Intelligence russa: gli USA reclutano membri dell'ISIS come mercenari da inviare in Ucraina

Intelligence russa: gli USA reclutano membri dell'ISIS come mercenari da inviare in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In Ucraina gli Stati Uniti ormai hanno deciso di raschiare il fondo del barile pur di lottare contro la Russia. Il Russian Foreign Intelligence Service riferisce che gli Stati Uniti stanno reclutando militanti in Siria, compresi i terroristi dell’ISIS. 

Secondo l'intelligence di Mosca, i militanti fedeli agli Stati Uniti vengono addestrati presso la base statunitense Al-Tanf in Siria per il dispiegamento in Ucraina.

Si noti che in questo "centro terroristico" viene effettuato contemporaneamente l’addestramento di all’incirca 500 militanti ISIS fedeli agli Stati Uniti e di altri jihadisti.

Il Foreign Intelligence Service ha aggiunto che "la priorità è data ai militanti provenienti dagli Stati del Caucaso e dell'Asia centrale".

Tra le altre cose, i militanti sono addestrati all'uso di sistemi missilistici anticarro, droni da ricognizione e d'attacco MQ-1C, nonché apparecchiature avanzate di comunicazione e sorveglianza.

Secondo l'SVR, "i distaccamenti speciali formati da jihadisti sono volti principalmente a compiere azioni di sabotaggio e terroristiche contro unità delle forze armate russe in Siria, e ora anche in Ucraina".

In precedenza, il direttore del Foreign Intelligence Service, Sergei Naryshkin, aveva affermato che il risorgere del neonazismo in Ucraina rappresenta una minaccia per tutta l'Europa. 

Insomma, anche in Ucraina gli Stati Uniti ricorrono a quei terroristi che storicamente hanno creato e poi utilizzato ai propri scopi. Creando mostri di cui in seguito hanno perso il controllo. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai