World Affairs/Il Venezuela e la sua prossima battaglia contro il terrorismo

Il Venezuela e la sua prossima battaglia contro il terrorismo

 

"Abbiamo mentito, imbrogliato e derubato. Avevamo persino corsi di addestramento", ha dichiarato Mike Pompeo, il segretario di Stato americano l'anno scorso quando era direttore della CIA

Fonte Articolo
 
Imperterrito e con la calma di coloro che sembrano aver approvato tali "corsi di addestramento", Pompeo ritorna su un argomento che aveva già usato tre anni fa per attaccare la rivoluzione bolivariana, accusandola di proteggere le cellule di Hezbollah nel paese. Il ministro venezuelano Tarek El Aissami ha risposto all'attacco.

 
 
Quella do Pompeo non è un'affermazione minore e deve essere presa in considerazione dalle forze di sicurezza venezuelane.
Di fronte alla frammentazione dell'opposizione nel paese , alla smobilitazione della sua base elettorale e alla cannibalizzazione delle sue leadership politiche, gli Stati Uniti non hanno altra scelta che continuare a giocare le tattiche dell'usura sistemica e dell'assedio e aggiungere un componente nel quale hanno una grande competenza: operazioni nere o segrete .
 
Ci riferiamo a tutto lo spettro, dalle sempre presenti operazioni di estrazione di leadership politiche, all'uso di azioni più ostili, come attacchi diretti contro basi militari, uccisioni selettive e bombe. Tutto ciò includeva, senza la minima modestia, la dottrina militare ibrida americana ed esposto nei suoi manuali di Non convenzionale War and Counterinsurgency TC 18-01  e 3-24 .
 
Il motivo è chiaramente operativo. Gli Stati Uniti devono accelerare la pressione che già esercita in termini economici, finanziari e persino psicologici contro la nazione sudamericana.
A Washington sanno che le azioni terroristiche raramente finiscono con i cambiamenti del governo. Piuttosto, sono metodi di pressione per fare progressi sugli obiettivi politici, per sollecitare l'accettazione di condizioni sfavorevoli, per promuovere la rottura del consenso tra alcuni attori della società.
 
Nel caso venezuelano, le aree interessate sono l'unità delle forze armate e la loro aderenza alla Costituzione nazionale, nonché i rapporti tra la società e il governo nazionale.
 
Come intendi farlo?
 
Accademici come Alex Schmid considerano "il terrorismo un metodo ispiratore di ansia". Le azioni violente sono condotte da agenti clandestini individuali, di gruppo o statali, per motivi idiosincratici, criminali o politici e "gli obiettivi diretti della violenza non sono gli obiettivi principali". Inoltre , per ricercatori come Brigitte Nacos , il terrorismo è "davvero un atto di comunicazione".
 
La recente comparsa di gruppi paramilitari in Venezuela - come rivendicato dalla paternità dell'attacco al comando militare 5102, il 22 dicembre 2019 - chiarisce la prospettiva di Nacos.
 
L'operazione Aurora, inaugurandola attraverso una trasmissione video su YouTube, cerca di creare un pubblico. Se i politici dell'opposizione tradizionale non sono stati in grado di capitalizzare l'attenzione, allora questi terroristi saranno gli attrattori per la base sociale che gli Stati Uniti non possono permettersi di perdere in Venezuela.
 
L'attenzione dei media a questo tipo di azioni criminali, come quelle condotte dall'ex agente di polizia, Óscar Pérez, dimostra che per il Pentagono, l'azione terroristica mira a mantenere il paese in uno stato di emergenza permanente , accelerare la sua usura Generare il "crollo della vita di tutti i giorni", nelle parole del leader dell'opposizione Freddy Guevara, responsabile del coordinamento delle garanzie del 2017.
 
Le 5 ipotesi contro il terrorismo
 
Edwin Baker è professore all'Università di Leida nei Paesi Bassi. Ampio conoscitore del fenomeno del terrorismo , ha aperto un dibattito necessario su quali sono i cinque aspetti da prendere in considerazione per realizzare una politica antiterrorismo di successo.
 
Queste dimensioni sono:
 
  • La possibilità di riconoscere un terrorista;     
  • la necessità di radicalizzare la società;
  • il dibattito sull'opportunità o meno di sconfiggere il terrorismo; 
  • l'efficacia o meno della tattica di neutralizzazione delle leadership terroristiche e     
  • la gestione olistica della situazione.
 
La necessità di de-radicalizzare la società è già stata affrontata in modo approfondito in un articolo intitolato 'La più grande minaccia che il Venezuela dovrà affrontare' e abbiamo anche messo in luce la necessità di affrontare in modo olistico le cause che causano la destabilizzazione di un paese . Ma ci sono ancora alcuni nodi da sbloccare.
 
Uno di questi ha a che fare con la possibilità di anticipare o meno la minaccia riconoscendo nel tempo dove, come e chi può unirsi ai ranghi della caotizzazione sociale.
 
Un personaggio come Óscar Pérez , tristemente famoso per aver sparato da un elicottero contro edifici pubblici del governo venezuelano, proveniva da una forza di polizia che aveva squadre accusate di combattere il crimine organizzato. Anche così, non potevano anticipare la minaccia. Un personaggio politico come Leopoldo López, idea di un piano d'azione terroristico come La Salida, proviene dall'alta borghesia del Venezuela. Le persone formate da paramilitari colombiani che hanno partecipato all'assassinio frustrato sono reclutate nelle classi medie. Dozzine di giovani che hanno partecipato alla violenza sociale del 2014 e del 2017 in Venezuela sono stati catturati nelle aree povere della capitale.
 
Sembra che l'approccio al problema non sia degli individui, ma di un contesto che sta rendendo possibile la convergenza di elementi di diversi strati sociali nel punto di violenza. Quindi, piuttosto che riconoscere il terrorista, si tratta di identificare le circostanze che fungono da piattaforma.
 
Alcune considerazioni
 
La domanda che il governo di Nicolás Maduro deve porre non è se si verificheranno attacchi terroristici, ma quando. Ricorda che il paese ha a che fare con gli Stati Uniti, uno dei maggiori promotori del terrorismo in tutto il mondo.
 
Contare le prove a sostegno di questa affermazione non è un motivo per questo articolo, ma varrebbe la pena menzionarne alcuni come la creazione insieme al Mossad dello Stato islamico (vietato in Russia e in altri paesi) e precedentemente di Al Qaeda stesso , omicidi selettivi come quello dei generali Soleimani e Gheddafi , l'incentivo delle guerre civili come nel caso di Ucraina , Libia o Jugoslavia. E questo senza approfondire la promozione dei colpi di stato in dozzine di paesi. Ragioni di cui preoccuparsi, ce ne sono molte.
 
L'azione più grande e più grande da intraprendere è il cambiamento di mentalità. Il Venezuela e qualsiasi paese del mondo hanno il diritto sovrano di difendersi da ciò che considerano le loro potenziali minacce. Lo schema di deterrenza è un successo. Progettato dall'amministrazione del presidente Chavez e con il sostegno dell'armamento russo, mescola una dottrina civico-militare delle sue stesse caratteristiche, con una strategia difensiva A2AD (minaccia di anti-accesso e diniego di area) attualmente considerata un modello, secondo la dichiarazione fatta da ammiraglio James G. Foggo , comandante delle forze navali Usa in Europa e in Africa.
 
"Per quanto riguarda le capacità difensive, come dico agli alleati e ai partner, se sono limitati nella quantità di risorse che hanno e vogliono proteggere le loro coste, allora pensa a cosa fanno i russi con A2AD e ottengono sistemi simili.. Missili da crociera anti-nave. Radar costieri interconnessi ", ha dichiarato Foggo in un'intervista con Defense Writers Group.
 
A quel livello agiamo correttamente, ma dove dovremmo mettere l'accento. La tabella di marcia per l'assedio è già stata dichiarata, due dei vertici sono l'attacco alle forze operative speciali (FAES) e le sanzioni contro il commercio dell'oro . Da un lato, cercheranno di demonizzare i gruppi responsabili di garantire la stabilità e la sicurezza della nazione, dall'altro riempiranno di conflitti la parte meridionale del paese. Lo stato di Bolivar, probabilmente più di qualsiasi altra regione, compreso il confine colombiano, sarà un focolaio questo 2020.
 
La raccomandazione è di non cedere al ricatto o di vergognarsi della necessità e del diritto legittimo di difendere la sovranità del paese.
 
È necessario riesaminare la necessità di erigere un'istituzione che serva a centralizzare le attività di intelligence e controspionaggio del paese. Elimina la dispersione e la duplicazione di sforzi e obiettivi. La creazione del Centro strategico per la protezione e la difesa della patria è stata l'organismo chiamato a svolgere il compito, ma merita ancora un maggiore sostegno. Forse elevarlo a un rango ministeriale può servire a favorire la cooperazione, il coordinamento e la centralizzazione tra le agenzie di sicurezza statali.
   
D'altra parte, dobbiamo mettere sul tavolo, senza complessi, o paure, il dibattito sul finanziamento dell'USAID alle organizzazioni non governative che agiscono come armi parastatali al servizio della destabilizzazione del paese. I messaggi di odio, le richieste di omicidio e violenza nel Paese devono cessare, se speriamo che la radicalizzazione della società cesserà.
 
Il terrorismo può essere sconfitto, ma affinché ciò accada devono essere eliminate le cause che lo rafforzano e lo originano. Compresa la guerra psicologica che il paese desidera mantenere, in uno stato di divisione e conflitto sociale permanente . Non si tratta solo di misure di polizia e militari, è un approccio multidimensionale in cui è anche possibile affrontare i complessi problemi economici e istituzionali che fungono da terra fertile per la promozione dell'odio e della frammentazione sociale. Sconfiggere la minaccia della violenza comporta la ricostruzione come nazione. Questa è la prima misura antiterrorismo.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa