Il relatore delle Nazioni Unite per la tortura dopo aver indagato sul caso Assange: "Ora ho paura di saperne di più sulle democrazie"

Il relatore delle Nazioni Unite per la tortura dopo aver indagato sul caso Assange: "Ora ho paura di saperne di più sulle democrazie"

Il funzionario, che l'anno scorso ha visitato Assange nella prigione di massima sicurezza di Londra, ha ricordato che l'attivista australiano ha mostrato "chiari segni di prolungata tortura psicologica".

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il relatore speciale delle Nazioni Unite per la tortura Nils Melzer ha affermato che scoprire come la crudeltà subita da Julian Assange dalle democrazie occidentali sia stata premeditata ha aumentato la  sua paura di saperne di più su come funzionano queste democrazie. Il fondatore di WikiLeads rimane incarcerato nella prigione di massima sicurezza di Belmarsh (Regno Unito). 
 
"Oggi un anno fa, ho visitato Assange in carcere. E ha mostrato chiari segni di tortura psicologica prolungata. Per prima cosa sono rimasto sorpreso che le democrazie mature potrebbero produrre un tale incidente. Poi ho scoperto che non è stato un incidente. Ora ho paura di conoscere le nostre democrazie", ha scritto il relatore su Twitter.


 
 
 
 
 
Dopo che gli esperti medici che hanno accompagnato Melzer durante la visita dell'anno scorso hanno concluso che Assange era stato vittima di torture psicologiche a causa del suo arresto arbitrario, il funzionario delle Nazioni Unite ha esortato le quattro nazioni coinvolte: USA, Regno Unito, Svezia ed Ecuador - ad avviare un processo di indagine formale. 
 
Melzer è stato coinvolto nel caso Assange nel marzo 2019, dopo due richieste precedentemente fatte dagli avvocati dell'attivista australiano. Immediatamente, indagando sul caso,  si rese conto che "c'era qualcosa che non andava" .
 
A febbraio, il relatore ha rivelato l'assetto e alcune incongruenze che ha riscontrato in merito ai casi giudiziari contro il fondatore di Wikileaks in Svezia, Regno Unito e Stati Uniti, oltre al trattamento da parte dell'Ecuador dell'attivista. "Assange ha rivelato torture, è stato torturato e potrebbe essere torturato a morte negli Stati Uniti", ha avvertito Melzer.
 
Nello stesso mese, oltre un centinaio di medici hanno sollecitato il Regno Unito e l'Australia in una lettera aperta per porre fine alla "tortura" dell'attivista incarcerato nella prigione britannica in attesa della risoluzione di una richiesta di estradizione negli Stati Uniti.
 
Questa settimana, è stato rivelato che la seconda parte del caso di estradizione negli Stati Uniti di Assange è stato rinviato almeno al prossimo settembre. La decisione è legata alla quarantena imposta dal governo britannico a causa della pandemia di coronavirus.

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni? di Paolo Desogus Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice di Giorgio Cremaschi Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Mascherine all'aperto. La Caporetto della "Scienza" di Francesco Santoianni Mascherine all'aperto. La Caporetto della "Scienza"

Mascherine all'aperto. La Caporetto della "Scienza"

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie... di Giuseppe Masala L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition  di  Leo Essen Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti