Impennata di Sanders nei sondaggi, ma la lobby israeliana investe un sacco di soldi per minare la sua corsa in Nevada

Impennata di Sanders nei sondaggi, ma la lobby israeliana investe un sacco di soldi per minare la sua corsa in Nevada

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Fonte Articolo
 
Dopo essere emerso come leader democratico in seguito alle primarie dello Iowa e del New Hampshire, Bernie Sanders si dirige verso il Nevada in testa ai sondaggi ma di fronte a una nuova opposizione: la lobby israeliana e le sue vaste riserve di liquidità.


 
Nonostante sia stato sconfitto nello Iowa da Pete Buttigieg (con l'aiuto di un'app di voto malfunzionante, sostengono i suoi sostenitori), il senatore del Vermont Bernie Sanders è uscito vittorioso nelle primarie della scorsa settimana nel New Hampshire. Con le primarie del Nevada a solo una settimana di distanza, un sondaggio pubblicato da Morning Consult questa settimana ha portato il senatore progressista a dieci punti di vantaggio su Joe Biden, ex vice presidente e fino ad ora, presunto leader della nomination per il 2020.
 
Mentre la notizia ha stimolato i sostenitori di Sanders, ha anche motivato i principali esponenti democratici che hanno ripreso a criticare e definire Sanders come un " comunista "  e una "versione di sinistra di Trump".
 
 
Questi sono punti di discussione familiari a Sanders, che ha trascorso tutta la sua vita politica come un socialista dichiarato. Eppure Sanders ora affronta nuovi attacchi dalla potente lobby israeliana.
Democratic Majority for Israel (DMFI) è un super PAC guidato dal sondaggista democratico Mark Mellman. A una settimana dalla fine dello showdown del Nevada, il gruppo ha trasmesso annunci pubblicitari che criticano l ' "electability" di Sanders, un concetto nebuloso che nessuno tranne gli strateghi politici sembrano capire.  
 
Per l'organizzazione di Mellman, la strategia non è nuova. DMFI ha speso $ 800.000 in annunci anti-Sanders nello Iowa, spingendo Sanders stesso a presentare gli "interessi di denaro" per aver tentato di far deragliare la sua campagna con "annunci negativi". L'importo esatto speso in Nevada è ancora sconosciuto.
 
Le pubblicità dello Iowa non attaccavano direttamente Sanders sulla sua politica israeliana - che è considerevolmente più morbida di qualsiasi recente amministrazione e limiterebbe gli aiuti allo stato ebraico a meno che la sua politica di insediamento non venga invertita. Invece lo hanno cestinato per le sue opinioni "socialiste" e hanno messo in evidenza il suo recente attacco di cuore come prova della sua mancanza di "eleggibilità".
 
Il lobbismo israeliano a Washington è di solito il dominio dell'American Israel Public Affairs Committee (AIPAC), un'organizzazione che  nel 2016 ha speso più di $ 3,2 milioni in attività di lobbying federale. In particolare, AIPAC è stato costretto a scusarsi con i democratici di casa questa settimana per una campagna pubblicitaria che definito le esponenti del congresso musulmane Rashida Tlaib (Michigan) e Ilhan Omar (Minnesota) - apertamente oppositori della politica israeliana - un minaccia "radicale" "forse più sinistra" dell'ISIS. 
 
L'AIPAC ha negato che la sua direzione abbia avuto a che fare con la campagna pubblicitaria.
 
L'AIPAC ha sempre fatto pressioni sui politici da entrambi i lati della navata. Tuttavia, il presidente Trump ha già concesso a Israele una lista dei desideri - sostenendo la pretesa di Israele sulle alture del Golan, riconoscendo Gerusalemme come capitale di Israele e presentando un piano di pace fortemente ponderato a favore di Israele. Con Trump da una parte e Sanders, Tlaib e Omar dall'altra, l'organizzazione non può quindi pretendere di non favorire nessuna festa a Washington.
 
Quel lavoro partigiano è lasciato ad organizzazioni come DMFI, le cui pubblicità l'AIPAC afferma di non essere coinvolta. Tuttavia, The Intercept ha riferito che l'AIPAC sta permettendo alle donazioni a DMFI di essere conteggiate come donazioni all'AIPAC, con grandi contributi in denaro che acquistano ai donatori l'accesso all'elenco AIPAC di membri congressuali amichevoli, il tutto senza implicare l'AIPAC nella campagna diffamatoria di Sanders. Il sito investigativo ha anche riferito che DMFI è gestito da una schiera di ex-allievi AIPAC, che sono passati per concentrare i loro sforzi di lobbying esclusivamente sul Partito Democratico, a seguito della deriva a destra del GOP su Israele negli ultimi anni.
 
Come per la campagna pubblicitaria Tlaib / Omar, l'AIPAC ha negato le rivelazioni di The Intercept.
Per Sanders, che è ebreo, la spesa pubblicitaria di DMFI e il presunto supporto dell'AIPAC alla campagna costituiranno un ostacolo alla vittoria in Nevada. Tuttavia, se l'esperienza del DMFI in Iowa è qualcosa da fare, nemmeno montagne di denaro possono fermare lo slancio del senatore del Vermont. La campagna di Sanders ha raccolto $ 1,3 milioni dopo che il candidato progressista aveva avvertito i sostenitori di un "gruppo di spesa esterno" che tentava di annullare i suoi sforzi nello Iowa.
 
Anche il team di Sanders sembra non essere sorpreso dalle prossime pubblicità. "Difficile pensare a una misura di eleggibilità migliore rispetto alla conquista dei primi due stati", ha dichiarato il direttore delle comunicazioni Mike Casca a Mediaite mercoledì scorso.
 
 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti