, il presidente dell’Ucraina, l’ex comico Volodymyr Zelensky, è assurto agli onori delle cronache occidentali come un cavaliere senza macchia e senza paura che guida il suo paese nella resistenza contro il barbaro invasore russo. 

Questa narrazione dominante nel mainstream occidentale corrisponde al vero?

Chi ha avuto modo di conoscere molto da vicino Zelensky confuta questa immagine. 

Igor Lopatonok, il regista dei documentari sulla realtà ucraina, prodotti da Oliver Stone, ha parlato di come il Paese ex sovietico è stato portato al punto a cui è arrivato oggi. Affermando di conoscere da vicino il presidente Volodymyr Zelensky, Lopatonok - intervistato dal quotidiano turco Aydinlik - ha affermato che Zelensky non è affatto uno statista. Rivelnado di essere stati messi sotto pressione durante le riprese dei documentari e bollati come "agenti russi", il regista Igor Lopatonok ha sottolineato che Zelensky, descritto dai media occidentali come un "dio della pace", ha in realtà consegnato il paese al nazisti. 

Il regista ucraino conosce bene la realtà del paese: «Sono nato ai tempi dell'Unione Sovietica, in Ucraina. Ho vissuto a Mosca per due anni. Nel 2008 mi sono trasferito negli Stati Uniti, nella città di Los Angeles. Ho lavorato lì per molti anni come regista e produttore cinematografico. Abbiamo iniziato a lavorare con Oliver Stone nel 2013. Abbiamo realizzato con lui 4 film e 3 documentari negli ultimi 8 anni. Questi sono 'Fire in Ukraine', 'Ukraine Revealed' e un film chiamato "Kazakh" che non è stato ancora distribuito. Abbiamo completato questo documentario sul leader kazako Nursultan Nazarbayev in due anni in Kazakistan. Abbiamo anche preparato un lungo documentario intitolato “Putin Interviews” con Oliver Stone

Oliver ha lavorato qui come produttore e intervistatore. In questo film abbiamo avuto incontri con Yanukovich e Nursultan Nazarbayev, oltre a Putin. L'inclusione del nome di Oliver Stone in questi film è per noi un elemento di credibilità. Tutti i film di Oliver Stone sono girati secondo la filosofia di "essere sempre freschi". Questi film non raccontano solo cosa è successo in passato. Fanno anche previsioni e indicazioni per il futuro. Abbiamo iniziato il film "L'Ucraina sta bruciando" nel 2013. Poiché gli eventi si sono sviluppati lentamente e sono diventati la Rivoluzione arancione nel 2014, abbiamo dovuto completare rapidamente il film e distribuirlo nel 2016. Perché le cose si stavano muovendo velocemente. E ad un certo punto abbiamo dovuto presentare il film il più velocemente possibile. Ma ora è il 2022 e quando guardi cosa è successo, vedrai che quel film è ancora valido. 

Perché, nei nostri studi fino al 2016, abbiamo visto che la crisi in Ucraina si sarebbe aggravata. In effetti, guarda, questi eventi terribili stanno accadendo ora. Abbiamo tutti una grande tristezza. Ma cosa dobbiamo fare e cosa possiamo fare?

Eravamo molto sotto pressione durante la realizzazione di questo film. Ci hanno costantemente detto di essere agenti russi, state facendo propaganda russa. Tuttavia, abbiamo cercato con tutte le nostre forze di prevenire il male che sta accadendo oggi con quel film. Sfortunatamente, non abbiamo avuto successo in questo senso. Ma non ci fermeremo a questo punto a guardare cosa succede. Dobbiamo ancora lavorare per la pace. Perché pensiamo che ci sia ancora tempo per l'umanità»

Il regista ha parlato anche della figura di Zelensky che ha avuto modo di conoscere da vicino: «Prima del 2008, mi occupavo degli affari di governo in Ucraina. Avevo studiato e lavorato a Mosca. La conversione in Ucraina è avvenuta nel 2005. E ho iniziato a lavorare nell'industria cinematografica. In questo periodo, pur essendo giovane, sono diventato molto ricco. Nell'era dell'impotenza durante il crollo dell'Unione Sovietica, l'Ucraina era diventata una terra di opportunità. Grazie al mio lavoro a Kiev, ho avuto molti rapporti con le persone ricche e importanti in Ucraina. Ho anche conosciuto Zelensky da vicino. Avevamo anche in programma di lavorare insieme, ma non è successo. Anche adesso ho il numero di telefono di Zelenskiy sul mio cellulare. Abbiamo parlato con lui molte volte per motivi di lavoro. Era un noto produttore televisivo, attore, comico e CEO di un importante canale televisivo quando l'ho incontrato nel 2011. Pertanto, so molto bene come Zelensky è salito al potere.

Nelle elezioni, secondo i desideri del popolo stanco delle guerre e dei disordini, Zelensky è stato eletto presidente con la promessa di fermare la guerra e la pace. L'allora presidente Poroshenko aveva trascinato l'Ucraina in una guerra civile. Il popolo ucraino ha anche dato a Zelensky la possibilità di fermare la guerra e costruire la pace. Ma cosa ha fatto? Invece di fermare il tumulto, ha portato a questa guerra che ha precipitato l'intero paese nel disastro. Al giorno d'oggi, sono sbalordito quando vedo le foto nei media occidentali che ritraggono Zelensky come un "dio della pace". Perché quest'uomo è l'opposto di quello che dicono i media occidentali. Zelensky ha aiutato i neonazisti a conquistare l'Ucraina. Ha approfondito i problemi con la Russia. Tuttavia, la possibilità di impedire la guerra con una sola firma apparteneva solo a lui. Se avesse firmato questo trattato di pace, niente di tutto questo sarebbe successo. Il giorno dopo aver vinto le elezioni, avrebbe potuto bloccare tutto con una firma. Per questo, basterebbe attuare l'accordo di Minsk. Invece, Zelensky ha fatto tutto il possibile per impedire l'attuazione dell'accordo di Minsk. La Russia ha ripetutamente chiesto l'attuazione di Minsk. Ma Zelensky e coloro che lo circondano non hanno mai avuto una tale intenzione».

E poi aggiunge: «L'Ucraina ha perso la Crimea, la regione del Donbass è diventata di fatto indipendente. In queste condizioni, l'accordo di Minsk è stato firmato nel 2015. Ma questo accordo non è mai stato attuato. Negli ultimi mesi è stato completamente respinto. Naturalmente, i poteri dietro Zelensky hanno imposto l'abbandono dell'accordo di Minsk. Se Zelensky fosse stato uno statista dignitoso e responsabile, avrebbe attuato l'accordo di Minsk. Tuttavia, si è già fatto un nome grazie all'oligarca Kolomoiski e si è accomodato alla presidenza come comico televisivo. Poi è stato eletto presidente con eventi che hanno funzionato come una sceneggiatura cinematografica. Naturalmente, la sua recitazione può essere molto buona. Ma immagina di essere su un aereo. E seduto al posto del pilota c'è un attore che in realtà non è un pilota, ma interpreta bene il ruolo di un pilota! Zelensky è esattamente quel tipo di presidente. È solo un attore che è stato creato come progetto e interpreta bene la sua parte. Ma gli manca l'iniziativa e l'agilità che dovrebbe avere un presidente. Da bravo attore, è bravo ad essere carino con il pubblico ed è benvoluto. Lo paragono a Barack Obama in questo». 

«In effetti, ci siamo resi conto che Zelensky si sarebbe trasformato in un tale presidente -spiega il regista Igor Lopatonok - quando era stato eletto per la prima volta. Perché in lui non è mai esistita la politica. Atatürk è il miglior esempio di grandi statisti. Riuscì a creare la Repubblica di Turchia dalle ceneri dell'Impero Ottomano. Potrebbe non piacerti Lenin, ma ha avuto la capacità di creare uno Stato grande e avanzato dalle ceneri della Russia zarista»

Sulla grande influenza dei nazisti sul governo ucraino, Lopatonok dice che «dopo il golpe del 2014, il governo centrale dell'Ucraina ha utilizzato questi battaglioni Azov in prima linea nella sua campagna per uccidere persone di origine russa nelle regioni orientali. Hanno persino minacciato l'esercito centrale e lo hanno reso partner nei loro massacri nell'est. Non dovremmo chiamarli neonazisti, perché sono i nazisti più puri». 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti