Il Venezuela denuncia la "pericolosa e irresponsabile retorica guerrafondaia del governo della Guyana"

Il Venezuela denuncia la "pericolosa e irresponsabile retorica guerrafondaia del governo della Guyana"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ministro della Difesa venezuelano Vladimir Padrino ha messo in guardia dalle implicazioni bellicose contenute nelle recenti dichiarazioni del presidente della Guyana Irfaan Ali.

In precedenza, in un'intervista rilasciata venerdì, il giornalista della BBC Stephen Sackur aveva chiesto ad Ali se le rivendicazioni territoriali venezuelane potessero impedire al suo Paese di realizzare progetti petroliferi nell'Esequibo.

Dopo aver descritto il Venezuela come un vicino "aggressivo", Ali ha affermato che la sua amministrazione ha investito in tecnologia e infrastrutture per l'esercito della Guyana.

"Ma soprattutto, ci siamo allineati con i Paesi e la regione che sono dalla parte della Guyana", ha detto, sottolineando che Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Canada sono tra i membri della coalizione internazionale che lo sostiene.

In risposta a queste dichiarazioni, il Ministro Padrino ha ricordato che il Venezuela riconosce solo l'accordo di Ginevra del 1966, che stabilisce che la soluzione delle questioni di confine tra Venezuela e Guyana deve avvenire attraverso negoziati diretti consensuali e amichevoli.

"Continua la pericolosa e irresponsabile retorica guerrafondaia del governo della Guyana", ha detto il ministro della Difesa bolivariano, osservando che "Ali ha accennato alla possibilità di formare una coalizione internazionale contro il Venezuela".

"Questo mina ulteriormente gli Accordi di Argyle e minaccia la pace regionale. Dovrebbe sapere che la volontà e la determinazione del nostro popolo nel difendere l'Esequibo è più potente di una 'coalizione'. Niente ci fermerà!", ha sottolineato Padrino.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti