/ "Manuale del colpo di stato" Svelato nel 2008 e ancora attuale. E...

"Manuale del colpo di stato" Svelato nel 2008 e ancora attuale. Ecco come gli USA usano FMI e Banca Mondiale come "armi non convenzionali"

 

Un documento svelato nel 2008 da WikiLeaks mette in discussione l'indipendenza delle principali istituzioni finanziarie internazionali. Nonostante sia stato pubblicato 11 anni fa, "fornisce una visione" della crisi politica in Venezuela.


L'esercito americano usa le principali istituzioni finanziarie globali - la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), tra le altre - come "armi" non convenzionali per promuovere i loro interessi all'estero, secondo quanto rivela un manuale militare segreto del 2008.
 
Il manuale , intitolato "Unconventional War of the Army Special Operations Forces", è stato scritto nel settembre 2008 e svelato da WikiLeaks nel dicembre dello stesso anno. Ora questa organizzazione ha di nuovo richiamato l'attenzione sul documento il 28 gennaio scorso - che descrive come "il manuale del colpo di stato USA" - poiché "fornisce una visione" della crisi politica in Venezuela, così come degli anni che conduce la campagna di pressione economica di Washington contro il paese sudamericano.
 
 

 
La sezione del documento sottolineata da WikiLeaks, intitolata "Strumento finanziario di potere nazionale e guerra americana non convenzionale", suggerisce che le istituzioni globali possono servire come mezzo di guerra economica "in tempi di conflitto, compresa la guerra generale su larga scala", così come per influenzare" le politiche e la cooperazione dei governi statali". Evidenzia inoltre che l'Ufficio per il Controllo dei Beni Stranieri del Tesoro degli Stati Uniti - che sovrintende alle sanzioni statunitensi ad altre nazioni, come il Venezuela, "ha una lunga storia nel portare avanti una preziosa guerra economica".
 
Secondo quanto si legge in questo manuale, l'esercito americano "capisce che una manipolazione correttamente integrata del potere economico può e deve essere una componente della guerra non convenzionale". Inoltre, si ricorda che il Consiglio di sicurezza nazionale - attualmente guidato da John Bolton - "ha la responsabilità principale per l'integrazione di strumenti economici e militari di potere nazionale all'estero".
 
Illusione di "indipendenza"
 
Il manuale "dichiara apertamente" ciò che molti analisti hanno suggerito per decenni: che le istituzioni finanziarie "indipendenti", come la Banca Mondiale e il Fondo monetario internazionale, "sono essenzialmente estensioni al governo degli Stati Uniti" e aumentano i loro obiettivi geopolitici all'estero, afferma
mintpressnews.com/leaked-wikileaks-doc-reveals-how-us-military-uses-of-imf-world-bank-as-unconventional-weapons/254708/">Whitney Webb, giornalista e analista del portale MintPress News.
 
Un esempio di questo, secondo l'esperto, è la Banca Mondiale, che ha sede a Washington e il cui presidente è sempre stato un cittadino statunitense, eletto direttamente dal presidente di quel paese. Washington è anche il maggiore azionista della banca e, quindi, l'unico membro con diritto di veto, mentre il segretario al Tesoro USA Steve Mnuchin è governatore della Banca Mondiale.
 
Da parte sua, il Fondo monetario internazionale è anche in gran parte "dominato" dall'influenza e dal finanziamento di Washington, che è il suo maggiore azionista e paga anche la più alta tassa per il mantenimento dell'istituzione, ricorda Webb. E avverte che queste organizzazioni possono usare i loro prestiti e sovvenzioni per "catturare" le nazioni indebitate.
 
Venezuela e altri obiettivi in America Latina
 
In questo senso, l'analista sottolinea che, data la stretta relazione tra il governo degli Stati Uniti e queste istituzioni, "non dovrebbe sorprendere" che l'oppositore venezuelana Juan Guaidó, chiede fondi al FMI "e, quindi, un debito controllato dal Fondo monetario internazionale" per finanziare " il suo governo parallelo."
 
Secondo Webb, questo è "molto significativo" perché dimostra che i principali obiettivi di Guaidó, così come privatizzare le massicce riserve di petrolio in Venezuela, passa "a riportare il paese a macchina di debito controllato dagli Stati Uniti."
 
Un altro obiettivo di queste "armi finanziarie" è stato l'Ecuador, il cui attuale presidente, Lenin Moreno, "ha cercato di riportare il paese nelle grazie Washington" e ha effettuato un "audit" per l'asilo del fondatore di WikiLeaks Julian Assange per guadagnare 10 miliardi di dollari dal Fondo monetario internazionale. Anche in questa lista è inclusa l'Argentina, che l'anno scorso ha ottenuto il più grande prestito di salvataggio nella storia del Fondo monetario internazionale, guidato in gran parte dagli Stati Uniti.
 
In breve, anche se il manuale trapelato è stato pubblicato un decennio fa, serve come "un importante richiamo sul fatto che la cosiddetta 'indipendenza' 'di queste istituzioni finanziarie è" un'illusione 'e sono tra le molte armi finanziarie' che il governo degli Stati Uniti usa regolarmente per piegare i paesi alla loro volontà e persino rovesciare i governi in difficoltà", conclude Webb.
 
 
 
Fonte: WikiLeaks, Reuters - Foto
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa